Esposto dei ristoratori contro i virologi: "Non parlino più a titolo personale"

Paolo Bianchini, presidente del Movimento Imprese Ospitalità, spiega a ilGiornale.it le motivazioni dell'esposto presentato contro i virologi. "Parlino solo su evidenze scientifiche", dice

“La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la dichiarazione in cui Fabrizio Pregliasco che ha detto che dobbiamo dimenticarci pranzi e cene per tutto il 2021. Devo capire se l'ha detta a titolo personale o se c'è qualche evidenza scientifica e, allora, ce le mostrassero. Altrimenti si crea solo panico tra gli imprenditori e gli italiani e basta". Così Paolo Bianchini, presidente nazionale di MIO (Movimento Imprese Ospitalità), spiega a ilGiornale.it le motivazioni che lo hanno spinto a presentare un esposto alla Procura di Viterbo contro i virologi che creano allarmismo.

"Se i virologi parlano a titolo personale è bene che si assumano le responsabilità di quello che dicono", rincara la dose Bianchini che, a nome dei suoi associati, vuole "verificare se esiste il reato di procurato allarme". E aggiunge: "Così facendo si ottiene il contrario di quello che si vorrebbe ottenere attraverso un'informazione corretta che gli italiani devono ricevere affinché la pandemia sia contenuta”. Secondo i ristoratori, infatti, i loro locali sono più sicuri dell'ambiente familiare "che porta inevitabilmente ad abbassare la guardia perché è chiaro che in casa ti senti più libero di girare senza mascherina". Bianchini è convinto che "se ci avessero lasciato aprire, anziché criminalizzarci, tutti questi disastri non ci sarebbero stati perché nei ristoranti ci sono più controlli che a casa".

“I dati dicono che la percentuale di contagi nei ristoranti è intorno all'1%, mentre nei trasporti pubblici tale percentuale sale al 17%", spiega Bianchini, visibilmente preoccupato per il futuro del suo settore. "Quest'anno - dice il presidente di Mio - c'è il rischio che chiudano 250mila tra bar e ristoranti, ossia più della metà dei locali di ristorazione esistente. Ma non solo. La Dia ha già accertato che la mafia si sta impossessando di alcune di queste attività".

Ed è per questo che i proprietari di bar, ristoranti, pub e pizzerie vogliono vedere le evidenze scientifiche che hanno portato alla chiusura dei loro locali, a maggior ragione ora che il governo sembra intenzionato a impedire l'asporto anche dopo le 18. "Noi abbiamo iniziato pesantemente a prendere di petto questa situazione da quando è uscito il famoso verbale del Cts del 17 ottobre in cui gli scienziati davano il via libera all'apertura dei locali”, sottolinea Bianchini ribadisce che "ora qualcuno si assuma la responsabilità dei danni che sta provocando”. I ristoratori chiedono di poter lavorare come è avvenuto questa estate e nei mesi di settembre-ottobre: "Noi - conclude Bianchini - dobbiamo lavorare a pranzo e a cena tranquillamente senza che vengano colpevolizzate le nostre attività. Serve un'opera di trasparenza nella comunicazione dei virologi e un'assunzione di responsabilità dei ristoratori, ma l'1% di contagi che si verifica nei nostri locali è una percentuale ridicola”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Calmapiatta

Lun, 11/01/2021 - 14:14

Abbiamo di fronte un virus influenzale, molto pervasivo, che aggredisce, soprattutto, gli anziani e i fragili. Il 90% dei positivi non presenta sintomi o è, al massimo, paucisintomatico. Il governo nulla ha fatto per potenziare la sanità e mettere in sicurezza le RSA, ma continua, imperterrito, a massacrare la cittadinanza. Siamo alla follia!

stefano.f

Lun, 11/01/2021 - 14:27

1) Un governo degno di tale nome dovrebbe anzi deve non permettere comunicati da parte di terzi .Limitarne il più possibile e solo attinenti a questioni scientifiche. 2) Contro pregliasco e suoi simili qualunque azione deve essere perseguita in tutte le sedi possibili a iniziare da subito!

stefano.f

Lun, 11/01/2021 - 14:29

La parola a questi pare virologi...VA DA SUBITO TOLTA! Ma il colpevole è sempre solo UNO : questo governo!

tiromancino

Lun, 11/01/2021 - 15:01

E beh, Pregliasco se l'è andata a cercare, così capiremo meglio

mariolino50

Lun, 11/01/2021 - 15:07

Credo che abbiano ragione, al ristorante per andare al cesso mettevo la mascherina, in casa no di certo, e qualcuno viene in casa mia. Come la buffonata del coprifuoco come sotto le bombe, secondo loro il virus di notte è più cattivo, forse sui bus e le poche metro si, molto più facile prenderlo di giorno, intanto noi lo prendiamo di giorno e di notte, in quel posto.

Calmapiatta

Lun, 11/01/2021 - 16:21

@mariolino50 famigerato virus vampiro. E poi perchè l'asporto solo fino alle 22? Perchè non fino alle 24? Almeno in casa mia sarò padrone di mangiare a che cacchio di ora voglio? Regole incomprensibili. Intanto nelle RSA, fabbriche reali del virus, nessuno mette piede!

baio57

Lun, 11/01/2021 - 16:22

@ calmapiatta Se poi stiamo alle ultime su Ranieri Guerra ,si completa il cerchio.

Giorgio Colomba

Lun, 11/01/2021 - 16:47

Terrifica et impera.

Eridano

Lun, 11/01/2021 - 17:17

Almeno se dessero un parere comune, ma qui ognuno dice quello che gli pare, con conseguente caos

Lea2013

Lun, 11/01/2021 - 17:22

Finalmente si comincia a chiedere conto di dichiarazioni prive di supporto scientifico certo. I "potrebbe", i "forse", riempiono le dichiarazioni e i commenti dei cosiddetti esperti. Oltre ai danni alla sopracitata categoria vi sono poi i danni incalcolabili in termini di disagio psichico e di costante allarme che tutto cio' produce. Quindi accertare la responsabilita' di questo modo di comunicare e' una esigenza sorta da tempo. Il racconto della realta' di oggi e' la componente fondamentale del problema, pur serio, sanitario.

Korgek

Lun, 11/01/2021 - 18:01

La gente comincia a stufarsi. Non è possibile in un paese civile che un gruppo di virologi che se la fanno sotto (Pregliasco, Galli, Burioni, Ricciardi, ecc.) possa decidere del destino economico di una nazione. Adesso sembra che abbiano spostato la riapertura degli impianti dal 18 a fine gennaio. L'azienda dove lavora mia moglie, che produce impianti di innevamento, è pronta a cassaintegrare tutti e successivamente a licenziare. Medici da strapazzo al quale bisogna stare alla larga e non dare loro più ascolto. Date voce al Dott. Mozzi piuttosto!

ClaudioD1961

Lun, 11/01/2021 - 18:57

comprendo l'importante numero di decessi, ma credo che dopo quasi un anno, i sig. virologi si prendano direttamente le responsabilità di quello che affermano, spesso sono in contrasto tra di loro, gli unici comunicati sono e rimangono del Governo, la gente è stanca di sacrifici che fino ad ora non hanno portato a nulla di concreto, non sono cambiati gli indici, anzi peggiorati, distrutto l'economia ed tra poco dovrà perforza di cose cessare la socialità, troppo debito che pagheranno le future generazioni, troppe mancette che non hanno risolto il problema dell'economia..

treumann

Lun, 11/01/2021 - 18:59

Completamente solidale con i ristoratori e gli esercenti. Senza se e senza ma.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 11/01/2021 - 19:55

Questa categoria, e non solo, l'hann odistrutta completamente. Si mettessero nei loro panni, invece di fare i bulli dittatori.

AlvinS83

Lun, 11/01/2021 - 19:55

I ristoratori non hanno capito chei l governo li vuole fare fuori. Niente aiuti, solo chiusure e prese in giro

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 12/01/2021 - 12:33

però i ristori al 100% lo hanno dato ai finti profughi