Eutanasia, Francesca Chaouqui contro Dj Fabo: "È un vigliacco, non un eroe"

Dj Fabo ha scelto di sottoporsi all'eutanasia in Svizzera. La notizia della sua morte ha aperto un lungo dibattito. Anche Francesca Chaouqui ha espresso il suo parere su Facebook

Eutanasia, Francesca Chaouqui contro Dj Fabo: "È un vigliacco, non un eroe"

"Fabo è morto alle 11.40 in Svizzera, ha scelto di andarsene rispettando le regole di un Paese che non è il suo", così Marco Cappato, dell'Associazione Luca Coscioni, ha annunciato su Facebook il decesso di Fabiano Antoniani, il 40enne cieco e tetraplegico dal 2014.

La storia di Dj Fabo ha fatto commuovere tutti. L'incidente che gli ha cambiato la vita, la sua richiesta di una legge e la sua morte in Svizzera hanno creato due "schieramenti": chi è con lui e chi è contro. Francesca Chaouqui, ex membro della Cosea, la Commissione referente di studio e indirizzo sull’organizzazione delle strutture economiche e amministrative della Santa Sede, ha espresso il suo parere tramite il suo profilo Facebook.

"Io sto con quelli che lottano - si legge -. Come mia zia per 68 anni su una sedia a rotelle. Come la mia maestra delle elementari per 20 anni a letto a somministrare speranza a chiunque andasse a trovarla. Sto con i padri e le madri di chi è immobile eppure non si arrende. Sto con la vita. Che comunque sia è sempre degna di essere vissuta. E DJ Fabo è un vigliacco non un eroe. Gli eroi sono quelli che restano, quelli che sperano, quelli che nonostante tutto vanno avanti senza mollare mai. Mai. Gli eroi sono i medici che salvano la vita, comunque essa sia. Non chi somministra la morte travestita da libertà. Io sto dalla parte delle vita. E voi?".

Il post di Francesca Chaouqui ha sollevato un duro dibattito su Facebook.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti