Faenza, cane trova fazzoletto e lo mastica per gioco: morto di overdose

A parlare di intossicazione da sostanze stupefacenti è stato il veterinario. L'animale, dopo aver ingerito parte di quella carta, presentava un comportamento strano, con occhi sbarrati e battito molto accelerato

Faenza, cane trova fazzoletto e lo mastica per gioco: morto di overdose

Per strada, durante la sua consueta passeggiata, ha trovato un fazzoletto e dopo averci giocato si sarebbe sentito male, fino a morire nei giorni successivi. È accaduto a Faenza, dove un cane, dopo aver masticato il tovagliolo di carta, è morto a causa di una overdose da stupefacenti, probabilmente ecstasy o metanfetamina. A ipotizzare la causa del decesso dell'animale domestico, secondo quanto riportato da Il resto del Carlino, è stato un veterinario, che avrebbe parlato di una vera e propria intossicazione da droga.

La denuncia

Il cane, un Jack Russel di nome "Roby", sarebbe morto qualche giorno fa nella città romagnola, prima della notte di San Silvestro, per aver ingerito la sostanza contenuta in quel lembo di carta. A raccontare l'episodio è stato un socio della sezione dell'Enpa, l'ente nazionale che si dedica alla protezione degli animali. In base a quanto riportato, l'animale domestico appartenente a un'anziana si sarebbe sentito male nei pressi di viale IV Novembre, uno dei luoghi preferiti dal cane, che ogni giorno passava di lì per salutare Totò, un altro amico a quattro zampe.

L'abitudine del cane

Secondo quanto racconato, il cane rimasto vittima dell'intossicazione, da qualche tempo aveva preso l'abitudine di masticare i fazzoletti di carta trovati per strada. Ma nessuno, compresa la padrona, si sarebbe immaginata un epilogo simile. Così, nel pomeriggio del 28 dicembre scorso, "Roby" si sarebbe imbattuto in un lembo di carta a terra e avrebbe iniziato a giocarci, sputandolo però subito dopo.

L'effetto della droga

Ma una volta tornato a casa, il Jack Russel avrebbe assunto comportamenti allarmanti, iniziando a girare fortissimo su se stesso, mordendosi la coda in maniera molto frenetica. La donna, vedendo il proprio animale domestico in preda a un comportamento mai avuto prima, aveva contattato subito il veterinario, Stefano Bulzacca. Che, in seguito, ha spiegato quali fossero le condizioni del cane: "Presentava una forma eccitativa spaventosa: temperatura altissima, occhi sbarrati, un quadro clinico incredibile, mai visto in tanti anni di carriera".

L'intervento sull'animale

Il veterinario ha poi spiegato che il cane è stato sedato la mattina successiva, ma il suo quadro clinico era già peggiorato: "L'animae presentava un battito cardiaco molto rallentato, respiro affannato e temperatura bassissima. Abbiamo rialzato la temperatura in gabbia termica e gli abbiamo praticato della fluido-terapia per alzare la pressione, che aveva a valori bassissimi". In base a quanto spiegato dal veterinario, l'animale sembrava essersi ripreso anche se, vedendo come deambulava, sembrava aver subito delle lesioni cerebrali. Il Jack Russel è morto poche ore dopo.

L'overdose

Secondo quanto riportato dal veterinario dell'animale, il cane potrebbe essere morto a causa della droga: "Per anni ho seguito animali di alcune comunità di tossicodipendenti e ho visto che gli effetti di abusi di quelle sostanze erano proprio quelle che il cane aveva. La cosa è poi stata segnalata ai carabinieri di Faenza". Il dottore ha poi dato come indicazione ai proprietari di prestare massima attenzione ai propri animali domestici, tenendoli al guinzaglio corto e fare in modo che nessuno di loro ingerisca nulla per strada.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento