La figlia nasce con disabilità. I genitori: "Staccatele la spina"

Una coppia di coniugi americani, dopo aver ricorso alla surrogazione, rifiutano la figlia nata perché gravemente malata. "Staccatele la spina", scrivono in una lettera inviata ai medici dell'ospedale

"Staccatele la spina". Sarebbe stata questa la richiesta espressa da due coniugi americani ai medici dell'ospedale quando hanno scoperto che la figlia, nata da madre surrogata, era gravemente malata.

Questa terribile storia, è stata racconta sulle pagine di Abc news appena qualche giorno fa ma i tempi della narrazione sono ben più lunghi. Tutto, infatti, è cominciato tre anni fa quando Matthew S.E.T (39) e sua moglie Irmgard P (61) decidono di stipulare un contratto di surrogazione con una ragazza ucraina. Nel 2016, la donna dà alla luce due gemelli ma, data la prematurità del parto, avvenuto alla venticinquesima settimana di gestazione, uno dei due bambini muore alla nascita. L'altra creatura, a cui viene dato il nome di Bridget, riesce a sopravvivere ma riporta grossi danni celebrali, motori e respiratori. Nei primi mesi di vita, infatti, la bambina è costretta a cure mediche intensive e necessita di essere alimentata con un macchinario. La sua vita è appesa ad un filo e, come se non bastasse, i suoi genitori non sembrano per nulla intenzionati a prendersene cura.

Appresa la notizia dello stato di salute della loro unica figlia, quella che tanto avevano desiderato da ricorrere alla pratica dell'utero in affitto, decidono di non volerne sapere. Dunque, lasciano la bambina nell'ospedale di Kiev, in balia di sé stessa, e tornano in California. Ma non è tutto.

Trascorsi alcuni mesi, i due coniugi fanno sapere con una lettera inviata ai sanitari della struttura presso cui è ricoverata Bridget, che non intendono farsi carico della situazione. "Staccatele la spina", scrivono nella epistola lasciando intendere (neanche poi tanto velatamente)che sarebbe meglio "disfarsi"della innocente creatura. "Il 25 maggio 2016, abbiamo appreso che Etneire (sic) Pagan Irmgard Bridget è malata mentalmente e fisicamente – continuano - è in uno stato vegetativo e non ha possibilità di diventare una persona normale ... I medici che abbiamo consultato qui consigliano e raccomandano di interrompere qualsiasi trattamento così che possa trovare la pace ... " Di una crudeltà spietata e disumana.

Per fortuna, i medici dell'ospedale declinano la richiesta e preferiscono, piuttosto, affidarla ad un orfanotrofio di Sonechko, vicino Kiev.

Da quel giorno, Bridget vive in una casa famiglia ma non può essere adottata perché legalmente è ancora figlia della coppia americana ed è quindi sprovvista di cittadinanza ucraina. In buona sostanza, è un'apolide. A prendersene cura è Marina Boyko, una infermiera pediatrica che segue la bambina fin dal primo giorno in cui l'ha ricevuta in affido. "Personalmente, penso che Bridget - afferma l'infermiera - è la bambina migliore, più bella, più gioiosa e più intelligente che possa mai esistere. Merita una famiglia che la ami".

Ma il futuro della piccola è ancora molto incerto. Se non sarà possibile trovarle una famiglia, all'età di 7 anni sarà trasferita in un'altro istituto dove non riceverà più alcuna assistenza medica e di sostegno.Una tale scelta, potrebbe allontanare Bridget anche dalla sua amata Marina Boyko, il suo unico e solo punto di riferimento.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

blu_ing

Gio, 29/08/2019 - 20:20

questo e' possibile poiche' si crede che con i soldi si puo comprare la vita umana a patto che sia di gradimento, bxxxxxxi gli acquirenti che nn sono genitori, non avendo generato nulla, non gradiscono il pacco che e' rotto, bxxxxxxa la mamma che ha venduto parte della sua vita e bxxxxxxi i politici e i giudici che permettono sto schifo, dicendo in nome di un ateismo che e' peggiore del satanismo, che va tutto bene

blu_ing

Gio, 29/08/2019 - 20:24

poi i sani sarebbero loro naschio 39 anni e femmina 61, in dialetto mia nonna a ste tizie le chiamava "streppe", non ho mai capito in fondo cosa volesse significare, ma credo che ci di avvicini molto sterile come la steppa siberiana, sterile di vente e decelebrata di cervello, una perfetta idiota

blu_ing

Gio, 29/08/2019 - 20:24

poi i sani sarebbero loro naschio 39 anni e femmina 61, in dialetto mia nonna a ste tizie le chiamava "streppe", non ho mai capito in fondo cosa volesse significare, ma credo che ci di avvicini molto sterile come la steppa siberiana, sterile di ventre e decelebrata di cervello, una perfetta idiota

cgf

Gio, 29/08/2019 - 20:48

Matthew S.E.T (39) e sua moglie Irmgard P (61) spero sia un errore, già due così... ok, non esprimo come vorrei il mio dissenso, ma avete già capito

DIAPASON

Gio, 29/08/2019 - 20:49

le barbarie delle conquiste progressista

adal46

Gio, 29/08/2019 - 21:46

Tragedie umane volute e praticate da umanoidi disumani, sostenuti da leggi omicide di cui la società dovrà rendere conto.

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Gio, 29/08/2019 - 22:43

Della serie: bambini considerati come degli oggetti da esibire in pubblico, perfetti fisicamente e mentalmente, belli come dei bambolotti, possibilmente capelli biondi e occhi azzurri e fatti nascere a Los Angeles (vedi figlio di Chiara Ferragni o di Milly Carlucci) per fargli avere automaticamente il passaporto americano, che devono saper suonare bene il pianoforte, cantare e recitare...insomma se non sono perfetti, allora si può anche staccare la spina: che genitori dal cuore "grande"...di pientra, però...

Divoll

Gio, 29/08/2019 - 22:55

Che belle persone, eh? proprio belle, dall'inizio alla fine.

yulbrynner

Gio, 29/08/2019 - 23:11

Brutta gente

utherpendragon

Ven, 30/08/2019 - 00:52

succederà anche qui. Lasciate fare alla Cirinnà, a Vendola e alla Boldrini.

Papilla47

Ven, 30/08/2019 - 09:40

Sana e bianca (alti belli e biondi) sono presupposti essenziali altrimenti pussa via. E' il sintomo della fine dopo una decadenza che non c'è stata mai nel mondo.