Filtro automatico al porno su internet, la Lega firma la norma

Ecco il parental control che solo il consumatore titolare del contratto di accesso alla rete potrà disattivare. Dubbi su rischio censura e applicazione

In Italia, il porno su internet verrà bloccato automaticamente. Al fine di tutelare i minori, solo il consumatore titolare del contratto di accesso alla rete, che deve essere maggiorenne, potrà disattivare il filtro di controllo, rivolgendosi al proprio operatore telefonico e facendone richiesta esplicita.

Porno su internet bloccato in automatico

Come riportato da Repubblica, questo sarà possibile se verrà approvato il testo attuale di conversione della legge sulla Giustizia sulle intercettazioni. Nel quale testo, un emendamento della Lega ha inserito l'articolo 7 bis, Sistemi di protezione dei minori dai rischi del cyberspazio. "I contratti di fornitura nei servizi di comunicazione elettronica disciplinati dal codice di cui al decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259 devono prevedere tra i servizi preattivati sistemi di parental control ovvero di filtro di contenuti inappropriati per i minori e di blocco a contenuti riservati ad un pubblico di età superiore agli anni diciotto", specificando che questi servizi devono essere gratuiti e che solo il titolare del contratto può disattivarli.

Per fare in modo che i consumatori possano fare scelte consapevoli, i gestori di telefonia, di reti televisive e di comunicazioni elettroniche, assicurano pubblicità adeguate di questi servizi. Si legge inoltre che "in caso di violazione degli obblighi di cui ai commi precedenti l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ordina all'operatore la cessazione della condotta e la restituzione delle eventuali somme ingiustificatamente addebitate agli utenti, indicando in ogni caso un termine non inferiore a sessanta giorni entro cui adempiere".

Tempi stretti per una eventuale modifica

Il testo si trova ora nelle mani della commissione competente alla Camera, per poi arrivare in Aula. Tutto deve necessariamente essere chiuso il 29 giugno, giorno in cui scadono i termini della conversione della legge. Quindi forse non vi sarà il tempo per effettuare modifiche. Si tratta di un decreto del governo, e la sua decadenza potrebbe di fatto aprire le porte a una crisi nella maggioranza.

Come comunicato a Repubblica, al momento l'articolo si prenderà un parere formalmente favorevole da parte della Commissione permanente IX Trasporti alla Camera, anche se alcuni suoi componenti sono alquanto scettici e hanno chiesto al governo di non rendere subito il testo attuativo. Almeno non prima di un passaggio con gli operatori. Come spiegato dal commissario di Commissione Enza Bruno Bossio del Pd, che ha sottolineato come una modifica non sia fattibile a causa dei tempi stretti.

Il regalo della Lega

Il senatore della Lega Simone Pillon, ha così commentato: “È stata accolta (una volta ogni tanto la maggioranza ci ascolta) la mia proposta, che rappresenta la cosa che mi sta più a cuore: l'introduzione dell'obbligo per i fornitori di telefonini, tablet, laptop, tv e altri device di preinstallare gratuitamente sugli apparati un filtro per bloccare contenuti violenti, pornografici o inadeguati per i minori". Pillon ha spiegato che i suoi bambini, come molti altri, hanno accesso quotidiano a internet, anche per necessità scolastiche, e devono quindi essere tutelati. Un piccolo regalo, come sottolineato dallo stesso leghista, ai genitori che desiderano proteggere i loro figli dalle insidie di internet. L’avvocato Fulvio Sarzana, specializzato in diritto di internet, ha però tenuto a precisare che “all'estero tentativi simili si sono scontrati con problemi insormontabili e il grosso rischio di favorire solo la censura di internet. È il motivo per cui una legge simile è stata bloccata dalla Corte Suprema degli Stati Uniti ed è stata sospesa indefinitamente nel Regno Unito".

Tentativi simili già fatti all'Estero

Sembra infatti che non si possa bloccare un contenuto vietato ai minori, senza impedire l’accesso anche a contenuti che sono invece leciti. L’esempio fatto è quello del presidente americano Jimmy Carter, che nel 1976 aveva concesso a Playboy un’intervista. Con un filtro simile i minori non avrebbero mai potuto leggerla. Stefano Quintarelli, esperto di questioni legate alla rete, ha commentato: "La norma è inapplicabile, chi stabilisce cosa sia un contenuto inappropriato? E come filtrare quelli criptati, tenendo conto che sul web ora tutto è cifrato? Inoltre credo sia incompatibile anche con normativa sulla neutralità della rete".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ROUTE66

Ven, 19/06/2020 - 14:48

Ci sono sedicenni molto più svegli di noi ultrasessantenni. E se si tratta di smanettare sulla rete danno dei punti anche ai genitori.Non meravigliamoci se saranno i nostri ragazzi e nipoti a tagliarci fuori dalla rete

ROUTE66

Ven, 19/06/2020 - 14:54

VISTO COME SONO SVEGLI I NOSTRI NIPOTI,SAPETE COME ANDRà A FINIRE CHE I TAGLIATI FUORI DALLA RETE SAREMO NOI(quelli di una certa età)

stefano1951

Ven, 19/06/2020 - 15:10

Di programmi "parental control" ne esistono molti, il mio timore e il mio sospetto è che si parta da un punto condivisibile per arrivare, tutti i politicanti lo bramano, a filtrare qualunque altra cosa giri in rete e non piaccia ai governanti: chiunque siano. Tale la Cina che piace molto a maggioranza (m5s+pd) ed opposizione (lega).

antipifferaio

Ven, 19/06/2020 - 15:15

Un filtro automatico lo dovrebbero mettere anche a voi per gli "articoli" sul virus...

Ritratto di The_sailorman

The_sailorman

Ven, 19/06/2020 - 15:18

Beh, prima l'obbligo di tre giorni in ospedale per la pillola abortiva, ora il filtro antiporno...Nonostante le mie profonde convinzioni, va a finire che le prossima volta voterò per la sinistra!

Risen

Ven, 19/06/2020 - 16:05

Peccato,se la lega sponsorizzasse tutte le sue proposte come questa oltre che parlare esclusivamente di migranti non riuscirebbe ad arrivare al 5%

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 19/06/2020 - 16:12

non me ne può fregare di meno ma è un'altra piccola privazione delle libertà individuali dei cittadini

schiacciarayban

Ven, 19/06/2020 - 16:39

Come in Cina... e ho detto tutto!

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Ven, 19/06/2020 - 16:40

E te pareva che non ci fosse dietro il Pillon di turno , l'oscurantismo in giacca e papillon. Fosse per questo triste figuro , saremmo in pieno medioevo.

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Ven, 19/06/2020 - 16:53

Ahahahah... se passa questa cosa qui, la Lega alle prossime elezioni non arriva neanche alla soglia di sbarramento del 4%.

Ritratto di bassfox

bassfox

Ven, 19/06/2020 - 16:54

complimenti... Cina e Arabia Saudita condividono la scelta "progressista"...

Ritratto di bassfox

bassfox

Ven, 19/06/2020 - 16:55

prima il ricovero per la pillola, ora la censura generalizzata... decisioni degne di un paese islamico!

capi_tan_iglu

Ven, 19/06/2020 - 16:57

La Lega è solo divieti e stupide regolamenti: ma perché non vietano ad es. l'irrorazione di scie chimiche sui cieli italiani? Non fanno mica bene quelle polveri sottili metalliche (come Bario, Alluminio e molte altri elementi) spruzzate intenzionalmente da certi aerei, non solo ai nostri polmoni, ma anche a tutto il nostro sistema nervoso, oltre al fatto che fanno morire molte piante e fanno ammalare molti animali.

madrud

Ven, 19/06/2020 - 17:23

Una vera idiozia. Basterà qualche piccolo escamotage e il filtro sarà sormontabile. Poi l'idea in sè è liberticida. Ci sono genitori che consci dell'impossibilità di monitorare tutto fanno con i propri figli dei discorsi che tendano alla crescita più che llaproibizione. Questa è l'Italia del lockdown.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Ven, 19/06/2020 - 17:36

Un altro nemico da combattere , dopo i migranti poi l'Europa adesso il nemico da combattere sono i siti porno , poveracci non sanno più che pesci prendere.

stefi84

Ven, 19/06/2020 - 17:43

Sono contro ogni tentativo di censura della rete per qualunque motivo, tanto più per questo. Un'idiozia da parte della lega, ne terrò conto alle prossime votazioni.

Ritratto di duliano

duliano

Ven, 19/06/2020 - 18:00

E' vero "capi_tan_iglu" le scie chimiche.....non so se ha saputo ma è la società di proprietà di Elvis Presley a riempire i cieli di scie chimiche, che combinate con il 5G hanno prodotto la pandemia. Si è anche scoperto che i due aerei che si sono schiantati sulle Torri Gemelle stavano irrorando il cielo con le scie chimiche ed erano decollati dall'Area 51

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Ven, 19/06/2020 - 18:12

Bloccare la rete è una castroneria, oltre a un divieto della libertà; chi necessita di filtri se li installi per proprio conto, io voglio una Internet dove posso andare dovev oglio senza censure; le censure non faranno altro che aumentare l'ampiezza del darkweb. Questa stupidaggine fa il paio con lo stampare più soldi per diventare più ricchi, è più degna del M5S che della lega.

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Ven, 19/06/2020 - 18:58

Lanciero' il mio incantesimo preferito , al sig. Pillon ..RIDICULUS!!

Ritratto di Guildenstern von Kalte

Guildenstern vo...

Ven, 19/06/2020 - 19:12

Se passa il centrodestra perde le elezioni. Vi conviene votare contro.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 19/06/2020 - 20:00

Caspita... a leggere i commenti siamo tutti porcelloni bipartisan che guardano Youporn!

elpaso21

Gio, 25/06/2020 - 13:49

Porcata inqualificabile per ostacolare la fruzione dei contenuti di Internet.