Coronavirus

"Continue privazioni della libertà: gente al limite della sopportazione"

Il presidente della Regione Lombardia ha sottolineato la necessità di accelerare con le vaccinazioni: “Ora dobbiamo solo aspettare i vaccini per iniziare quella di massa”

"Continue privazioni della libertà: gente al limite della sopportazione"

"La gente è al limite della sopportazione". Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a margine dell’inaugurazione di un punto vaccinale organizzato dall’esercito, il Drive Through allestito al Parco di Trenno a Milano, ha tenuto a sottolineare che per molti la situazione si sta facendo insostenibile per "le continue privazioni della libertà".

Fontana: "Abbiamo bisogno di accelerare"

Durante il suo intervento nel nuovo punto vaccinale che fino a ieri era usato esclusivamente per fare i tamponi, Fontana ha spiegato che“la gente è arrivata ai limiti della capacità di sopportare le continue privazioni di libertà e ai limiti della capacità di sostenere economicamente certe attività, quindi abbiamo bisogno di accelerare sulla campagna di vaccinazione". Il governatore ha poi aggiunto che oggi è una giornata importante nel tentativo di vincere la guerra al virus. Ha anche evidenziato che la realizzazione dei centri vaccinali è stata fondamentale e che, sia la struttura che l'organizzazione, sono pronte. Adesso serve solo l’arrivo dei vaccini per poter iniziare la vaccinazione di massa, che è l’unico mezzo per sconfiggere il Covid-19. Ha inoltre continuato ribadendo: "Stiamo iniziando un'operazione che deve essere rapidissima per essere efficace e sarà fondamentale l'arrivo dei nuovi vaccini. Confidiamo molto in Johnson & Johnson, che è monodose e sarà più facile".

Il nuovo polo vaccinale

A partire dalla giornata di oggi, lunedì 15 marzo, in coda per ricevere la vaccinazione ci saranno gli insegnanti. Tutto sarebbe quindi pronto e l’appello del governatore Fontana al ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, presente alla giornata di presentazione alla stampa, è quello di realizzare una campagna di vaccinazione "nel più breve tempo possibile, se vuole essere efficace". Particolare fiducia nell’arrivo del nuovo vaccino Johnson & Johnson che richiederà la somministrazione di una sola dose rendendo così più veloce il tutto. Nel nuovo punto vaccinale è prevista la somministrazione di 2mila dosi di vaccino in nove ore, dalle 8.30 alle 17.30. Il tempo previsto per ogni dose è di 5 minuti, senza scendere dalla propria vettura. Una specie di catena di montaggio, alla quale va aggiunta l’attesa di 15 minuti all’interno del parcheggio per controllare eventuali effetti collaterali dopo l’iniezione. Da oggi saranno due le linee che si occuperanno delle inoculazioni mentre altre sei continueranno a eseguire tamponi. I primi a sottoporsi alle iniezioni saranno i docenti, che riceveranno il vaccino di AstraZeneca.

Il ministro Guerini ha affermato: "Sono qui per testimoniare impegno delle forze armate. Sono 138 drive through in tutto il Paese allestiti dalla Difesa, di cui 28 in Lombardia, per dare impulso all'attività di tracciamento. Quella della vaccinazione è una evoluzione dell'attività". I drive through andranno sempre più verso l'evoluzione in poli vaccinali. "L'obiettivo è utilizzare le nostre risorse in collaborazione con le autorità sanitarie per fare vaccini. Anche in tante altre realtà evolveremo in questo senso per concorrere allo sforzo che il Paese sta svolgendo nella lotta alla pandemia" ha concluso il ministro.

Commenti