Genova, l’annuncio di Bucci: “A maggio le auto sul ponte”

Subito dopo il sopralluogo, il sindaco si è detto fiducioso di poter inaugurare il ponte entro la fine di maggio. Già a marzo si vedrà il lavoro terminato

Genova tira un sospiro di sollievo dopo aver ascoltato le parole del sindaco Marco Bucci in seguito alla visita di sopralluogo in cantiere di questa mattina, insieme al presidente Regione Liguria, Giovanni Toti, commissario delegato all’emergenza. A maggio le auto potranno attraversare il nuovo ponte.

Genova avrà presto il suo ponte

Come ha spiegato il primo cittadino e commissario per la ricostruzione del viadotto sul Polcevera: “Il ponte finito dipende dai sistemi di collaudo, ma contiamo che si possa inaugurare entro la fine di maggio, anche se non è escluso si possa fare qualcosa di più”. La priorità adesso è avere il ponte finito a metà marzo, in modo da poter avviare i lavori di pavimentazione e averlo completo per la fine di marzo. Ha inoltre spiegato che “dall'ultima revisione del piano di progetto tutti i lavori edilizi, non quelli di acciaio ma le pile, saranno terminati a fine gennaio, cosa che consentirà a metà marzo di vedere il ponte completo con tutte le infrastrutture di acciaio sopra”.

Tempi rispettati

Si preannuncia qualche variazione sui tempi, ben poca cosa però se si pensa al maltempo che ha flagellato l’intera regione."Venerdì 27 andrà su l’impalcato tra le pile 7 e 8. Verrà innalzato già montato, cioè con le allette e questa è una cosa importante perché questo vuol dire limitare il lavoro in quota che è sempre quello più rischioso. Questo, anche dal punto di vista tecnico è positivo perché anche fare le verniciature e le saldature in quota è più difficile e preferiamo farle a terra. Per questo motivo l’impalcato tra le pile 3 e 4, che doveva andare su il 30 dicembre senza allette, avrà uno spostamento di circa 7 giorni dovuto al fatto che facciamo a terra i lavori che prima avevamo programmato di fare di fare in quota”. Nel globale i tempi dovrebbero comunque essere rispettati.

La prima macchina a maggio

I lavori di edilizia dovrebbero quindi terminare a fine gennaio e a metà marzo Genova potrà finalmente vedere il nuovo ponte completo. Bucci ha inoltre detto: “a maggio pensiamo che potrà passare la prima macchina”. Ottimista anche il presidente Toti che settimana più, settimana meno, vuole assolutamente chiudere il cantiere prima dell’estate. Ha sottolineato che “chiunque remi contro non fa un dispetto a Toti o a Bucci, ma lo fa a tutta la Liguria, ai cittadini, alle sue imprese e all'Italia e, quindi, dobbiamo essere uniti e compatti a chiudere nei tempi questo lavoro, così come abbiamo promesso, perché siamo sotto gli occhi del mondo e ne va della credibilità del sistema Paese. E siamo qui per simboleggiare il fatto che in questo cantiere si lavora, come in altri della Liguria, per tornare al più presto alla normalità”.

Commenti
Ritratto di ateius

ateius

Mar, 24/12/2019 - 15:15

un esempio per l 'Emilia.. la Liguria da sempre stata rossa con la sua capitale, ora governata dal centro destra ha fatto un balzo in avanti. efficienza.. disponibilità concreta verso i Cittadini, ascolto assistenza verso i bisognosi e verso chi i danni li ha subiti.- un esempio per l'Emilia che si scrolli di dosso il fardello rosso.. il PESO comunista.-

mv1297

Mar, 24/12/2019 - 15:22

Ci vogliono le tragedie per rendere la burocrazia veloce.

Ritratto di Vincenzo Morganti

Vincenzo Morganti

Mar, 24/12/2019 - 15:47

quando avrà finito il suo mandato a Genova bisognerebbe mandare Bucci a Roma al posto della Raggi

zen39

Mar, 24/12/2019 - 17:05

“..chiunque remi contro non fa un dispetto a Toti o a Bucci, ma lo fa a tutta la Liguria, ai cittadini, alle sue imprese e all'Italia e, quindi, dobbiamo essere uniti e compatti a chiudere nei tempi questo lavoro,....Giusto Toti ma dovevi dire chi rema contro anche se lo possiamo facilmente immaginare. Una parte politica del paese insieme alle stelle cadenti ha abbracciato la causa della decrescita felice il che significa "tutto fermo lasciamoci morire dolcemente, è così bella l'eutanasia". Ma essa vuole che siano gli altri a suicidarsi mentre resta saldamente attaccata al suo posto di lavoro: il Parlamento con tutti gli annessi e connessi, mentre l'UE le sorride dall'alto e concede la sua benevolenza per la sua docile obbedienza e per gli immigrati la calorosa accoglienza. Toh ho fatto anche rima !

salmodiante

Mar, 24/12/2019 - 17:53

Un ponte in acciaio in area marina è sempre un problema per la manutenzione futura, se non si fanno interventi periodici casca prima di quello precedente.

caren

Mar, 24/12/2019 - 18:19

Complimenti sinceri. Però attenzione, le parole hanno un peso. Io sono dell'avviso, che le cose prima di annunciarle, bisogna averle nelle mani.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 24/12/2019 - 18:27

Questa me la scrivo. Non si accettano scusanti, poi. Meglio tacere se non si è sicuri.