Girò un video porno al parco: condannato Andrea Diprè

Il re del trash viene condannato a pagare 13500 euro di multa insieme a due ragazze per aver girato un porno in un parco pubblico in un paese in provincia di Pordenone nel 2015

Girò un video porno al parco: condannato Andrea Diprè

L'idea decisamente non era delle migliori ed ora Andrea Diprè l'ha pagata cara. L'avvocato trentino noto per le innumerevoli partecipazioni a video e manifestazioni trash su internet è stato condannato insieme a due ragazze di Pordenone per aver girato un video porno in un parco della provincia friulana.

Il giudice del tribunale Rodolfo Piccin, su richiesta del pm Maria Grazia Zaina, ha emesso un decreto penale di condanna con multa da 13500 euro: 4500 euro a testa, da pagare in alternativa a due mesi di reclusione. Diprè e le due ragazze, Catia Cristina Zaharia e Francesca Romeo, avevano pensato bene di consumare diversi atti sessuali nel parco Robinson di Cordenons, paese di 18mila anime in provincia di Pordenone.

I fatti risalgono al 29 novembre del 2015 quando i tre si fecero riprendere mentre consumavano un rapporto orale in pieno giorno e alla luce del sole, con il rischio che i minori che abitualmente frequentano il parco potessero assistervi.

Diprè peraltro era già stato radiato dall'Ordine dei giornalisti pubblicisti del Trentino nel 2016, quando l'Ordine regionale ritenne che avesse violato la Carta di Treviso sui diritti dei minori per aver pubblicato un'intervista a una bimba che "canta e bestemmia", oltre ad aver ripetutamente oltraggiato l'Ordine stesso.

Commenti