Gismondo: "Le misure di Conte? Assurde. Così un lockdown disastroso"

La microbiologa critica le scelte dell'esecutivo e la via percorsa dal Cts: "Toglie solamente la possibilità di una vita quasi normale, che ormai non abbiamo più"

Voleva evitare il lockdown e dinanzi alle telecamere in più occasioni aveva allontanato con forza questa eventualità, ma il premier Giuseppe Conte ha di fatto portato il Paese a vivere nuovamente una situazione del genere: questa l'opinione della microbiologa dell'ospedale Sacco di Milano Maria Rita Gismondo, che ha parlato ai microfoni di AdnKronos.

"Il premier Giuseppe Conte la scorsa settimana aveva detto che un lockdown sarebbe stato disastroso", spiega l'esperta, tuttavia "queste misure di fatto creano un lockdown, peraltro con dei provvedimenti che io trovo assurdi". Provvedimenti, inoltre, che "non credo avranno un impatto significativo sul numero dei contagi".

Insomma, chiara la bocciatura del contenuto del tanto discusso Dpcm promulgato dal tragicomico governo giallorosso, che continua a suscitare polemiche anche tra gli esperti. Ciò che proprio non torna secondo il ragionamento della Gismondo, che dirige il Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze del Sacco, sono le serrate imposte ancora una volta dall'alto, come ad esempio quelle "dei cinema, dei teatri e delle palestre, che sono ambienti assolutamente controllati". Nessun criterio logico nelle chiusure, quindi, anche perché cancellare dalle abitudini degli italiani tali attività ha un unico risultato, vale a dire "toglie solamente la possibilità di una vita quasi normale, che ormai non abbiamo più".

Se ciò servisse a qualcosa, magari se ne potrebbe parlare, ma la Gismondo è certa che la strada percorsa sia completamente sbagliata e non contribuisca a tenere sotto controllo l'impennata del numero dei contagi da Coronavirus. Sulla base di quanto stabilito dal Dpcm, in parole povere, "la gente non può andare al cinema e a teatro, con un depauperamento inestimabile di questo mondo culturale. Ma senza le misure adatte, e se non sarà responsabile, continuerà a contagiare amici e parenti".

La lotta contro il virus dovrebbe, quindi, fondarsi proprio sul rispetto delle regole e delle norme di sicurezza da parte dei cittadini, che devono essere coinvolti in prima persona. "Io sono sempre stata, e continuo a essere, per la responsabilizzazione", spiega infetti la microbiologa, che chiede al Cts interventi più precisi e mirati nella gestione della pandemia. "Vorrei che il Comitato tecnico scientifico avesse il coraggio di mettere sul tavolo anche soluzioni diverse, che non siano solamente una battaglia al virus, che poi peraltro si traduce in provvedimenti morbidi e tiepidi", spiega in conclusione la Gismondo, "ma che avesse rispetto del benessere complessivo, fatto pure di benessere psichico, sociale ed economico".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Fjr

Lun, 26/10/2020 - 14:04

E se al posto di Galli ogni tanto dessero voce nei vari talkshow alla Gismondo?Oppure la teniamo imbavagliata perché dice cose che non vanno bene all’esecutivo della repubblica delle banane?

schiacciarayban

Lun, 26/10/2020 - 14:04

Sì però non dice nulla, cosa ferebbe la Gismondo? Sembra quasi di sentir parlare un Leghista.

fabioerre64

Lun, 26/10/2020 - 14:07

Bassetti, Zangrillo, Clementi, Remuzzi, Palù, Viola, cominciano ad essere un pò tanti quelli che considerano inutili e dannosi i provvedimenti di questo governo di pagliacci.

sarascemo

Lun, 26/10/2020 - 14:43

Se la Gismondo la lasciano imbavagliata ci può solo guadagnare. Il Covid come l' influenza e adesso tutto e il contrario di tutto. Ma va là!

sarascemo

Lun, 26/10/2020 - 14:46

La palestra un ambiente assolutamente controllato? La doccia o la panca sudata sono controllati? IL manubrio dopo l' uso è sanificato? Magari pensa al jogging o allo zapping con il telecomando avvolto nel celophan sulla poltrona di casa sua.

jaguar

Lun, 26/10/2020 - 14:51

schiacciarayban, la dottoressa dice che le misure di Conte sono assurde, tanto basta.

gianfran41

Lun, 26/10/2020 - 15:45

Tutti addosso a Conte: Conte su, Conte giù, Conte di qua, Conte di là. Ma allora è stato Conte a suggerire i provvedimenti da adottare contro il Covid a Macron, Sanchez, De Croo, Johnson, Merkel e via discorrendo visto che quasi tutti questi Paesi sono messi molto peggio del nostro. Il fatto è che non esiste ancora una cura per vincere questo virus e intanto la gente muore. Se tutti si comportassero in maniera civile e responsabile (mascherina, distanziamento, spostamenti se strettamente necessari), il Covid, come in Cina, sarebbe stato debellato da tempo. Da noi invece, con la scusa di Conte, si preferiscono le pagliacciate in piazza.

Albius50

Lun, 26/10/2020 - 15:56

Sono FORTUNATO non ho nipoti che vanno a scuola dalle medie in su, anche ora sono testimone dell'entrata dei giovani nella scuola media, in attesa che si aprano le porte la grande maggioranza si parlano senza mascherina MOLTO VICINI poi al campanello entrano con la mascherina cosa serve a fare se sono asintomatici sicuramente il virus lo trasmettono ai proprio parenti nelle loro case.

Cyroxy80

Lun, 26/10/2020 - 16:06

Ok chiudere i bar dall'ora dell'aperitivo in poi, ma la seconda cosa da chiudere o limitare sono i trasporti pubblici.. ristoranti, palestre, piscine etc etc non sono nulla a confronto dei trasporti pubblici.

ANPOWER

Lun, 26/10/2020 - 16:52

Ma tutti questi scienziati non potrebbero pensare a far funzionare gli ospedali e salvare la gente piuttosto che pensare solo a mettersi in mostra in tv e sui giornali?! Però a dire il vero tali i politici tali i moderni scienziati: oramai sono tutti il simbolo della società odiernache abbiamo costruito !

ilrompiballe

Lun, 26/10/2020 - 17:10

gianfran41: che ne direbbe di un manager che si assumesse il compito di risanare un'azienda, e dopo otto mesi si ritrovasse al punto di partenza?