La previsione di Pregliasco: "Vi dico cosa ci aspetta per Pasqua"

La pandemia era ormai in discesa ma la contagiosissima Omicron 2 ha sparigliato le carte in tavola: ecco cosa ci aspetta per Pasqua e nel prossimo futuro secondo il prof. Pregliasco

La previsione di Pregliasco: "Vi dico cosa ci aspetta per Pasqua"

Sembrava tutto andare per il verso giusto ma è intervenuto qualcosa a guastare quel miglioramento pandemico a cui stavamo assistendo da febbraio. Nulla di preoccupante, sia chiaro, ma la risalita dei contagi e dell'indice Rt ci tiene sempre sul chi va là anche se è appena finito lo stato d'emergenza. Si può interpretare così il pensiero del virologo Fabrizio Pregliasco, secondo il quale "la variante Omicron 2 ci ha rovinato un sogno. O almeno ha fermato una situazione che vedeva un calo precipitoso della quarta ondata Covid che abbiamo subito durante l'inverno".

"Pasqua banco di prova"

Quell'andamento che ci aveva confortato e determinato la fine delle disposizioni si è in qualche modo inceppato. Fortuna che abbiamo i vaccini e che Omicron 2 è un virus poco pericoloso e che provoca sintomi molto lievi della malatti. Però, circola. "Si è smorzata anche quella percezione di una fine della pandemia", aggiunge il virologo. IL 17 aprile sarà il giorno di Pasqua, rimangono 15 giorni per capire in quale direzione starà andando la pandemia e Pregliasco spiega proprio che quei giorni saranno "un importante banco di prova" perché ci saranno maggiori spostamenti della popolazione, "e questo ovviamente inciderà". Da non sottovalutare il fattore meteo: l'Italia che è ripiombata in pieno inverno aiuta "i virus respiratori a diffondersi" e l'alternanza repentina di caldo e freddo "ha determinato questo rialzo che stiamo vedendo".

Cosa dicono i modelli

Il mix tra Omicron 2 e maggiori libertà hanno, inevitabilmente, provocato una nuova accelerata dei contagi. Pregliasco afferma anche ad AdnKronos che, secondo i modelli matematici, siamo in una fase di crescita virale. "Credo che dobbiamo considerare un ulteriore fase di assestamento che potrebbe portare entro la fine di maggio a un abbassamento" dei numeri dell'epidemia in Italia "e a un valore come quello che avevamo sperimentato nelle due precedenti stagioni estive".

I pericoli di Omicron 2

L'esperto ricorda e sottolinea che è merito dei vaccini, e non della variante, se è diventato quasi come un raffreddore perché i dati di mortalità "in questo momento stanno salendo" e la sottovariante può determinare "effetti pesanti soprattutto nei non vaccinati", ha dichiarato in un convengo tenutosi a Foggia sul futuro del sistema sanitario dopo il Covid. Se è vero che tutti pensavamo che la quarta ondata sarebbe stata l'ultima, "Omicron 2 è stata una sorpresa per tutti", ha aggiunto. Si tratta di una variante molto contagiosa che sta coinvolgendo soprattutto i giovani. Un risvolto positivo però sembra esserci: "ci farà anche un buon servizio contagiando molte persone e facendo sì che molti, nel periodo estivo, saranno non più suscettibili in modo da poter godere in estate di una situazione più tranquilla", a meno che non ci sia "l'arrivo di varianti ancora più contagiose". È presto per fare previsioni ma, dal momento che il virus è ormai tra noi, dovremo immaginare una presenza anche invernale, sebbene endemica, "con andamenti ciclici", conclude.

Commenti