I professionisti del furto in casa? Sono della criminalità georgiana

Le dinamiche organizzative della malavita straniera ricostruite nella relazione semestrale Dia sull'inchiesta che ha sgominato una "banda" a Chivasso, in provincia di Torino

La criminalità georgiana in Italia s’è specializzata nei furti in appartamento. Non si tratta di gruppuscoli di sbandati, di cani sciolti. Come rivela la relazione della Direzione investigativa antimafia sulle attività d’inchiesta svolte nel periodo tra luglio e dicembre del 2017, i “ladri in legge” sono organizzati e “professionali”, agiscono in gruppi dove ognuno sa quale sia il suo ruolo e non lasciano nulla al caso.

A far luce sulle dinamiche di questi gruppi, come si legge all’interno della relazione, è stata un’importante indagine dei carabinieri che ha avuto come suo centro la città di Chivasso, in provincia di Torino. Nell’ambito di quell’inchiesta furono notificati, a settembre del 2017, due distinti provvedimenti restrittivi nei confronti di ventidue indagati, accusati di far parte di una gang capace di colpire in diverse zone del Paese. Grazie a tecniche raffinate, tra cui l’utilizzo della cosiddetta chiave bulgara, uno strumento che nelle mani “giuste” è in grado di forzare moltissime serrature in poco tempo.

Ancora più interessanti, dal punto di vista dell'analisi del fenomeno, sono state le scoperte relative al modus operandi e alle strategie organizzative. Tutti gli indagati, infatti, avrebbero avuto un ruolo specifico e finalizzato alla “crescita” dell’organizzazione. Ogni colpo veniva accuratamente preparato e studiato, con accurati sopralluoghi finalizzati a capire quando e dove entrare in azione. I membri

C’erano, poi, due canali differenti per gestire la refurtiva: i beni sarebbero stati portati in Georgia, il denaro liquido su cui riuscivano invece a mettere le mani, invece, sarebbe finito dritto in una sorta di cassa comune. Il fondo, oltre che a garantire le necessità dell'organizzazione, avrebbe consentito agli indagati di coprire anche spese legate all’assistenza dei detenuti legati al gruppo. Uno strumento legato, dicono gli inquirenti, "a un principio solidaristico analogo a quello adottato dalle organizzazioni mafiose italiane".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

uberalles

Gio, 19/07/2018 - 13:02

Anche il kompagno Stalin veniva dalla Georgia...Brutto posto, gente ancora peggiore!

Gianni11

Gio, 19/07/2018 - 13:13

Ohhh...ci mancavano anche i georgiani. Non bastavano gli africani, i bengalesi, gli egiziani, gli albanesi, i rom, i romeni, i sud-americani, i cinesi, gli indiani....,tutte "risorze" imposte su di noi dall'UE con la favola dell'"accoglienza" e la follia delle frontiere aperte. Ancora non e' ovvio che o usciamo dall'UE e chiudiamo le frontiere in tutti i modi necessari o perdiamo il NOSTRO paese. E poi che facciamo?

roniks69

Gio, 19/07/2018 - 15:12

da quando li hanno dato il permesso di entrare in UE sensa il visto,il numero di giorgiani é aumentato.e con loro arrivo aumentati anche i furti...la criminalita giorgiana crea problemi in tutta UE,e anche in Russia...

ziobeppe1951

Gio, 19/07/2018 - 18:36

...e poi sfornano ovetti marci

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 19/07/2018 - 19:04

Che siano Georgiani o Giargianesi,il problema comunque rimane sempre lo stesso, che pene vengono comminate a questo tipo di delinquenti in Italia!!! RIDICOLE, quindi rassegnatevi Italiani ad averne sempre di piu!!! AMEN.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 19/07/2018 - 20:12

Mancavano anche questi.

maurizio50

Ven, 20/07/2018 - 08:51

Anche questi farabutti sono arrivati da noi in quanto "profughi fuggiti dalla guerra"????