Immigrati, la strigliata di Francesco: "Chi li respinge chieda perdono"

Bergoglio si scaglia contro le istituzioni e le persone che respingono i profughi. Ma Salvini lo zittisce: "Non chiediamo scusa al papa"

Immigrati, la strigliata di Francesco: "Chi li respinge chieda perdono"

Papa Francesco torna a parlare di immigrazione. Dopo il viaggio a Lampedusa e dopo aver invitato i romani ad accogliere tutti i migranti, ecco che il Pontefice lancia un anatema contro coloro che si rifiutano di accogliere gli immigrati: "Vi invito tutti a pregare perche le persone e le istituzioni che respingono questi nostri fratelli chiedano perdono".

Sabato prossimo, ha ricordato il pontefice durante l'Udienza Generale di oggi, "ricorrerà la Giornata mondiale del rifugiato, promossa dalle Nazioni Unite. Preghiamo per tanti fratelli e sorelle che cercando rifugio lontano dalla loro terra, che cercano una casa dove poter vivere senza timore, perchè siano sempre rispettati nella loro dignità".

Infine, Francesco ha incoraggiato "l'opera di quanti portano loro un aiuto e auspico che la comunità internazionale agisca in maniera concorde ed efficace per prevenire le cause delle migrazioni forzate".

Alle parole del Papa ha respinto prontamente il leader della Lega Nord, Matteo Salvini: "Quanti rifugiati ci sono in Vaticano? Il problema è che i rifugiati sono un quarto di quelli che arrivano, noi non abbiamo bisogno di essere perdonati".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti