Incidente Puglia, l'esperto: "Il problema è nella tecnologia"

"Non è tanto il binario unico, circa la metà della tratta in Italia lo è, ma la tecnologia a evitare gli incidenti"

"Non è tanto il binario unico, circa la metà della tratta in Italia lo è, ma la tecnologia a evitare gli incidenti". A dirlo all'Adnkronos è Giuseppe Sciutto, presidente del Consorzio nazionale interuniversitario per i Trasporti e la Logistica, oltre che docente ordinario di 'Sicurezza dei Trasporti' alla Facoltà di Ingegneria dell'Università di Genova, dopo lo scontro frontale tra
due treni nel barese con un bilancio, al momento ancora provvisorio e ufficiale, di oltre 20 vittime. "Da noi il rischio è basso anche rispetto ad altri Paesi come la Spagna - aggiunge Sciutto -. Non è tanto il binario unico se il personale di macchina è assistito dalla tecnologia, il Sistema di controllo marcia del treno (Scmt), e che interviene, fermando il treno per esempio se per errore passa con il rosso". Intanto da fonti dei soccorritori, sarebbero 20 i corpi delle vittime già estratti dalle lamiere dei treni che questa mattina si sono scontrati sulla tratta Corato-Andria. Al momento si sta cercando di entrare nelle carrozze di testa, dove finora non si era riusciti ad accedere a causa delle condizioni dei vagoni. Il bilancio delle vittime potrebbe salire.