Scuola, bufera su libro: "Io vuole imparare italiano..."

La vignetta col bimbo nero sul libro di seconda elementare fa arrabbiare gli insegnati: ''è razzista''. Il Gruppo Editoriale si scusa per la svista

''Quest'anno io vuole imparare bene l'italiano''. Recita così l'illustrazione contenuta nelle pagine d'apertuna del manuale di seconda elementare in cui un bimbo nero pronuncia una frase sgrammaticata, senza concordanza tra verbo e soggetto. ''Ritiratelo subito dal mercato, è razzista'', s'indigna il popolo di Facebook che esprime all'unisono contrarietà per il tono discriminatorio della vignetta.

Il ''libro incriminato'' è Le avventure di Leo, edito dal Gruppo Editoriale Raffaello. Nelle prime pagine, sono rappresentati degli studenti al primo giorno di scuola che esprimono i loro desideri in previsione del nuovo anno. ''Io vorrei fare tanti disegni coi pennaraeli'', dice un alunno; ''io vorrei andare a fare ricreazione sempre in giardino'', seguono altri. C'è poi un terzo bimbo, dalla chioma riccioluta e la pelle scura, che replica ai compagni: ''Io vuole impare bene l'italiano''. Una scelta di dubbio gusto, quella della ''frase sgangherata'' attribuita al ragazzino straniero, che ha fatto letteralmente infuriorare gli insegnanti: ''è un libro razzista'', scrivono sui social. Ma non è finita.

Sebbene sia fuori da ogni ragionevole dubbio che il libro sia stato concepito sulla scia di un sentimento xenofobo, nelle pagine successive del manuale, vengono riproposti altri contenuti piuttosto discutibili. Nella lettura Un amico venuto da lontano compare un ennesimo ''testo della discordia'': "Questa mattina la maestra ci ha presentato Emmanuel, un amico con la pelle scura venuto da tanto lontano. - racconta un bimbo - Quando Emmanuel ha parlato ha sbagliato tutte le parole, allora noi bambini ci siamo messi a ridere, ma la maestra ha detto: Provate voi ad andare in un Paese dove tutti parlano un'altra lingua!".

''Mi mancano le parole per dire quanto razzisti, beceri, lontani dalla realtà delle classi, siano gli autori e gli editori di questa cosa che non riesco a chiamare libro - scrive Francesca Sempio, insegnante elementare a Milano - Insegnanti, riprendiamoci la libertà di insegnamento. Effettuiamo la scelta alternativa al libro di testo unico. Per fortuna, i nostri alunni non sono bidimensionali né stupidi come li dipinge questa pagina".

Dopo le segnalazioni, il Gruppo Editoriale Raffaello si è subito scusato per la ''svista'' promettendo di apportare le correzioni al manuale in tempi brevi.

Gentili genitori e docenti, è con grande rammarico che scriviamo questa comunicazione, in merito ad una segnalazione...

Pubblicato da Gruppo Editoriale Raffaello su Venerdì 25 settembre 2020
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Nahum

Nahum

Ven, 25/09/2020 - 15:11

Ah mi sembra una ripetizione di "io speriamo che me la cavo" con gli evidentemente imitabili allievi della scuola di Arzano... italianissimi questi ultimi pero' ...

ulio1974

Ven, 25/09/2020 - 15:14

vi ricordate "Io speriamo che me la cavo" uscito ormai oltre 20 anni fa?? Là, giù tutti a ridere.

marinaio

Ven, 25/09/2020 - 15:23

Una volta sarebbe stata una frase simpatica e niente di più. Oggi ci si inventa il razzismo anche dove non c'è.

sarascemo

Ven, 25/09/2020 - 15:27

DEve essere quellosu cui ha studiato Suarez :)

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Ven, 25/09/2020 - 15:39

La domanda giusta sarebbe: perché i libri di scuola fanno propaganda per il meticciato e l'invasione?

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Ven, 25/09/2020 - 15:44

@sarascemo... ah ah ah

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 25/09/2020 - 15:53

Donc, allora anche "Io speriamo che me la cavo" è razzistaaaa!

spiderbatbug

Ven, 25/09/2020 - 15:57

Far usare i verbi all'infinito era il modo tipico di caratterizzare gli stranieri nel mondo anglosassone: tipicamente, così parlavano i pellerossa nei western. In inglese ha un senso grammaticale, visto che, nella maggior parte dei casi, la prima persona singolare e le tre del plurale dell'indicativo presente corrispondono all'infinito. In italiano, non credo che sia, a parte qualsiasi altra considerazione, una caratterizzazione realistica. Ma piuttosto, è ancor meno realistico pensare che i ragazzi italiani parlino correttamente la lingua, o anche solo quel poco che ne rimane dopo il genocidio dei congiuntivi, del "lei", e la riduzione sistematica del vocabolario.

Ritratto di Adespota

Adespota

Ven, 25/09/2020 - 16:10

In effetti, vedendo come parlano in modo sgrammaticato e con povertà lessicale molti ragazzi, la vignetta poteva essere estesa ad un gruppo composto da bianchi, rossi, gialli, neri, marroni e via dicendo...Il vero problema dei docenti protestanti è quello di riportare in auge dettati, temi, rissunti che stanno alla base della lettura e della scrittura. Quello esposto è un falso problema, il secondo è quello vero e ipocritamente ignorato.

machimo

Ven, 25/09/2020 - 16:24

Povera Italia come sei messa male. Grazie mattarella

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Ven, 25/09/2020 - 16:49

Tanto rumore per nulla.

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 25/09/2020 - 17:23

Razzista? Ma quando mai? Sai quanti ne incontro di colorati che parlano così,e sono molto più maturi del bambino sul libro. Quel disegno non fa che ricalcare semplicemente quello che avviene tutti i giorni da parte di chi non conosce bene una lingua. Come mai nessuno ha definito razzista il coronaVAIRUS di Giggino? Ma ormai siamo nell'epoca della stupidera conclamata,dove qualsiasi cosa riguarda un colorato,deve per forza essere razzista. Menti allo sbando. Colpa del politicamente CORROTTO.

Ritratto di malatesta

malatesta

Ven, 25/09/2020 - 17:34

Non e' un errore degli autori per caso?

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Ven, 25/09/2020 - 17:39

è l'alphatest di suarez?

Fjr

Ven, 25/09/2020 - 18:01

Provate voi ad andare in un Paese dove tutti parlano un'altra lingua!".Basta andare alla camera a sentire un’audizione e li’ congiuntivi come se piovesse

Ritratto di Nahum

Nahum

Ven, 25/09/2020 - 18:09

machimo, ma perché scrive certe banalità ingiuste e lesive per il Capo dello Stato che certamente non era coinvolto nella redazione del sussidiario scolastico in questione?

PANDORINO62

Ven, 25/09/2020 - 18:10

Come si fa a sapere se una persona è razzista ?...gli si mostra una foto e gli si chiede... COSA VEDI ?....se risponde vedo un uomo ! ,non è razzista...se risponde VEDO UN UOMO NERO ( o di colore ...) è razzista !!!....quindi in questo caso è chi grida al razzismo che è razzista......o no ???......

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 25/09/2020 - 18:37

bandog 15:53....già,solo il "politicamente corretto" non è razzista!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 25/09/2020 - 18:41

Quintus_Sertorius 15:39...lo fanno perchè la stragrande maggioranza di "italiani"(vedi elezioni 2018,e precedenti...),vota per partiti "accoglienti",con un 27-30% di "italiani",che non votano,e pertanto non votando,sono complici delle decisioni della maggioranza....

maxxena

Ven, 25/09/2020 - 18:43

io non ci vedo niente di razzista, il ragazzo raffigurato si esprime come la metà dei nostri connazionali che , tra un "quant'altro" e l'altro, non usano il congiuntivo e non sanno scrivere un paragrafo coerente come consecutio temporum.(giornalisti televisivi compresi ) In compenso impariamo la cultura e l'italiano dal GF, temptation island e l'isola dei famosi (con grande seguito anche da parte di questo giornale) oppure ci affidiamo alle chicche di acefali che appaiono qua e là nei palinsesti televisisi.Alla fine l'italiano corretto lo parleranno solo i migranti proprio perchè attualmente sembrano i soli a volerlo imparare.

caren

Ven, 25/09/2020 - 19:03

Siamo nell'èra del disordine mondiale e totale.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Ven, 25/09/2020 - 19:07

@PANDORINO62 Notare la razza di qualcuno è avere un normale spirito di osservazione.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 25/09/2020 - 19:56

Io speriamo che me la cavo.

cgf

Ven, 25/09/2020 - 20:08

Con quel metodo quando incontreranno una donna che gli chiede "amore, dimmi qualcosa di profondo" risponderanno "pozzo", "ma non in quel senso" "Aaah, tunnel!" E fu così che lo lasciò subito. Oggi il congiuntivo è molto più importante di una bella presenza

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 26/09/2020 - 11:10

Se basta un centinaio di sx che si lamenta, li si accontenta ed ora toglieranno di mezzo il libro. Ci sono milioni di italiani che si lamentano dell'invasione, ma il Governo se ne frega. Come mai questa differenza?

Dordolio

Sab, 26/09/2020 - 11:19

Vi spiego subito cosa sarebbe piaciuto al “popolo di Facebook” e agli insegnanti allineati e politicamente corretti. E cioè che i bambini italiani si esprimessero in un linguaggio gutturale e dialettale. Ma al contrario il bimbo nero declamasse la Divina Commedia non sbagliando una terzina dantesca che sia una. Purtroppo le cose non stanno così. Se ne facciano una ragione. Quanto a chi - leggo - pare non farsela, rifletta sul proprio “omen nomen”.

Guido39

Sab, 26/09/2020 - 11:40

Quante storie! Uno dei film classici di Walt Disney (Lilli e il vagabondo), visto da milioni di bambini e riproposto spesso dalla Rai, contiene una celebre scena al ristorante con due cuochi italiani (chiaramente immigrati) che parlano un inglese zeppo di errori e per questo vengono presi in giro addirittura dai due cani (!) protagonisti. Nessuno ha mai reagito.

Dordolio

Sab, 26/09/2020 - 12:29

Guido39... i cuochi che lei cita sono ITALIANI. Si trattasse di pakistani in un fast food europeo avrebbero bruciato già il film fino all’ultima “pizza” esistente. E la Polizia Politica sarebbe in giro per le case a sequestrare i CD e le vecchie cassette del film stesso.

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 26/09/2020 - 14:05

con tutti quei rincitrulliti anti Italiani che abbiamo al governo, è inutile commentare, BISOGNA AGIRE E SUBITO!!!

Ritratto di fergo01

fergo01

Sab, 26/09/2020 - 14:34

quindi gli amici locali che mi prendono in giro perché sto imparando la loro lingua facendo degli strafalcioni pazzeschi sarebbero razzisti? potete per cortesia mettere la camicia di forza a chi pensa queste cose? grazie