Drammatico sfogo del medico: "Con 3 organi colpiti è andato"

Il medico lancia un appello alla popolazione: "State a casa". E spiega: "È come nelle situazioni di guerra"

"State a casa, state a casa". A ripeterlo, in un'intervista al Corriere della Sera, è un anestesista rianimatore dell'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, uno dei centri messi alla prova dall'espandersi dell'epidemia da coronavirus in Italia. Qui, dice, "si cerca di salvare la pelle solo a chi ce la può fare", come si fa nelle situazioni di guerra.

Il medico spiega che "all' interno del Pronto soccorso è stato aperto uno stanzone con venti posti letto. È qui che viene fatto il triage, ovvero la scelta". Gli operatori sanitari sono chiamati a decidere, in base a "età e per condizioni di salute": è la stessa procedura che si attua nelle situazioni di guerra, che vengono riportate sui manuali su cui l'anestesista ha studiato. Nei posti letto dello "stanzone" vengono, infatti, accolti solo i pazienti che presentano insufficienza respiratoria causata dal Covid-19, che vengono messi "in ventilazione non invasiva". Poi, "al mattino presto, con i curanti del Pronto soccorso, passa il rianimatore. Il suo parere è molto importante", perché oltre all'età e alle condizioni generali di salute, un altro elemento che determina la scelta "è la capacità del paziente di guarire da un intervento rianimatorio". Subito dopo, avviene la scelta.

"La ventilazione non invasiva è solo una fase di passaggio- spiega-Siccome purtroppo c'è sproporzione tra le risorse ospedaliere, i posti letto in terapia intensiva, e gli ammalati critici, non tutti vengono intubati". Al momento, non esiste nessuna regola scritta: "Per consuetudine, anche se mi rendo conto che è una brutta parola, si valutano con molta attenzione i pazienti con gravi patologie cardiorespiratorie, e le persone con problemi gravi alle coronarie, perché tollerano male l'ipossia acuta e hanno poche probabilità di sopravvivere alla fase critica", spiega l'anestesista. Invece, "se una persona tra gli 80 e i 95 anni ha una grave insufficienza respiratoria, verosimilmente non procedi. Se ha una insufficienza multi organica di più di tre organi vitali, significa che ha un tasso di mortalità del cento per cento. Ormai è andato".

In questo caso, il paziente non ha più speranze: "Non siamo in condizione di tentare quelli che si chiamano miracoli. È la realtà", spiega l'anestesista, che sottolinea come anche normalmente si valuterebbe caso per caso, "discrezionalità" che ora vienne applicata "su larga scala". E a chi sostiene che la morte di alcuni soggetti sia dovuta a patologie pregresse e non specificatamente a coronavirus, l'anestesista risponde: "Questa che non muoiono di coronavirus è una bugia che mi amareggia. Non è neppure rispettosa nei confronti di chi ci lascia. Muoiono di Covid-19, perché nella sua forma critica la polmonite interstiziale incide su problemi respiratori pregressi, e il malato non riesce più a sopportare questa situazione. Il decesso è causato dal virus, non da altro".

Una situazione che mette a dura prova anche i medici: "Alcuni ne escono stritolati", spiega l'anestesista, che sottolinea come ogni scelta sia "basata sul presupposto che qualcuno, quasi sempre più giovane, ha più probabilità di sopravvivere dell'altro. Almeno, è una consolazione". E avverte: "Tanti miei colleghi stanno accusando questa situazione. Non è solo il carico di lavoro, ma quello emotivo, che è devastante. Ho visto piangere infermieri con trent' anni di esperienza alle spalle, Gente che ha crisi di nervi e all'improvviso trema". È questa, ora, la situazione negli ospedali e a risentirne sono anche i pazienti affetti da altre patologie, che nulla hanno a che fare con l'epidemia: "​Normalmente la chiamata per un infarto viene processata in pochi minuti. Ora può capitare che si aspetti anche per un'ora o più".

La soluzione, per contenere l'epidemia e cercare di dare un aiuto ai medici e agli infermieri che lottano per salvare la vita ai pazienti è solo una: "State a casa. State a casa. Non mi stanco di ripeterlo. Vedo troppa gente per strada. La miglior risposta a questo virus è non andare in giro. Voi non immaginate cosa succede qui dentro. State a casa".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 09/03/2020 - 10:27

Capito ST6 e dannunziof la differenza? Gli operatori sanitari sono chiamati a decidere, in base a "età e per condizioni di salute": è la stessa procedura che si attua nelle situazioni di guerra, che vengono riportate sui manuali su cui l'anestesista ha studiato. E non come invece è avvenuto fino ad oggi, ovvero chi ha più bisogno di cure viene curato per primo e gli altri vanno in coda MA VENGONO COMUNQUE CURATI.

gpetricich

Lun, 09/03/2020 - 10:34

Che brutta cosa. Non siamo in guerra, ma qualcuno, con le sue scelte sbagliate, ha messo l'Italia in condizione di esserlo.

DRAGONI

Lun, 09/03/2020 - 10:34

E' CHIARAMENTE IN CORSO UNA "EMERGENZA NAZIONALE" E NON SI COMPRENDE PERCHE' IL PRESIDENTE DELLA REPUBLLICA NON NE PRENDE ATTO E NON FIRMA IL RELATIVO DECRETO PER RENDERE RAPIDAMENTE ED IN MODO CENTRALIZZATO MESSE IN ATTO TUTTE LE AZIONI ATTE A FRONTEGGIARLO.

Ritratto di illuso

illuso

Lun, 09/03/2020 - 10:47

BRRR...siamo messi male. Speriamo bene, ma la vedo brutta.

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 09/03/2020 - 10:51

Arrestate chi diceva che era una semplice influenza

Giorgio5819

Lun, 09/03/2020 - 10:53

Ricordate i tagli alla sanità operati da monti........

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Lun, 09/03/2020 - 10:59

Dove sono i deficienti che berciavano che è solo un'influenza? In Cina morivano i medici e gli infermieri, isolavano milioni di persone per una polmonite virale ma l'impressione da qui era che fosse solo influenza: siamo nelle mani di un governo criminale, che nessuno venga a dire che non ci si poteva aspettare una cosa del genere.

Ritratto di tommy33

tommy33

Lun, 09/03/2020 - 11:03

Se poi aggiungiamo l'assoluta mancanza di senso civico degli italiani, si completa il quadro di una situazione che sta diventando insostenibile.

maurizio-macold

Lun, 09/03/2020 - 11:04

Signor gpetricich (10:34), il problema principale che abbiamo e' la quasi totale mancanza in noi italiani del rispetto delle regole. Quanto e' successo ieri alla stazione di Milano e' la prova solare della nostra incoscienza e asocialita'. Alcuni esempi? Il governatore Zaia polemizza con le restrizioni alla mobilita' emanate dal governo, la regione Lombardia invia copia delle bozze dei provvedimenti alla stampa estera (provocando la fuga di cui sopra), bigotti e preti invitano la gente ad andare a pregare in chiesa, le spiagge i parchi e le varie movide sono affollatissime, ecc. Siamo un popolo di serie C.

dredd

Lun, 09/03/2020 - 11:10

Per fortuna che maglioncino ci aveva detto che era tutto sotto controllo

Cheyenne

Lun, 09/03/2020 - 11:12

CHE SI FORMI IMMEDIATAMENTE UN GOVERNO DI GUERRA FORMATO DA PERSONE CAPACI.CONTE SPARISCI

oceanicus

Lun, 09/03/2020 - 11:18

E la BONINO e la LAMORGESE si preoccupano della salute dei CLANDESTINI.

gabryvi

Lun, 09/03/2020 - 11:20

In Italia, grazie alla sanità pubblica, riusciamo ad allungare di molto la vita delle persone. Molti anziani, con numerose patologie gravi e invalidanti, riescono a tirare avanti fino a che, un qualsiasi fattore, non manda in tilt questo equilibrio precario. Il coronavirus, è questo fattore. Consoliamoci che, in altri Paesi più ricchi e organizzati del nostro, queste persone non sarebbero nemmeno arrivate a certi traguardi. Sopra i 70 anni, le cure vengono molto ridotte, per legge. Il numero alto dei decessi, per la maggior parte di ultra ottantenni, è dovuto all’alto numero dei nostri anziani. La selezione di chi mettere in rianimazione, credo sia sempre stata fatta, anche perché, se il fisico è fortemente debilitato, non serve a nulla. Anestesisti e rianimatori, questo lo sanno già!

palandrana

Lun, 09/03/2020 - 11:21

E intanto dalle zone rosse del norditalia arrivano qui in Ticino 70mila frontalieri:evviva la libera circolazione delle persone,evviva oil contagio da corona virus.

g.barnes

Lun, 09/03/2020 - 11:26

Il senso civico lo si insegna da bambini, a seguire le regole di una comunità, a rispettare chi indossa la divisa, a seguire determinate ordinanze di chi ha responsabilità (sindaco-governatore-presidente), insomma tutto quello che metà del paese Italia non ha. L'Italia in questo non è una Nazione ma un gruppo di tribù sparse in regioni.

Mr Blonde

Lun, 09/03/2020 - 11:30

Negli emirati, dove vige una dittatura illuminata come magari molti fascistelli di casa nostra vorrebbero sperimentare (salvo poi tranquillamente continuare con gli apericena e i week sulla neve), chi parla del virus in moda generare panico va dentro. Una bella retata dei burioni vari non sarebbe male, ogni camice bianco si sente in dovere di lasciare un intervista

bernardo47

Lun, 09/03/2020 - 11:32

Quel medico certe considerazioni doveva tenersele. La vitaè sacra e va fatto sempre ogni tentativo per salvarla e guai lavarsene le mani. Sarebbe criminale.

Ilsabbatico

Lun, 09/03/2020 - 11:32

La mancanza di senso civico della maggior parte degli italiani è quello che mi preoccupa.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 09/03/2020 - 11:37

Quindi il peggio deve ancore venire?

QuantoBasta

Lun, 09/03/2020 - 11:45

Chissà quanto godranno i sinistrati nel veder diminuire le pensioni da pagare in favore dei clandestini-immigrati-mantenuti dallo stato !!!

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 09/03/2020 - 11:56

Le cose stanno così: chi dovrebbe finire in 'terapia intensiva' e non ci può finire perchè i posti sono limitati e da dare in base a criteri di priorità che saranno stabiliti dai medici responsabili, ciò significa che automaticamente un sacco di gente ci lascerà le penne.

mimmo1960

Lun, 09/03/2020 - 12:12

Questi sono problemi che andavano risolti, invece siamo andati avanti per anni a insultarci, razzismo, fascisti ect. ect..

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 09/03/2020 - 12:37

A leggere questo articolo vengono in mente certe raccapriccianti scene viste solo nei film di guerra,con ospedali strapieni di gente da curare e che quasi sempre ci lascia la pelle,tra scene di disperazione e infermieri stravolti. Considerando l'ixxxxa incoscienza di molti italiani che pensano "tanto a me non succede" oppure"chissenefrega" tanto io non sono né vecchio né malato,bisognerebbe,come si fa con le campagne contro il fumo,mostrare queste situazioni ogni giorno in TV,prima che il comportamento incosciente di molti,troppi italiani,porti TUTTA la nazione sul baratro. Sul punto del non ritorno.

frank173

Lun, 09/03/2020 - 12:41

Tanto rispetto gli operatori sanitari che sono sul campo, quanto disprezzo tutti i politici del governo centrale e delle regioni per non essere stati all'altezza della situazione o perché si sono fatti distrarre da considerazioni che con la salute pubblica hanno poco a che fare.

sbrigati

Lun, 09/03/2020 - 12:52

@quantobasta. La sua potrebbe essere una battuta, ma purtroppo rispecchia quello che tanti ai piani alti pensano.

bernardo47

Lun, 09/03/2020 - 13:06

forse conviene che taluni,parlino di meno e esercitino con coscienza la loro professione....

jaguar

Lun, 09/03/2020 - 13:09

Se tutto rimarrà aperto la gente continuerà a muoversi e l'epidemia a diffondersi.

divenire

Lun, 09/03/2020 - 13:15

L'unica consolazione è che siamo un popolo che prima di parlare si informa, è ordinato e scrupoloso nell' applicare le regole, assume individualmente le responsabilità senza scaricarle su altri e prima di tutto non fa polemiche inutili e rissose.

necken

Lun, 09/03/2020 - 14:01

Divenire; ottima ironia!

necken

Lun, 09/03/2020 - 14:11

Maurizio Macold 11,04: quello che dici è vero! in Italia putroppo se non diventiamo un popolo aduldo (abbiamo troppo spesso reazioni infantili dettate dalla paura) potremmo finire per essere governati da un podestà straniero con le leggi marziale in fondo è stato cosi per qualche secolo fra il rinascimento ed il risorgimento.

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Lun, 09/03/2020 - 14:31

Cheyenne 11:12 - E chi sarebbero le "PERSONE CAPACI" per il "GOVERNO DI GUERRA" che lei invoca? Il Capitan Salvini-Schettino, quello che era in plancia di comando ma che per squallidi calcoli elettorali e` sceso, fregandosene dei problemi degli italiani a cui diceva di tenere tanto? Faccia il piacere, si astenga, fara` una figura migliore...

Happy1937

Lun, 09/03/2020 - 14:44

Chissa’ se il Governo non emanera’ un provvedimento per salvare solo i “ politically correct “?

mimmo1960

Lun, 09/03/2020 - 14:52

Per PeccatoOriginale. Stiamo ancora aspettando il nostro salvatore.

titina

Lun, 09/03/2020 - 15:15

purtroppo ci sono persone egoiste e ignoranti che continuano la vita di prima .

gabrieleforcella

Lun, 09/03/2020 - 15:26

Credo sia necessario smetterla con questi articoli. Non spostano nè aiutano a risolvere il problema e aumentano le preoccupazioni di chi li legge (immaginate una persona molto anziana come si sente dopo avere letto queste affermazioni). Almeno i professionisti potrebbero evitare certe dichiarazioni; sia chiaro non sto dicendo che la situazione grave va tenuta nascosta ma articoli come questo non servono a nulla: un ixxxxa che non rispetta le norme, rimane tale anche se spaventato dai peggiori scenari perchè semplicemente non li comprende.

mimmo1960

Lun, 09/03/2020 - 16:13

Per gabrieleforcella. Ma cosa dici???? ma chi è lei ??? la gente si collega sui quotidiani per informarsi non per giocare.

Ritratto di babbone

babbone

Lun, 09/03/2020 - 16:23

come hanno ridotto il popolo Italiano.

ARNJ

Lun, 09/03/2020 - 17:06

Qualcuno al governo è responsabile..........se vivremo vedremo e dovrà pagare i suoi errori gravissimi..........!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 09/03/2020 - 17:51

@oceanicus - appunto, concordo

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Lun, 09/03/2020 - 18:18

Cerchiamo di essere responsabili e di stare in casa. Tutti devono fare la propria parte. Per polemiche e opinioni varie a dopo superamento di Coronavirus. Tenete i vostri figli in casa.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Lun, 09/03/2020 - 18:20

@bernardo 47, Lei l'ha capito che non ci sono posti in ospedale per salvare malati non solo di Coronovirus? Se ci viene un infarto o abbiamo un incidente non ci sara' la normale attenzione d'urgenza perche' non ci sono medici e letti a sufficienza. Questo e' il MEGA problema di questo virus.

bernardo47

Lun, 09/03/2020 - 18:27

questi nuovi medici, parlano troppo! I loro predecessori avevano una stoffa diversa!

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Lun, 09/03/2020 - 19:58

Certo.. il Governo arvà fatto degli errori, i media avranno enfatizzato troppo, ci saranno troppe fake news, ma una buona quota parte di quanto sta accadendo è da imputare a tutti quei nostri connazionali che se ne strafoxxxxo delle ordinanze e di quanto dicono i virologi. Abbiamo letto di quelli che son partiti ore fa dalla Stazione di Milano diretti al Sud, di quegli incoscienti che hanno fatto la festa alle due di notte a Firenze, di quelli che sono andati a sciare in Trentino... E che dire di tutti quelli che continuavano ad affollare pub, bar, locali? Che dire di quelli che continuavano e continuano ad affollare i parchi? Pure io continuo con la mia vita, ma le regole imposte le rispetto e attuo le precauzioni che consigliano i virologi. Se si moltiplicano rapidamente i contagi è anche colpa di buona parte dei cittadini.