L'esorcista contro Sfera Ebbasta: "Nei suoi testi c'è il demonio"

Non usa mezzi termini ai microfoni dei Lunatici su Rai Radio 2 l’esorcista don Antonio Mattatelli

"Sfera Ebbasta? Ho letto il testo di una sua canzone e mi sono messo le mani nei capelli. Dietro messaggi simili c’è il demonio". Non usa mezzi termini ai microfoni dei Lunatici su Rai Radio 2 l’esorcista don Antonio Mattatelli.

Che poi aggiunge: "Non so come si faccia a portare i propri figli in un posto in cui si cantano certe canzoni. Mi sorprende che i ragazzini vengano accompagnati addirittura dai genitori nelle discoteche per partecipare a certi incontri. Le discoteche sono sicuramente luoghi in cui il demonio sguazza".

Per l'esorcista, "la musica ha una potenza evocativa straordinaria. Si può pregare o evocare Satana con la musica. Questi rapper hanno una funzione anticristica, instillano nei ragazzi dei valori sbagliati. Non voglio colpevolizzare il singolo o i genitori. Servirebbe una svolta a livello di società e di Stato. Si dovrebbe capire che non è più democrazia un regime in cui tutto è permesso e non c’è più nessun fondamento etico. Certe canzoni andrebbero anche vietate, censurate per legge. E le discoteche non dovrebbero essere luoghi non tenebrosi come sono attualmente, luoghi in cui c’è droga, sesso, promiscuità, luoghi in cui il demonio può piazzare tutto ciò che può pensare per un giovane".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Evam

Evam

Mar, 11/12/2018 - 20:26

Per carità, siamo letteralmente pieni di satanisti. Tutta gente che se la passa pure bene grazie alla nostra ignoranza, al nostro buonismo e alla nostra imbecillità.

Ritratto di Leon2015

Leon2015

Mar, 11/12/2018 - 21:01

Ma chi è sto stordito pieno de scarabocchi?

Divoll

Mar, 11/12/2018 - 22:52

Ma sto tizio e' italiano? A vederlo, sembrerebbe di no.

GGuerrieri

Mer, 12/12/2018 - 00:50

Adesso non esageriamo. Il rap italiano è l'esempio chiaro della fase di degrado culturale che sta attanagliando la musica italiana, lontana parente di quella degli anni 70'e 80' soprattutto. Ma questi rapper sono solo dei tamarri che scimmiottano i rapoer afro-americani, i quali almeno dal ghetto vengono veramente. Infatti ogni tanto qualcuni lì ci lascia pelle in regolamenti di conti...

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 12/12/2018 - 08:29

se molti genitori sono cosi stupidi da permettere ai loro figli di ammirare simili personaggi, dovremo in futuro accettare di ottenere risultati purtroppo anche peggiori di quelli gia ottenuti! Fra qulache anno questa non musica sara per fortuna dimenticata , i morti no, e la colpa sara anche nostra perche permettiamo che questi fenomeni vengano reclamizzati!

Seawolf1

Mer, 12/12/2018 - 09:42

mi viene da vomitare...

Cittadino58

Mer, 12/12/2018 - 09:57

La cosa allucinante è che ci siano dei genitori che permettano o addirittura accompagnino figli giovanissimi agli spettacoli di questo tizio con il cervello bruciato dalle droghe.