La liberazione delle donne (dagli uomini)

Per la prima volta nella storia maschi e femmine sono indipendenti e divisi

Per la prima volta nella storia dell'umanità le donne, nei Paesi occidentali, non sono più sotto il continuo controllo dei maschi ma libere di decidere da sole anche se creare una coppia, una famiglia, di restare sole, con o senza figli. Certo continuano a esserci innamoramenti, convivenze, matrimoni ma nelle nuove generazioni queste unioni sono sempre meno durature e aumentano le donne che vivono sole senza un maschio in casa. È la prima volta nella storia che maschi e femmine sono divisi e vengono divisi. E talvolta non sanno se sono loro che rifiutano la continua presenza della persona dell'altro sesso o se è la società che gli presenta la separazione come un atto di liberazione.

Oggi la donna accetta qualsiasi peso od obbligo se le viene ordinato da un potere impersonale che avverte distante, come quello burocratico o gli obblighi di lavoro, mentre sente pesante o addirittura insopportabile l'obbligo di dipendere da un uomo, di dovere ubbidire a un suo comando. Oggi le donne sono molto più felici, più serene, più soddisfatte dei maschi e giorno dopo giorno si sentono più libere e più forti. Sono padrone del loro corpo della loro sessualità e ne fanno ciò che vogliono. Questa libertà, in questo momento storico, è una conquista importantissima e a cui non vorrebbero per nessuna ragione rinunciare, anche se ciò comporta fare moltissimi sacrifici e assumersi oneri che un tempo non avrebbero neppure osato immaginare.

Il principio base è che non devi più prendere ordini direttamente dai maschi, non devi accettare di essere continuamente controllata, non devi più rendere continuamente conto di dove sei e di cosa fai. E non devi accettare niente che non ti piaccia. Non devi continuare una relazione in cui ti annoi o in cui non sei sempre felice. L'amore dev'essere sempre e soltanto piacere, godimento, divertimento, erotismo. E non appena l'altro fa qualcosa che non ti va, ti sbarazzi di lui come di un piatto rotto, di una pentola ammaccata. Vuoi che il tuo amato sia sempre allegro, divertente, faccia ciò che tu desideri, sia sempre perfetto e se non lo è, lo sostituisci. È lo stesso processo che ti porta a non volere figli. Se essi limitano troppo il tuo lavoro, la tua carriera, i tuoi amori, il tuo sesso o il tuo divertimento, ne fai a meno.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Savoiardo

Dom, 02/02/2020 - 18:11

Tolte le esagerazioni,e' contro nnatura (siamo l'esito dell'evoluzione )

sparviero51

Dom, 02/02/2020 - 18:36

EGREGIO PROFESSORE, MI SFUGGE IL SUO INTENTO NEL RAPPRESENTARE LA DONNA IN QUESTO ARTICOLO . CI VEDO UNA LEGGERA VENA DI IRONIA ,O SBAGLIO ? TUTTO VERO FINO ALL’ETÀ DELLA DECADENZA FISICA . POI È UN CONTINUO FRIGNARE PENTENDOSI DELLE LORO SCELTE .

sparviero51

Dom, 02/02/2020 - 18:45

LE DONNE INTELLIGENTI CONTINUANO AD ESSERE DELLE “ SIGNORE” NEL LORO RUOLO DI MOGLI E MADRI AMOREVOLI INDIPENDENTEMENTE DALLE CONDIZIONI ECONOMICO-FINANZIARIE . LE ALTRE HANNO INSEGUITO UNA FINTA LIBERTÀ E INVECE DI EMANCIPARSI SONO SPROFONDATE NELLA BANALITÀ SOLITARIA QUOTIDIANA ACCOLLANDOSI ONERI CHE ERANO PROPRI DEI MASCHI .CONTENTE LORO ....

FrancoM

Dom, 02/02/2020 - 19:02

Beh, è quello che desidera il comunismo: distruggere la famiglia. Quando la bandiera rossa trionferà, allora la povertà che ne consegue farà vedere le cose in una diversa ottica.

edo2969

Dom, 02/02/2020 - 19:18

02022020 oggi. Per chi lo sa leggere. Alberoni ha ragione sulle donne. Le donne se avessero sempre comandato oggi il mondo sarebbe 10000 volte migliore. Sono più intelligenti ed equilibrate, ma l’uomo simile a uno scimpanzé le ha messe sotto con la forza fisica. Ora succederà. Peccato che ci sono i musulmani che rovinano il mondo trattano le donne come schiave.

edo2969

Dom, 02/02/2020 - 19:20

Alberoni ha torto sull’egoismo, le donne hanno un altruismo innato 10000 volte più degli uomini, poi per carità si parla di statistica ci sono i casi singoli, ma la media è quella.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Dom, 02/02/2020 - 19:26

Le donne: a) hanno diritto ad abortire un figlio a propria discrezione; b) ricevono pene minori per lo stesso reato, godendo nel contempo di carceri più confortevoli; c) hanno diritto a corsie preferenziali e quote; d) sono celebrate quando ottengono una carica importante. Sono tutte clamorose dichiarazioni di inferiorità psicofisica che hanno l'effetto opposto a quello sperato dalle femministe.

apostata

Dom, 02/02/2020 - 20:48

Cambiano gli aspetti formali ma resta l’impulso per la procreazione, l’unico segnale certo e misterioso del dio latitante e crudele. L’impulso per la procreazione è deviato per il solo piacere e sarà la donna a dominarlo. La scelta rientra tra le prerogative femminili e diventa più responsabile in un mondo che esplode per la crescita abnorme destinata a stenti ed emigrazione delle popolazioni delle aree geografiche prive di educazione sessuale. La curiosità è sui figli che dovranno maturare fuori dai tradizionali equilibri familiari dai quali però si vanno già dissociando per gli incontenibili modelli imposti da internet e dalla piccolezza del mondo.

emigrante

Lun, 03/02/2020 - 04:56

La bonta' di albero la si vede dai frutti che porta. Per ora, mi pare siano frutti avvelenati, o quanto meno sterili.

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Lun, 03/02/2020 - 09:32

Bisogna farLe i complimenti ancora una volta. L'analisi è condivisibile, anche se volutamente manca di approfondire le cause del problema. Le riassumiamo in poche righe: per la distruzione della famiglia ed in particolare dei legami che essa crea indissolubilmente, l lavoro femminile è stato la chiave di volta. Anni sessanta, il pensiero luciferino massonico (il Ribelle per antonomasia) fa circolare l’idea che la donna non è degna se non lavora (si realizza) fuori si casa. Da qui le babysitter, gli asili nido, gli ospizi per anziani...Poi l’aborto, il divorzio...Belle trovate vero ? E quante ci cascano salvo pentirsi attivate alle cinquantina, magari ricche di denaro, ma sole come cani ?