L'immunologa Viola: "Vi spiego perché il lockdown è sbagliato"

L'immunologa dell'Università di Padova contro la possibilità di una nuova chiusura: "Non possiamo affrontare 7 mesi di lockdown"

L'ipotesi di una nuova chiusura generalizzata sembra farsi sempre più concreta, con i numeri dei nuovi contagi da Covid-19 che crescono di giorno in giorno. Ma, tra gli esperti, c'è chi pensa che un altro lockdown non sia la giusta soluzione.

A seguire questa strada è Antonella Viola, immunologa dell'Università di Padova, che ha definito senza senso e sbagliata la possibilità di ciudere nuovamente negozi e attività, chiedendo alle persone di restare a casa. E, in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook spiega il motivo: "Perché il lockdown è sbagliato?- si legge sul social- Perché non ha senso chiudere negozi e locali dove le regole sono rispettate". Se anche i ragazzi non potranno più frequentare i locali, infatti, "non smetteranno di vedersi e si organizzeranno per dormire tutti insieme (ci si trova a casa di uno alle 21 e si sta insieme fino all’alba). Perché il problema non sono i luoghi in cui le regole si applicano, ma quelli in cui non si possono far rispettare".

Ma il punto è anche un altro: "Non possiamo pensare di affrontare 7 mesi in lockdown!". L'attività economica è uscita fortemente provata dalla chiusura della scorsa primavera e il pensiero di ripetere la stessa esperienza genera timori diffusi. Per questo, sottolinea Viola, "bisogna pensare a convivere con il virus". E le regole da seguire per frenare la corsa del nuovo coronavirus riguardano i diversi aspetti della vita quotidiana: "Agire su trasporti, test, tracciamento, personale sanitario, DAD in Università (i giovani lascerebbero le grandi città). Laddove necessario DAD alternata a presenza nelle ultime due classi delle superiori. Mascherina obbligatoria sempre in tutti i luoghi chiusi, incluse le scuole. E controlli nei locali!".

Perché il lockdown è sbagliato? Perché non ha senso chiudere negozi e locali dove le regole sono rispettate. Perché i...

Pubblicato da AntonellaViola su Giovedì 22 ottobre 2020

Già qualche giorno fa, l'immunologa Viola aveva messo in guardia sulle speranze riposte nell'arrivo di un vaccino che, a sua detta, "non è la soluzione". E spiegava il motivo della sua affermazione: "Prima di tutto non arriverà a fine anno. Se tutto andrà bene, sarà registrato entro fine anno e le prime dosi arriveranno verosimilmente verso marzo o aprile". Ma, anche quando arriveranno, le dosi non saranno sufficienti. In più, serviranno 2 vaccinazioni a distanza di settimane. "Ma c’è un altro problema- spiegava Viola- i trial clinici non stanno analizzando la capacità del vaccino di indurre immunità sterilizzante ma di ridurre i sintomi. Questo significa che molto probabilmente le persone vaccinate potranno comunque infettarsi e contagiare". Per questo, l'immunologa suggeriva di evitare di creare false aspettative sul vaccino: "Dobbiamo stringere i denti e tenere duro. Convivere col virus. Le regole da seguire sono poche e semplici: mascherina, distanza, poche interazioni".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Zecca

Ven, 23/10/2020 - 14:05

Quindi aveva ragione Conte col suo Dpcm “light”? Peccato che Fontana abbia chiesto misure più drastiche, quel cattivone!

fabioerre64

Ven, 23/10/2020 - 14:09

Ogni tanto una che ragiona e dice cose sensate, adesso i catastrofisti la attaccheranno sicuramente perché ha osato affermare che il lockdown è inutile, sbagliato e dannoso.

roberto010203

Ven, 23/10/2020 - 14:36

Le regioni hanno avuto mesi per implementare il tracciamento, e non e' stato fatto nulla. Non prendiamoci in giro. Il tracciamento e' un'utopia. Questa signora parla solo per ingraziarsi la destra che non vuole fare nulla.

ruggerobarretti

Ven, 23/10/2020 - 14:39

fabioerre64: anche l'OMS che non e' proprio una associazione benefica, e' giunta alle stesse conclusioni: le chiusure sono da evitare. Poi la Viola viene da una buona scuola e si vede nel momento in cui sta mettendo in guardia dall'illusione del vaccino salvifico.

Malacappa

Ven, 23/10/2020 - 14:53

Finalmente qualcuno con un po' di sale in zucca

pilandi

Ven, 23/10/2020 - 14:56

Non mi è chiaro con quale motivazione un ragazzo potrebbe andare a casa di amici durante un lockdown, e comunque, l'unico momento in cui i contagi si abbassaronoi fu durante il lockdown. Se le persone non hanno testa per rispettare le regole per conto loro bisogna imporgliele.

ruggerobarretti

Ven, 23/10/2020 - 15:04

infatti bisognerebbe imporre con tutti i modi a certi soggetti di intervenire. A me risulta che i contagi si azzerarono nell'arco temporale maggio-agosto. Mi sembra di ricordare questo.

ExOccidenteLux

Ven, 23/10/2020 - 15:07

Non abbiamo bisogno di altre "autorità" che ci spieghino nulla. Chi di noi lavora per vivere lo sa già benissimo.

ondalunga

Ven, 23/10/2020 - 15:23

@zecca: sei proprio come il tuo nickname, te lo sei scelto bene e cucito addosso !

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 23/10/2020 - 16:17

@zecca - fino a ieri dicevi i lcontrario. Ha ragione @ondalunga, sei prorpio una zecca, nome su misura.

Ritratto di jasper

jasper

Ven, 23/10/2020 - 16:25

Si tenga inoltre presente che se il Virus Covid-19 è artificiale, preparato cioè nei laboratori miliari della Cina Comunista (come supposto dalla CIA e dalla FBI) non ci sarà vaccino che possa mai combatterlo dato appunto che detto Virus sarebbe nella fattispecie un Virus da combattimento, un Virus corrazzato, un Virus da guerra.

Jon

Ven, 23/10/2020 - 16:40

Si scopre che uns Ricercatrice Italiana di Torvergata ha sconfitto il Covid con la Lactoferrina.., sia come prevenzione sia con pazienti malati.. Era tutto cosi' semplice, e sembra funzioni davvero..!!

steluc

Ven, 23/10/2020 - 16:53

Seguo Jasper. Se poi è stata trovato nella catena del Covid un frammento di Rna ricombinante dell’ Hiv , non c’ è vaccino che tenga, visto che dopo 40 anni non esiste contro l’aids. Questo è un atto bellico della RPC , che i pavidi e gnomi governanti occidentali non vogliono vedere. Evidentemente , qualcuno che dirige questi gnomi ha cominciato a pensare che sette miliardi sulla terra sono troppi. E magari farci pure un bel po’ di quattrini.

Jon

Ven, 23/10/2020 - 17:00

@jasper..Se lei crede che le supposte della Cia siano vere..!! In quei laboratori, voluti da Francia e Usa, i cinesi lavoravano in Team, con protocolli tali che nessun virus puo' fuggire..A meno che qualcuno non ne abbia approfittato..Poi Cina COmunista?? Sono piu' democratici dell'Italia..!!

ruggerobarretti

Ven, 23/10/2020 - 17:29

Jon: ho letto delle risultanze dello studio che citi. Che dire?? Probabilmente costa troppo poco.

vocepopolare

Ven, 23/10/2020 - 19:08

la ministra dei trasporti si è lanciata nella più sballata dichiarazione affermando che i trasporti non sono causa di diffusione del virus: è perfettamente il contrario. Cosa fare? premesso che lo stato e le regioni non hanno mezzi e personale per ampliare i servizi urbani, che il ricorrere ai trasportatori privati è quanto mai pericoloso per la struttura degli autobus da diporto(porta unica e corsie strette che impediscono fuga), bisogna solo consentire la mobilità privata incentivando la gratuità dei pedaggi autostradali, eliminazione delle ZTL, favorire parcheggi in città senza oneri pesanti con il controllo delle polizie urbane e gli addetti alla sosta.

pilandi

Ven, 23/10/2020 - 19:47

@jasper ed ovviamente si sono infettati anche loro (i cinesi) e sono talmente scemi che creano un virus così perfetto che ha contagiato milioni di persone e si dimenticano l'antidoto! :) Dingggg! Grazie di aver partecipato, le faremo sapere.

Ritratto di Civis

Civis

Ven, 23/10/2020 - 19:54

L'unico modo per convivere in equilibrio col virus, gentile signora, è sostanzialmente eliminarlo, come hanno fatto in Cina (ora 30 nuovi infetti al giorno), dove il turismo interno è ripreso alla grande e il PIL a fine anno è previsto al +5%, in Sud Corea (ora 160 nuovi infetti al giorno, PIL previsto a -1%) e in altri Paesi dell'Estremo Oriente che hanno IMPARATO da recenti epidemie. La fase 2 di Conte consisteva proprio nel "convivere" col virus e stiamo vedendo ora come va a finire: oggi, 20.000 nuovi infetti e PIL a fine anno fra -10 e -15%. E gli altri in Europa non stanno tanto meglio: solidarietà fra incapaci.