"L'ipotesi scambio di persona dietro la morte di Mariam"

Secondo la sorella Mallak dietro al pestaggio selvaggio c'era un sospetto infondato

Parla di uno scambio di persona la famiglia di Mariam Moustafa, la giovane italiana di diciotto anni morta in Inghilterra dopo essere stata brutalmente pestata da una babygang di ragazzine. Secondo i parenti lei e la sorellina Mallak, di 15 anni, avrebbero dovuto affrontare il gruppo lo scorso agosto, in un parco vicino a casa.

"Non erano della nostra scuola - ha raccontato Mallak al tabloid Sun - ma ci hanno assalite perché dicevano che le stavamo fissando. Ci hanno colpito entrambe". Il gruppo di ragazze di colore, tra i 15 e i 17 anni, si imbattè nelle due italiane lo scorso 20 febbraio in Parliament Street, a Nottingham.

"Mia sorella le ha riconosciute da quel primo attacco e ha cercato di scappare. Ma l’hanno raggiunta e le ha chiesto se ci fosse lei dietro il profilo Instagram col nome di Black Rose", racconta ancora Mallak, spiegando che Mariam si difese dicendo di non essere lei, ma semplicemente una ragazza che le somigliava. Da quell'account erano state pubblicate sui social prese in giro dirette alla gang.

In quel momento sarebbe iniziato il pestaggio brutale, continuato anche dopo che Mariam si era rifugiata su un autobus di passaggio. Il giorno dopo il ricovero in ospedale. Dopo tre settimane la ragazza era morta.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Lotus49

Mar, 20/03/2018 - 13:13

L'Inghilterra ormai oscilla fra la sharia e il caos. La libertà funziona con i popoli civili, ma ormai hanno importato talmente tanti selvaggi che non è più sostenibile. E la famiglia reale, davanti a questo sfacelo, pensa solo al matrimonio di quel mentecatto, il Lapo inglese, accogliendo a corte l'ennesima zxxxxxa. Come li vedo male.

venco

Mar, 20/03/2018 - 13:14

Adesso abbiamo capito, è stata assalita da ragazze nere.

Ritratto di brunobeard

brunobeard

Mar, 20/03/2018 - 13:35

Propongo che gli amici di questa sventurata ragazza ITALIANA, organizzino una manifestazione “silenziosa” di fronte alla sede dell’ambasciata inglese, affinché giunga forte,in quella nazione di presuntuosi, un segnsle forte della nostra indignazione. Manifestazione da ripetere in relazione all’ andamento delle indagini ed alle previsioni di risultato delle stesse. Grazie a quanti vorranno accogliere questo invito

jenab

Mar, 20/03/2018 - 13:38

la GB sta diventando razzista, e mussulmana o sbaglio? e poi vengono a fare la morale a noi...comunque noi non abbiamo perso l'occasione per fare brutta figura, il governo egiziano ha protestato, e quello inglese si è subito scusato!! noi,cagati neanche di striscio, e si che la ragazza è italiana!!...pero poi abbiamo aperto il sempre inutile fascicolo di indagine!!!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mar, 20/03/2018 - 13:51

Ottimo esempio di società multiculturale. Soros, missione compiuta !

ziobeppe1951

Mar, 20/03/2018 - 14:19

Alle zecche rosse piace il razzismo colorato

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mar, 20/03/2018 - 16:08

Nere e, scommetto, pure scorfani. Ne avevano ben donde di essere incazzate e di riunirsi in gang. Non per nulla Kubrick ha ambientato nella perfida Albione il suo Arancia Meccanica. Qualcuno si è scordato degli hooligan?

cecco61

Mar, 20/03/2018 - 16:19

Baby gang di ragazzine di colore? Vi siete probabilmente sbagliati: i cattivi sono solo i bianchi.

nopolcorrect

Mar, 20/03/2018 - 17:58

@jenab: il solito ridicolo fascicolo d'indagine...di una magistratura ridicola...

Massimom

Mar, 20/03/2018 - 19:36

Allora si tratta di razzismo! Razzismo nero, guarda caso.

Ritratto di Giancarlo09

Giancarlo09

Mer, 21/03/2018 - 08:24

Se questo branco di negrette ha massacrato di botte un'egiziana per odio/invidia razziale figurativi quale odio possono nutrire per noi vista la diversità razziale ancora più accentuata. Ci stiamo mettendo in casa i nostri futuri carnefici.