L'omicidio-suicidio della classe media

Nel "mondo di sopra" ci sono i ricchi, nel "mondo di sotto" ci siamo finiti tutti noi

A Roma due coniugi di 75 e 72 anni sono stati trovati l'uno accanto all'altro a letto, morti. Il marito aveva sparato alla testa della moglie e poi si era suicidato. Cercando le ragioni di questo gesto si è scoperto che lui era un noto avvocato, un professionista che fino a qualche anno fa guadagnava bene poi, con la recessione economica ha smesso di guadagnare. I due hanno conservato, sia pure ridotto, il loro tenore di vita, poi hanno finito i risparmi e hanno ricevuto lo sfratto dall'appartamento in affitto in cui vivevano. Da benestanti erano diventati poveri. Avrebbero dovuto ritirarsi in una casa miserevole, forse andare a mangiare alla Caritas e hanno preferito uccidersi. Hanno fatto come molti imprenditori che hanno visto le loro fiorenti imprese distrutte dalla globalizzazione.

Il suicidio è l'atto estremo dell'immiserimento della classe media avvenuto con la mondializzazione. Ma la rovina è ben più ampia. Operai dell'industria, contadini, impiegati, ferrovieri, artigiani, commercianti e negozianti di ogni tipo, insegnanti, architetti, avvocati, ingegneri, medici sono stati impoveriti o addirittura espulsi dal sistema economico e sopravvivono a fatica con la prospettiva di stare sempre peggio. Cristophe Guilluy nel libro La società non esiste sostiene che è avvenuta la netta separazione fra il mondo di sopra formato dai ricchi (e io, aggiungo, dalle spaventose potenze sovranazionali) e il mondo di sotto, dove finiamo tutti noi. È così che è stata distrutta la classe media che era la base della cultura occidentale e della democrazia rappresentativa.

Sulle rovine della classe media cresce quella che Hannah Arendt nelle Origini del totalitarismo chiama la plebe. La plebe, impoverita, delusa, priva di fiducia non capisce le ragioni del suo disagio. Si ribella, ma non ha forza per creare un partito, per concepire un progetto razionale di riforma delle istituzioni nazionali e internazionali. Si accontenta dei luoghi comuni, delle chiacchiere televisive o dei social. Sul piano politico spaventata, incerta cerca un capo, un conducator, un capataz, un caudillo che spesso le fa promesse che non potrà mantenere e che poi finirà per fare gli interessi del «mondo di sopra».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

venco

Dom, 30/06/2019 - 14:39

La classe media vota a sinistra, l'abbiamo visto il 26 maggio in tutte le grandi città, e adesso Salvini vuole pure premiarli con la flat tax, ma continueranno a votare Pd.

Marguerite

Dom, 30/06/2019 - 15:24

Ma niente da preoccuparsi....Di Maio ha sconfitto la povertà!!!!! Venco , in un vero Governo di destra.....non c’è assistenza sociale, come la politica di sinistra che fa Salvini....vada a vedere quali aiuti sociali da Trump!!! Altro che quota 100 negli USA lavori fino alla morte perché la sanità di stato non esiste!!!! Vada a vedere quanti giorni hanno dopo una gravidanza!!!!!!

neucrate

Dom, 30/06/2019 - 16:25

E tutti quanti siete contrari al salario minimo di 9€, avete davvero il timore che i salariati, con quella paga diventeranno tutti ricchi

venco

Dom, 30/06/2019 - 16:47

Margurete 15,24 ti capisci solo te stessa.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 30/06/2019 - 17:22

Io spero nel Signore, Egli mi custodisce quando esco e quando entro da ora e per sempre così la S. Scrittura e Noi dovremmo ricordarlo ogni ora che al peggio non vi è rimedio ma occorre sempre avere fiducia e camminare con coraggio. Shalòm.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 30/06/2019 - 19:05

Per dirla con Forza Italia qui o si fa l'Italia o si affonda. Shalòm.

Ritratto di adl

adl

Dom, 30/06/2019 - 20:53

La triste storia, si può analizzare sotto il profilo economico-sociale, come fa lei, oppure sotto il profilo del vuoto nell'anima. Ed il problema non è solo dei meno ricchi !!!!

Raffaello13

Lun, 01/07/2019 - 07:12

Il disastro Italiano è cominciato con l'adesione all'Euro e contemporaneamente alla Finanza Internzaionale. In poco più di un decennio hanno DISTRUTTO l'Agricoltura, il Manufatturiero, parte delle piccole Industrie, con la benedizione dei Governi Prodi ed in parte Berlusconi. Emblematica la distruzione con le quote Latte dei nostri Allevamenti, benedetta da una Sinistra Nemica del popolo italiano che solo negli ultimi tempi se neè reso conto. Berlusconi ha chiaccherato tanto, ma quando aveva la Maggioranza di fare, si è lasciato bloccare da altre cose, senza opporsi alla devastazione Europea.

apostata

Lun, 01/07/2019 - 08:46

È commovente, pensa che “un progetto razionale di riforma delle istituzioni nazionali e internazionali” possa salvarci. Crede nelle carte, nei timbri, nei pensatori che senza nulla chiedere al popolo possano ridare felicità. Si perde in letture manicheiste e astratte citazioni. Manca sensibilità per le cause vere della crisi. La nostra economia deve confrontarsi con paesi nei quali il costo della manodopera è inferiore. Il sinistrume occidentale ha pensato che la mondializzazione fosse un bene, non ha previsto le conseguenze, non s’è preoccupato delle condizioni dei lavoratori del terzo mondo. I paesi avanzati ne escono con la ricerca, l’innovazione, la robotizzazione, la sburocratizzazione. L’italia affoga nell'ignoranza, nell’arretratezza strutturale e tecnologica, nella burocrazia.