L'ultima follia dei No Vax: incontri per contagiare bambini non vaccinati

La denuncia di Andrea Nobili, Garante dei diritti della Regione Marche, alla Polizia Postale racconta l'ultima assurda idea degli antivaccinisti. I No Vax organizzerebbero incontri per contagiare bambini sani e non vaccinati

"Immunizzare i bambini in modo naturale come una volta": parte da questa convinzione l'ultima (malsana, ndr) idea degli antivaccinisti. I No Vax si sono organizzati in gruppi Facebook in cui organizzano inconti tra bambini non vaccinati per farli ammalare e appunto immunizarli alle malattie in maniera naturale. A segnalare l'accaduto è stato Andrea Nobili, Garante dei diritti della Regione Marche, alla Polizia Postale.

La denuncia

Il gruppo Facebook, come spesso accade, è chiuso ed accessibile solo facendone domande. All'interno di questa confraternite digitali si cerca di diffondere dei virus tra bimbi malati e quelli non vaccinati. La mossa porterebbe il bambino ad essere immunizzato dal virus in maniera naturale, sempre se non perde la vita. La prima segnalazioni di questa assurda folli dei No Vax arriva da un gruppeto di medici che hanno fatto avere a Nobili screenshot.

"Ho ritenuto opportuno avvertire la Polizia Postale perché siamo al delirio - ha detto il garante dei diritti della Regione Marche- attraverso azioni di questo tipo oltre a disconoscere l’obbligo vaccinale si induce a forme di contagio volontario. E’ nostro dovere, invece, ribadire che il pur rispettabile interesse individuale va ad annullarsi rispetto all’interesse pubblico, soprattutto laddove si tratti di tutela della salute collettiva. I mutamenti intercorsi negli ultimi anni, sia per quanto riguarda la diminuzione della copertura vaccinale, sia per l’esposizione al contatto con persone provenienti da altri Paesi impongono di tener conto delle raccomandazioni provenienti dalla comunità scientifica e dalle istituzioni sanitarie competenti", come riportato da Today.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di caster

caster

Mer, 30/08/2017 - 11:56

Contaggiare? Fate attenzione alle doppie,per carità.

Mizar00

Mer, 30/08/2017 - 12:04

"sempre se non perde la vita" ? E per quale malattia, la peste ? Siete più RIDICOLI voi con questi articoli che di scientifico non hanno nulla (come i test sui vaccini, che tutti ne parlano ma nessuno sa dove siano).Ma se voi siete tutti belli vaccinati e contenti, perchè rompete i maroon a chi vuole SCEGLIERE ? State al sicuro voi.. o no ?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 30/08/2017 - 13:15

Un'autentica genialata! Da estendere, magari, ai casi di difterite e di polio...Atteso che, a questo punto, l'atteso ritorno di tali patologie è ormai dietro l'angolo.

ruggerobarretti

Mer, 30/08/2017 - 14:04

Se questi sono i garanti. Siamo un popolo senza futuro altro che.

Fjr

Mer, 30/08/2017 - 14:19

È vero siamo al delirio,e non per un febbrone

carlonasti

Mer, 30/08/2017 - 14:49

Chi è vaccinato non deve preoccuparsi di chi non lo è e non deve rompere le scatole perchè sa di essere al sicuro (forse), giusto? Chi non lo è e ha paura di ammalarsi è libero di vaccinarsi così si sentirà al sicuro (forse), giusto? Chi non lo è e non si vuole vaccinare comunque, correrà il rischio di ammalarsi (forse) per cui è un problema suo, giusto?

Mizar00

Mer, 30/08/2017 - 15:16

@carlonasti: con questi ragionamenti troppo lineari si rischia di mandare in cortocircuito i fanatici provax! :) ... Immunizzati in maniera naturale?? Folliaaaahhhlrogo!!!! Surreale.

Ritratto di Muk

Muk

Mer, 30/08/2017 - 15:53

E basta con queste chiacchere. Non se ne può più.

Cygnus01x

Mer, 30/08/2017 - 16:11

A certi "garanti" bisognerebbe ricordare che secondo la Corte Costituzionale (sentenza 308/1990), non è permesso il sacrificio della salute individuale a vantaggio di quella collettiva. Ciò significa che è sempre fatto salvo il diritto individuale alla salute, anche di fronte al generico interesse collettivo. La “Convenzione di Oviedo”, a cui l’Italia aderisce, ha stabilito il fondamentale principio della “autodeterminazione in materia di salute”. Quanto al "sempre se non perde la vita" è .... incommentabile.

Ritratto di stufo

stufo

Mer, 30/08/2017 - 16:35

La vita e' una malattia Che porta alla morte. Si previene col preservativo.