Così il commissario Cotticelli ​era stato premiato da Guerini

L’ex commissario alla Sanità della Calabria, Saverio Cotticelli, è stato insignito dal ministro della Difesa Lorenzo Guerini della Croce d'oro al merito dell'Arma dei carabinieri

"Quel giorno non ero lucido, ero in stato confusionale. Quando mi sono rivisto non mi sono riconosciuto. Sono stato drogato da qualcuno? Non lo so, sto cercando di capire cosa sia successo, ho avuto un malore". Sono state queste le parole pronunciate dall’ex commissario alla Sanità calabrese, Saverio Cotticelli, nel corso della trasmissione in onda su La7 Non è l’Arena. Un modo per giustificarsi dopo il mare di polemiche scaturite da una intervista rilasciata dallo stesso Cotticelli a "Titolo V" su Rai3. In questa occasione l’ex commissario alla Sanità della Calabria di fatto dimostrava di non conoscere il piano anti-Covid della Regione. "Ma l’ho fatto io quel piano", si è difeso ieri sera. "Quel giorno non ero in me stesso, sto cercando di capire cosa sia accaduto con un medico".

L’intervista di Cotticelli a "Titolo V" ha creato un terremoto nella sanità calabrese, ha scosso il governo e creato sconcerto tra i cittadini. Una scena imbarazzante, quasi tragicomica, quella che ha come protagonista l’ex commissario che ha risposto alle domande sulla situazione della sanità in Calabria con difficoltà e continuando a ripetere: "Stiamo provvedendo". Per non parlare del momento in cui Cotticelli scopre proprio durante durante l’intervista quali sarebbero le sue competenze, evidentemente fino a quel momento a lui ignote. "Sembrava la mia controfigura, non so cosa mi sia successo. La mia famiglia non mi ha riconosciuto, io stesso non connettevo, il piano anti Covid l'ho fatto io. Sto cercando di capire con un medico se ho avuto un malore o qualche altra cosa", ha provato a spiegare l'ex commisario alla sanità calabrese. Una toppa forse peggio del buco.

Eppure il 68enne stabiese Saverio Cotticelli non sembrava uno sprovveduto. Almeno stando ai premi ricevuti in passato. Nella sua vita diversi sono stati gli incarichi di prestigio ed i riconoscimenti ottenuti dal generale in pensione dal novembre del 2016. Come racconta Repubblica l’ex commissario alla Sanità della Calabria ha conseguito un riconoscimento per una lunga carriera nei carabinieri. Cotticelli è stato generale di corpo d'armata insignito dal ministro della Difesa Lorenzo Guerini (Pd) della Croce d'oro al merito dell'Arma dei carabinieri. "Ufficiale generale di preclare qualità umane e professionali, ha sempre costituito limpido esempio e sprone per il personale dipendente, assicurando costantemente soluzioni organizzative brillanti e di rara efficacia. Nel corso di oltre quarantasei anni di prestigiosa carriera militare, ha ricoperto incarichi di assoluto rilievo tra i quali spiccano quelli di comandante della Legione Lazio, di comandante della Divisione unità specializzate e di comandante della Unità mobili e specializzate Polidoro", è la motivazione che ha portato alla concessione del riconoscimento. "Con la sua infaticabile e preziosa opera di comando e di pensiero – è indicato ancora - ha contributo al progresso dell'istituzione, esaltandone spiccatamente il lustro e il decoro nell'ambito delle Forze armate e della Nazionale".

Nella lunga carriera di Cotticelli si annoverano diverse importanti incarichi all’estero. Tra 2001 e 2002 fece parte della missione Sarajevo, Bosnia and Herzegovina. Nel 2006 il generale fu comandante della Regione Piemonte e Valle d’Aosta e l’anno successivo guidò i Nas (i Nuclei antisofisticazioni e sanità dell'Arma dei Carabinieri, posti alle dipendenze funzionali del Ministero della salute, ndr). Commendatore all'Ordine al merito della Repubblica, nel 2010, è stato presidente del Cocer (l’organo centrale a carattere nazionale in rappresentanza del personale dell’Arma dei Carabinieri, ndr) e poi del Cocer interforze. Infine la chiamata in Calabria come commissario ad acta per il piano di rientro della Sanità locale fino al clamoroso passo falso che gli è costato il posto poi preso da Giuseppe Zuccatelli, già a capo dell’Asp di Cosenza, finito anche lui nel'occhio del ciclone per alcune sue frasi pronunciate lo scorso 27 maggio sull’inutilità della mascherina e sul fatto che “per infettarsi bisogna baciarsi con la lingua per 15 minuti". Altre affermazioni che hanno scatenato altre polemiche.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di scimmietta

scimmietta

Lun, 09/11/2020 - 14:16

Messo-rimosso (Grillo-Conte) . Un galantuomo vittima della folle ideologia bipolare grillesca. Sostituito con un "negazionista" che, se non fosse stato amico e candidato per il partito del ministro della salute, si potrebbe benissimo annoverare tra le file del salvinismo più becero. Ma così è se vi pare, a seconda della bisogna. Poveri noi. Al generale va comunque tutto il mio rispetto e la mia solidarietà.

ItaliaSvegliati

Lun, 09/11/2020 - 14:33

Croce d'oro a questo personaggio dal ministro della difesa...in che mani siamo....BEONI KOMUNISTI allo sbaraglio, prima togliete il disturbo meglio sarà per il paese!!!!

lolafalana

Lun, 09/11/2020 - 14:57

Pover'uomo. è da compatire, comprendere e giustificare, del resto lo hanno messo da solo a sbrogliarsela quando si sa bene che avrebbero dovuto essere in due, uno avrebbe saputo leggere mentre l'altro avrebbe saputo scrivere...

Ritratto di ErmeteTrismegisto

ErmeteTrismegisto

Lun, 09/11/2020 - 15:29

Io non so se sia un galantuomo. Mi sembra il frutto malato dei concetti sinistri tipo i compagni generali della fu Unione Sovietica uniti alla più bieca retorica buonista che porta a premiare persone quanto più disattendono i compiti per cui sarebbero richiesti in nome sempre di principi generali e mai entrando nel particolare delle questioni.

Ritratto di saggezza

saggezza

Lun, 09/11/2020 - 17:29

ha anche una certa età. È Comprensibile che vada nel pallone. E lo ha ammesso. Questo gli fa onore. Le mezze cartucce invece trovano sempre una scusa.

CARLOBERGAMO50

Lun, 09/11/2020 - 17:42

PIENO RISPETTO ALL' OPERATO ED ALLA CARRIERA DI COTTICELLI. CERTAMENTE HA UN AVUTO UN ATTACCO DI EPILESSIA.E QUINDI E' GIUSTIFICATO E COMPRENSIBILE. UN TALE PERSONAGGIO CHE NELLA VITA HA SAPUTO DIMOSTRARE I SUOI ALTI VALORI NELL' ARMA DEI CARABINIERI.

Brutio63

Lun, 09/11/2020 - 17:45

Zuccatelli il successore è più a sinistra dei centri sociali, amico di Bersani, già candidato con LEU e con tanto di barba radical chic d’ordinanza. Povera Calabria in che mani sinistre è caduta, così come l’Italia!

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Lun, 09/11/2020 - 17:57

Strano che i soliti El Presidenet, lorenzovan, maurizio-macond, BEPPONE50 e compagnia cantante, sempre pronti a sputar sentenze a destra e, soprattutto, a manca, qui se ne stino zitti zitti e buoni buoni nonostante il fatto sia di estrema gravità e con risvolti anche penali. Strano, veramente strano, ma si sa, i grillo-sinistri sono fatti così.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 09/11/2020 - 19:19

^(*@*)^ L’importante che l’amministratore pubblico sul sacro suolo patrio italico si ASTENGA A FARE COSE FATTE BENE, VELOCEMENTE, CON CRITERIO E COMPETENZA E ADDIRITTURA FARE RISPARMIARE €URI , ORRORE ORRORE , SE COSÌ FOSSE GLI AVVISI DI GARANZIA FIOCCHEREBBERO COME NEVE IN SIBERIA, IN COMPENSO L’ESATTO OPPOSTO VIENE SEMPRE PREMIATO.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 09/11/2020 - 20:02

DI male in peggio. L'avete scelto giusto.