L'Unità d'Italia ai tempi del virus, gli auguri di Conte: "Lo Stato siamo noi, sconfiggeremo il nemico invisibile"

A causa delle misure di sicurezza adottate per contenere il contagio da Covid-19, nessuna celebrazione pubblica di questo anniversario. Ma gli "auguri" all'Italia da parte di politici, cittadini e forze dell'ordine arrivano dal web

Il 17 marzo del 1861, Vittorio Emanuele II° di Savoia proclamava il Regno d'Italia. E oggi, nel 159esimo anniversario dell'Unità d'Italia, il Paese si è visto costretto a chiudere, a rendere tutto il territorio nazionale "una zona protetta" per fermare il contagio del nuovo coronavirus, che ha registrato, soltanto in italia, finora, più di 20 casi accertati e più di 2mila decessi. Ma l'emergenza sanitaria delle ultime settimane sembra aver restituito un forte senso di comunità a tutto il Paese. Da Nord a Sud.

Gli "auguri" di Conte

"159 anni fa veniva proclamata l'Unità d'Italia. Da allora, il nostro Paese ha affrontato mille difficoltà, guerre mondiali, il regime fascista. Ma gli italiani, con orgoglio e determinazione, hanno sempre saputo rialzarsi e ripartire. A testa alta", ha scritto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sul suo profilo Facebook. E, parlando dell'emergenza Covid-10, ha detto: "Oggi stiamo affrontando una nuova prova. Difficilissima. Sono tanti gli italiani che, in queste ore, versano lacrime per la perdita di un familiare, che vivono l'angoscia di un ricovero, che soffrono per la lontanaza dei propri cari, per la chiusura della propria attività commerciale, per l'incertezza del futuro. Lo stato siamo noi: 60 milioni di cittadini che lottano insieme, con forze e coraggio, per sconfiggere questo nemico invisibile".

E nella giornata di questa ricorrenza, il capo dell'esecutivo giallo-rosso ha voluto ringraziare coloro che stanno donando il sangue, i medici, gli infermieri, i volontari della protezione civile, i vigili del Fuoco, le donne e gli uomini delle forze armate e delle forze dell'ordine, "per gli sforzi straordinari che stanno compiendo". Poi ha aggiunto un ringraziamento ai farmacisti, a chi continua ad andare in fabbrica, a chi lavora nei supermercati e i tassisti "che accompagnano gratuitamente i medici in ospedale". E ha aggiunto un ringraziamento particolare "a chi rispetta le regole". "Mai come adesso l'Italia ha bisogno di essere unita. Sventoliamo orgogliosi il nostro Tricolore. Intoniamo fieri il nostro inno nazionale. Uniti, responsabili, coraggiosi", ha concluso.

Zingaretti: "Il Paese unito ce la farà"

E il segreario del Partito democratico, Nicola Zinagaretti, risultato positivo al coronavirus e in isolamento da qualche giorno, postando l'immagine di tanti balconi con altrettante bandiere italiane, su Twitter ha voluto ricordare la grandezza dell'Italia: "Siamo un grande Paese che, unito e combattendo insieme, ce la farà".

Il tricolore di Meloni

Anche la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, ha scelto di fare i suoi personali auguri al Paese, indossando i colori del Tricolore: "Buon anniversario dell'Unità d'Italia. Oggi lo celebriamo pubblicando una foto con ciò che simboleggia la nostra splendida Nazione, che presto tornerà più forte di prima".

Salvini: "Un popolo che non si arrende"

Il leader della Lega, Matteo Salvini, sempre attraverso i social, sul suo profilo Facebook ha voluto ricordare l'anniversario dell'Unità d'Italia soffermandosi sull'emergenza che il Paese sta vivendo e ha scritto: "In questo difficile momento, oggi più che mai, gli itaiani dimostreranno di essere un grande Popolo, che condivide sofferenza, impegno, ingegno, speranza e che non si arrende".

Gli auguri della politica

Anche dal governo arrivano gli "auguri" al Paese. Il ministro delle Politiche agricole, Teresa Bellanova, ha ricordato: "L'Italia che oggi nelle corsie degli ospedali resiste e lotta per la vita, che continua a lavorare per i suoi concittadini, che resta a casa per proteggere i più fragili, l'Italia che si affaccia alle finestre per cantare e darsi coraggio. L'Italia che oggi, come sempre ha fatto nei suoi momenti più difficili, reagisce con orgoglio, a testa alta: insieme ce la faremo".

Il presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, ha sottolineato come "solidarietà e fratellanza" debbano essere "il collante della Nazione". E Giovanni Toti, presidente della regione Liguria, ha invitato il Paese a resistere e a lottare: "Forza italiani, ieri come oggi, insieme ce la faremo".

Le forze dell'ordine

E mentre sui social network molti utenti celebrano l'Unità d'Italia postando immagini o citazioni, la polizia di Stato su Facebook ha scritto: "In questi giorni di emergenza coronavirus sono ancora più forti i sentimenti di appartenenza, di unità, di collaborazione e solidarietà, per contenere i contagi. Insieme ce la possiamo fare. Siamo un grande Paese".

E i carabinieri, su Twitter, invece, citando l'inno nazionale: "Fratelli d'Italia, oggi ancor di più, l'Italia s'è desta. Nei giorni difficili legati all'emergenza Covid-19, ci stringiamo uniti sotto un'unica Bandiera, un unico canto. Con la certezza che INSIEME ce la faremo".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 17/03/2020 - 12:30

si, uniti per combattere il virus, ma i primi ad essere responsabili dobbiamo essere noi stessi: restiamo a casa! e a parte questo, quando c'è una emergenza, i primi in linea ci sono sempre stati quelli del centrodestra, la sinistra invece, manda in prima linea gli "altri" e pretende che l'opposizione sia responsabile e condivida anche i propri errori.... a questo giochetto non ci siamo :-) ecco perchè il centrodestra parteciperà responsabilmente a questa emergenza, ma non farà sconti !! una notevole differenza di atteggiamento tra "noi" e "loro" !!!

cir

Mar, 17/03/2020 - 12:30

pomodoro , mozzarella ed insalata . che piatto immangiabile.

Savoiardo

Mar, 17/03/2020 - 13:03

L'Italia con governi borbonici non ha speranza

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Mar, 17/03/2020 - 13:24

UNITI tutti desstra e sinisra!! E quindi per favore basta con sterili polemiche e attacchi gratuiti a Conte. Dategli tregua e lasciatelo lavorare fin quando non finisce la pandemia. Uniti si vince!

beowulfagate

Mar, 17/03/2020 - 13:39

E' proprio impoossibile cambiare bandiera? Averne una ispirata a quella francese è disgustoso.

oracolodidelfo

Mar, 17/03/2020 - 13:46

Conte, adesso sei con l'acqua alla gola e ci chiedi essere uniti. Peccato che sino a ieri hai cercato di disunirci, unitamente a Qualcun'altro....

oracolodidelfo

Mar, 17/03/2020 - 13:51

Conte Mascetti 13,24 - quali sterili polemiche ed attacchi gratuiti a Conte? Dargli tregua e lasciarlo lavorare? E perchè dal momento che il suo lavoro è sfasciare? Uniti si vince? Adesso che ha ed hanno l'acqua alla gola chiedono l'unità? Ma se fino a ieri avete cercato di dividere il popolo italiano facendogli fare la guerra fra i poveri! Gli italiani onesti non dimenticano!

amicomuffo

Mar, 17/03/2020 - 14:19

se gli italiani fossero stati uniti, non avremo avuto tanti profittatori al governo per oltre 70 anni!

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Mar, 17/03/2020 - 14:53

oracolodidelfo non capisco il tuo discorso, ti ricordo che il 25 febbraio Fontana diceva: "Il coronavirus è poco più di una normale influenza", il 26 febbraio Salvini era in Trentino a reclamizzare il turismo, ancora il 9 marzo Barbara Saltamartini della Lega organizzava una festa con decine di persone per la vittoria alle suppletive a Terni e Vittorio Sgarbi, parlamentare di FI, ancora gira per le tv a negare il pericolo del virus. Ma nnostante questo, voi da giorni e giorni urlate contro Conte dicendo che non fa mai abbastanza. Se non volete aiutarlo, almeno dovreste lasciarlo lavorare in pace visto che i primi a sottovalutare il virus siete stati voi.

fenix1655

Mar, 17/03/2020 - 15:01

La decisione della Provincia di Bolzano, per firma del suo presidente Arno Kompatscher, di ordinare ai non residenti di abbandonare il territorio per non appesantire il loro sistema sanitario rimarrà negli annali come una miserabile dimostrazione di scarsa solidarietà. Ma meraviglia soprattutto che nè a livello locale nè a livello nazionale ci sia stato qualcuno dei responsabili istituzionali a censurare questa disposizione, obbligando la provincia ad annullarla. Nessun altro presidente di regione ha adottato una simile vergognosa misura, pur ricevendo molte persone scappate dalle zone a rischio per paura. Anche la provincia di Bolzano è Italia se non sbaglio. E l'Austria chiudendo il confine del Brennero senza preavviso, sbattendo la porta in faccia a tanti loro "fratelli" tedeschi, ha praticamente ribadito che a Sud del Brennero non è Sud Tirolo ma senza alcun dubbio è l'Alto Adige!!!!

Una-mattina-mi-...

Mar, 17/03/2020 - 15:09

I VIRUS IMMAGINARI SONO DI PIU' DI QUEL CHE SI PENSA...

fenix1655

Mar, 17/03/2020 - 15:18

ConteRaffaelo, giustamente ricordi. Ma ricorda anche l'aperitivo antipanico di Zingaretti il 27 febbraio a Milano e quando lo stesso il 3 febbraio parlava di allarmismo infondato. E mi fermo qui. Ragiona con la tua testa, lascia stare la disciplina di partito e la paranoia ideologica; la ragione e la verità non stanno mai dalla stessa parte. Dobbiamo crescere anche politicamente. Altrimenti non risolveremo mai nulla!!

caren

Mar, 17/03/2020 - 19:26

Sig. ConteRaffaelloMascetti, il fatto è che noi la vediamo e la pensiamo un tantino diversamente da voi...

oracolodidelfo

Mer, 18/03/2020 - 19:21

Conte Tognazzi (al quale chiedo scusa) 14,53 - lei è un mistificatore. Vada a leggersi la cronaca. In quanto a Giuseppi: cosa dovremmo fare? Far celebrare per lui un Te Deum ed una Solenne Benedizione in Duomo?