Mafia, blitz dei carabinieri contro Sacra Corona Unita

I militari dell'Arma hanno arrestato 37 persone: 29 sono finite in carcere e 8 ai domiciliari. Sarebbero presunti affiliati alla Sacra Corona Unita. Tofalo: "Vittoria della legalità"

Questa mattina, 37 persone sono finite in manette, durante il blitz dei carabinieri che, a Brindisi, hanno inflitto un duro colpo alla Sacra Corona Unita.

Il gip di Lecce, su rischiesta della Direzione distrettuale antimafia, aveva emesso due ordinanze di custodia cautelare, nei confronti di 37 indagati, ritenuti responsabili di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, estorsioni, porto e detenzione illegale di arma da fuoco e spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratterebbe di presunti affiliati alla Sacra Corona. Questa mattina, i militari dell'Arma hanno arrestato gli indagati: di questi, 29 sono finiti in carcere, mentre gli altri 8 si trovano agli arresti domiciliari.

La Sacra Conona Unita, organizzazione criminale di stampo mafioso, opera principalmente in Puglia e ha rapporti soprattuto con l'Est Europa. È la "quarta mafia", la più giovane, fondata da Pino Rigoli nel 1983. Dopo la "stagione dei fuochi", fatta di esecuzioni, sangue e armi, la mafia pugliese è diventata più silenziosa e camaleontica, insinuandosi negli ambienti della pubblica amministrazione e dell'economia. Secondo i dati di Eurispes, l'organizzazione dovrebbe avere un giro di affari pari a 2 miliardi e mezzo di euro.

Il sottosegretario di Stato alla Difesa, Angelo Tofalo, ha espresso le congratulazioni alle forze dell'ordine, per l'operazione di questa mattina: "Andiamo avanti con la lotta alla criminalità organizzata, colpo su colpo, senza tregua", scrive in una nota il sottosegretario. Poi esprime "grande apprezzamento per l'impegno quotidiano delle donne e degli uomini dell'Arma dei Carabinieri, presenti e vigili su tutto il territorio nazionale. Un grande lavoro che ci rende sempre orgogliosi. Ogni successo conseguito è una importante vittoria della legalità e dello Stato".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.