Malasanità, dal 1976 con una garza nell'addome: 70enne chiede risarcimento

In questo lasso di tempo gli avevano pure diagnosticato un tumore. Ma era solo una garza

Medici in sala operatoria in ospedale

Avrebbe vissuto per 35 anni con un corpo estraneo nell'addome, lamentando dolori e sottoponendosi e esami e interventi, sentendosi pure diagnosticare un tumore, per poi scoprire che i medici, appunto 35 anni prima, si erano dimenticati di estrarre una garza durante un'operazione. È questo il calvario denunciato da un settantenne della Bassa Modenese che, assistito dall'avvocato Mario Marchiò, ora ha chiesto al giudice civile un risarcimento di 230mila euro (ma con gli interessi ultratrentennali la cifra supera i 500mila) a Regione Emilia-Romagna e all'assicurazione dell'Ausl modenese.

La garza sarebbe stata dimenticata, a giudizio del legale, nel 1976, quando l'uomo fu operato per un'ulcera. Dopo l'intervento iniziò a lamentare dolori, che lo costrinsero a sottoporsi a numerose visite. Nel 1982, dopo diverse gastroscopie, la diagnosi fu di gastrite cronica e polipi iperplastici. Fu curato e fece altri controlli. Nel 1989 gli fu diagnostica un'infiammazione alla base dei polmoni con un addensamento. Nel 2011 fu ricoverato per un'occlusione intestinale. In quella occasione fu individuata la massa, considerata di sospetta natura tumorale. Di nuovo operato, il 16 dicembre 2011, in sala operatoria i medici si accorsero che non c'era un tumore, ma una garza. "Se le negligenze mediche sono ormai prescritte dal punto di vista penale, e nessuno pagherà mai con una condanna - spiega il legale al Resto del Carlino - la causa civile, invece, può essere intentata perché la prescrizione parte da quando è stato scoperto il danno, in questo caso nel 2011. Il mio cliente ha rischiato la morte e oggi convive con le conseguenze di quel drammatico errore".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

angelomaria

Sab, 28/06/2014 - 16:54

MA ERA SOLO UNA GARZA!!!!!?????

Ritratto di sergio.stagnaro

sergio.stagnaro

Sab, 28/06/2014 - 17:08

Non conosco il caso riferito e mi astengo quindi da ogni commento. Tuttavia, desolanti casi di garze rimaste decenni nell'addome di poveri operati, sono riferiti a decine dai media. Pertanto, alla Redazione de Il Giornale, unico quotidiano italiano che mi ha intervistato http://www.ilgiornale.it/news/io-l-idraulico-corpo-sento-rischio-tumore.html, rivolgo l'invito - visto il silenzio delle cosiddette autorità mediche - di organizzare un incontro tra Medici d provata esperienza CLINICA per esaminare la possibilità di riconoscere un corpo estraneo nell'addome, usando il fonendoscopio, cioè con metodi diagnostici CLINICI aggiornati, ovviamente, (V. la citata intervista!), in considerazione dell'ennesimo fallimento del Laboratorio e del Dipertimento delle Immagini. Commento in rete alla URL https://www.facebook.com/pages/Semeiotica-Biofisica-Quantistica/219462041468111

Raoul Pontalti

Sab, 28/06/2014 - 17:41

sergio.stagnaro se il corpo estraneo è una sveglia il fonendoscopio può anche servire...

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 28/06/2014 - 18:58

Omaggio della ditta.

DoctorMR

Sab, 28/06/2014 - 20:24

Gentile redazione, vi pregherei sommessamente, quando riportate notizie di questo tipo di riferire tutte le opinioni, anche quelle degli accusati. Il caso che un avvocato (notorio esperto di clinica chirurgica) descrive presenta molte stranezze a cominciare dall'epoca di "dimenticanza" del corpo estraneo (molto difficile che una situazione di questo tipo non evolva drammaticamente in pochi mesi, al massimo anni, e qui parliamo di 38 anni) per finire alla mancata visualizzazione radiologica della garza nel corso di un periodo così lungo e da parte di operatori diversi. Senza negare la possibilità di errori (errare humanum est) posso assicurare che a fronte di questi (la materia andrebbe regolata diversamente, ma questo è un altro discorso) la STRAGRANDE maggioranza delle denunce per la cosiddetta malasanità sono infondate o, peggio, in malafede. Per un basilare principio di garantismo sarebbe pertanto opportuno riportare tutte le versioni e commentarle scientificamente. Caro sergio.stagnaro: si rende conto che, se fosse bastato il fonendoscopio (di importanza secondaria nell'esame dell'addome), non ci sarebbe stato il progresso tecnologico in campo biomedico?

Ritratto di sergio.stagnaro

sergio.stagnaro

Dom, 29/06/2014 - 06:54

Invito il Direttore de Il Giornale e gli "Uomini di Buona Volontà" della sua Redazione, a leggere quanto scriverò entro questa mattina in LA VOCE di Sergio Stagnaro, www.sergiostagnaro.wordpress.com, con il Titolo "Esiste la Diagnosi Clinica di Sindrome dolorosa da Corpo Estraneo nell'Addome?". La Medicina ufficiale e i mass-media, veline-dipendenti, certamente ignoreranno il breve post, considerandolo - more solito - pericoloso per la presente Medicina della Sconfitta, Serva dell'Economia.

Duka

Dom, 29/06/2014 - 07:41

Continua imperterrita la vergognosa e demenziale "novela" della Sanità Sbagliata. Non chiamatela "malasanità" eufemismo creato apposta in sostituzione del più vero e reale omicidio colposo. Medici assunti dalle ASL via raccomandazione, corruzione o perchè figli di..., letteralmente buttati fuori da piccole università di provincia sorte come funghi negli ultimi 10/15 anni dove maggiore è il contributo dello stato in proporzione al numero dei laureati. Per la maggior parte sono inquadrati come "medici della mutua" senza alcun concorso pubblico ma semplice "graduatoria", nessuna specializzazione e si prestano 1/2 ore al dì in qualità di passacarte. Già basta proporre al "paziente" delle analisi cliniche e la diagnosi viene fornita dallo stesso laboratorio quindi basta saper leggere. Per fare ciò la sanità ovvero noi tutti paghiamo questo pressapoco ben 6000 euro/mese.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 29/06/2014 - 22:30

su non criticate la Italia che male c'è se si sono dimenticati la garza o qualche ferro nell addome o pinze o magari ferri varii come è già successo, non bisogna mai criticare la Italia come faccio io, anzi bisogna dire che è il più bel paese del mondo, e queste dimenticanze non succedono sono solamente dei miraggi.Inoltre la sanità è la migliore che ci sia in collaborazione con le pompe funebri .