Il maltempo torna a far paura

Bomba d'acqua sul litorale a nord di Roma. La gente sale sui tetti. Chiusa l'A12. Dalla notte allerta meteo in Liguria e Piemonte

Il maltempo torna a far paura

Il maltempo torna a fare paura. Improvvisa e violenta: una vera e propria bomba d’acqua, durata due ore, si è abbattuta nel primo pomeriggio sul litorale a nord di Roma con alcuni momenti di paura e decine di persone che si sono rifugiate sui tetti per sfuggire ai torrenti d’acqua, di cui 50 portate in salvo dai soccorritori. Il nubifragio ha colpito in particolare Santa Marinella, Santa Severa, Cerveteri, Ladispoli e Civitavecchia. Strade, negozi, scantinati, cavalcavia allagati, alberi caduti, automobilisti intrappolati nelle auto, ma nessun ferito. I trasporti sono stati i più penalizzati con restringimenti della carreggiata dell’autostrada Roma-Civitavecchia, interruzioni dell’Aurelia e della circolazione ferroviaria sulla linea FL5 Roma - Civitavecchia per l’allagamento dei binari fra Santa Marinella e Santa Severa.

Alla fine della giornata i vigili del fuoco, con 100 uomini, hanno calcolato di aver fatto circa 200 interventi. Il forte vento ha causato la caduta di numerosi alberi ad alto fusto, uno dei quali sulla SS Aurelia in prossimità di Santa Marinella. Ed in serata sull’autostrada, in prossimità del casello Civitavecchia sud, si è verificata una frana che ha investito la sede stradale. Secondo i vigili del fuoco a peggiorare la situazione sono stati due canali che, dall’entroterra arrivano al mare, hanno tracimato invadendo le strade.

Allerta in Liguria e Piemonte

Allerta in Liguria e Piemonte. Nella notte è previsto un peggioramento delle condizioni meteo e così la Protezione civile regionale ha proclamato l'allerta 2, la massima, dalle 21 di oggi alle 18 di venerdì sulle zone costiere di centro e del Levante e sull'entroterra del Levante. Allerta 1 per l'entroterra di Ponente e il basso Piemonte.

Otto persone salvate nel Grossetano

Allagamenti e disagi anche nel Grossetano e nella zona di Castiglione della Pescaia.Due i torrenti che sono esondati: l'Alma e un fosso nei pressi di Castiglione della Pescaia, dove alcuni automobilisti sono rimasti bloccati e soccorsi dai vigili del fuoco. Otto persone sono state tratte in salvo perché isolate nella propria abitazione a Pian d’Alma nel comune di Castiglione della Pescaia. Sono stati i vigili del fuoco con il mezzo anfibio a raggiungere i poderi isolati dopo l’esondazione del torrente Alma, che ha rotto l’argine vicino a Punta Ala.

Commenti