Marina Militare e tangenti, in manette un'ufficiale donna. È la prima volta

A Taranto, dopo aver colto in flagrante il direttore di Maricommi e un imprenditore, è stata arrestata anche un tenente di vascello

Anche per Francesca Mola, classe 1985, di Crispiano (Taranto) tenente di vascello della Marina Militare, si sono spalancate le porte del carcere dopo l'arresto del direttore di Maricommi di Taranto, Giovanni Di Guardo e l'imprenditore e sindaco di Roccaforzata (in provincia di Taranto), Vincenzo Pastore.

Mola era responsabiledell'ufficio contratti della direzione del commissariato di Taranto. Le accuse che pendono su di lei sono di corruzione e turbativa d'asta.

Su Facebook il suo profilo è quello di una ragazza che conduce una vita tranquilla, tra amici e parenti. E invece, secondo le indagini della guardia della finanza, pare abbia ricevuto un anticipo sulla somma dell'accordo di circa 12mila e 500 euro dall'imprenditore, come riportato da Repubblica.it. Mola, insieme a Di Guardo avrebbe avuto un accordo con Pastore, non solo imprenditore, ma anche primo cittadino di un Comune della provincia di Taranto per fagli vincere una gara di appalto di ben 11 milioni e 300mila euro in tre anni per le pulizie, non solo a Taranto, ma anche nelle sedi di Napoli della Marina Militare.

In cambio, come riportato sempre su Repubblica.it, i due ufficiali avrebbero ricevuto circa 200mila euro e auto di lusso. Intanto la Marina Militare, in una nota, auspica che “si faccia chiarezza al più presto su tutta la faccenda – sottolineando che – la fiducia nel lavoro della magistratura è totale. Intanto, la stessa Marina, rassicura “dagli approfondimenti interni condotti risulta che nessun atto amministrativo di impegno da parte della Marina Militare è stato assunto in quanto la gara in questione non si è svolta e l'appalto non è stato aggiudicato”. Francesca Mola è la prima donna delle forze dell'ordine finita in manette.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 19/09/2016 - 14:35

visto a cosa serve andare a raccattare questa spazzatura nel mediterraneo? ''Salviamo vite'' ripetono I politici comunisti , renzi e boldrini in testa. ma nella realta' dei fatti, ci vogliono lucrare tutti. Con I soldi nostri, ovviamente. Poi gli ospedali non hanno posti letto o equipaggiamenti necessari per salvare vite italiane e le ambulanze girano da un pronto soccorso ad un altro fino a che il poveraccio muore.