Il medico arrivato dalla Cina in Italia: "Fate più tamponi"

Yunqing Qiu, primario di Malattie infettive del Primo ospedale affiliato dell'Università di Zhejiang. spiega che è fondamentale "inquadrare in anticipo i casi sospetti e fare i tamponi il prima possibile per scoprire i positivi"

"Inquadrare in anticipo i casi sospetti e fare i tamponi il prima possibile per scoprire i positivi". Queste sono le principali raccomandazioni di Yunqing Qiu, primario di Malattie infettive del Primo ospedale affiliato dell'Università di Zhejiang.

Il medico, atterrato a Malpensa, ha rilasciato un'intervista a La Repubblica, spiega inoltre l'importanza di mettere subito in quarantena i contagiati e " iniziare la terapia quando la malattia è ancora in una fase iniziale". Yunqing Qiu fa parte del team di sette medici, tre infermieri e tre tecnici che è arrivato in Italia con un carico di 400mila mascherine e ventilatori e monitor. Qui, che ha seguito il coronavirus sin "dal primo caso", aggiunge che "Bisogna mettere insieme tutti i pazienti positivi, radunare gli esperti e i medici specializzati, mettere in comune gli strumenti, e concentrare anche le persone che hanno necessità di diverse terapie".

Nella sua provincia i malati più gravi sono stati accolti in ospedale "perché siamo attrezzati per curarli" ed "è importante per aumentare le guarigioni e diminuire i decessi". Le persone che hanno sintomi lievi o sono asintomatiche devono essere isolate per evitare che contagino "parenti e amici", proprio come è stato fatto a Wuhan dove si è costruito un ospedale temporaneo in tempi record. I numeri della Lombardia, conclude Qui, non sono "un problema causato dalla tecnologia e dalla sanità italiana, che sono molto avanzate", dice. Il vero problema "sono i casi che non sono stati scoperti nella fase iniziale e si è perso tempo per la cura. Per questo è fondamentale anticipare".

La Cina, intanto, ha annunciato che a Wuhan, epicentro della pandemia da coronavirus, e nella provincia dell'Hubei, non ci sono stati nuovi casi di contagio. Secondo le autorità locali, i 34 nuovi casi registrati mercoledì erano di persone che provenivano dall'estero."Oggi abbiamo visto l'alba dopo tanti giorni di duro sforzo", ha detto Jiao Yahui, ispettore senior della National Health Commission. Sono invece 8 i decessi collegati al coronavirus. Secondo Jiao il "doppio zero", arrivato dopo giorni di diminuzione del numero di contagiati, significa che il controllo e i metodi di trattamento medico imposti dal governo di Pechino hanno funzionato bene. Dall'ambasciata cinese a Roma arriva un messaggio di solidarietà nei confronti dell'Italia:"Impegno, sacrificio e solidarietà possono sconfiggere il coronavirus!", si legge in un tweet. Anche in questo caso, con un servizio dell'agenzia Xinhua, si ricorda che "ieri a Wuhan e nell'intero Hubei, epicentro dell'epidemia Covid-19, ci siano stati zero contagi" ed "è la prima volta dall'inizio dell'emergenza. Solo un mese fa, erano migliaia ogni giorno", sottolineano i diplomatici cinesi, terminando il loro messaggio con il consueto hashtag '#ForzaCinaeItalia'.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

DRAGONI

Gio, 19/03/2020 - 12:56

DALLA VIA DELLA SETA..IL 5G ED ORA IN ANTICIPO I TAMPONI!!PULCINELLATE ALLA DI MAIO - GRILLO.

jaguar

Gio, 19/03/2020 - 13:01

Non si può, 500mila tamponi sono stati spediti negli Usa.

Ritratto di filospinato

filospinato

Gio, 19/03/2020 - 13:12

Stessa immagine dei tamponi volati nella notte da Aviano verso gli USA. Cina chiede più tamponi, Italia li spedisce in USA. Siamo davvero il campo di battaglia.

Ritratto di Mona

Mona

Gio, 19/03/2020 - 13:24

In Wuhan con una popolazione più densa di tutte le città italiane, sono riusciti ad individuare il virus ed a sconfiggerlo in breve tempo, perchè non seguima i loro consigli alla lettera ? Se dicono di controllare ed isolare gli asintomatici, BISOGNA FARLO; se habbiamo bisogno di più tamponi, Perchè non averli e tenercerli caramente.

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Gio, 19/03/2020 - 14:02

Come mai in Italia la sanità è regionale ma se manca qualcosa in Lombardia la colpa è del. Governo? Misteri italiani

roberto010203

Gio, 19/03/2020 - 14:30

A giudicare dalla situazione attuale, si direbbe che i nostri alleati siano i cinesi, e non gli USA, che non solo non ci aiutano, ma ci rubano pure il materiale medico necessario per fronteggiare l'emergenza. L:'Europa per parte sua vorrebbe mandarci la Trojka 2.0

necken

Gio, 19/03/2020 - 15:12

e già...i Cinesi sono più disciplinati di noi Italiani noi in ordine sparso....

cir

Gio, 19/03/2020 - 15:27

ConteRaffaelloM... Gio, 19/03/2020 - 14:02 : bella domanda , da mistero buffo..

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 19/03/2020 - 15:42

Ma pensa te! E' arrivato il genio dagli occhi a mandorla a spiegarci come dobbiamo fare! Basterebbe ascoltare Zaia per saperlo, ma no, lui è Leghista e questa è una colpa grave agli occhi di quelle disgrazie abominevoli che ci stanno governando!

cir

Gio, 19/03/2020 - 15:43

Mona Gio, 19/03/2020 - 13:24 : vorrai mica che gli italiani prendano esempio o ascoltino suggerimenti da un paese comunista ? Te lo vedi il felpini saltare sulla sedia con le vene gonfie al collo ? ma cosa direbbe il berlu che vede comunisti dappertutto ?