"Meloni bestia, sgorbia, feccia". Ecco l’odio choc delle sardine

Insulti alla leader di FdI nel gruppo L'Arcipelago delle sardine. Le scuse dell'amministratore, esponente di Italia in Comune

"Meloni bestia, sgorbia, feccia". Ecco l’odio choc delle sardine

Doveva essere un "popolo di persone normali" che non odiano, che amano "la bellezza, la non violenza verbale e fisica". Eppure anche nel banco di sardine più chic che ci sia, le mele marce non mancano. Anzi. Mentre nel manifesto si attaccano i populisti che rovesciano "bugie e odio" sugli italiani, i seguaci di Santori&co. riempiono di insulti chi non la pensa come loro. Per la precisione, Giorgia Meloni. Finita in un vortice di offese non proprio da pesciolini educati.

Succede che un paio di giorni fa nel gruppo Facebook l'Arcipelago delle Sardine un utente pubblica un commento sulla proposta della leader di Fratelli d’Italia di destinare il 5x1000 al fondo per i rimpatri degli immigrati irregolari. L’emendamento alla manovra non piace (c’era da aspettarselo) alle sarde nostrane, che si scatenano in una discussione non certo edificante. Nel post si parla di "proposta oscena" che porterà il Belpaese alla "barbarizzazione". Fin qui, nulla di male. La critica politica è legittima. Anzi: sana espressione di democrazia. Discorso diverso per i commenti che ne scaturiscono. Le sardine si lasciano andare ad un profluvio di insulti che neppure nei peggiori bar de Caracas. "Una demente", scrive qualcuno. "Una pazza da manicomio", fa eco un un altro utente. E poi giù con "bestia", "Gollum", "mer…", "sgorbia", "spregievole", "feccia" e via dicendo. Non manca neppure la richiesta di processarla come i nazisti a Norimberga. Che educazione.

Va chiarito che la pagina in questione non è quella ufficiale delle 6mila sardine. Si tratta di un gruppo parallelo da 160mila membri col cuore in Puglia. Tra gli amministratori appare Davide Carlucci, sindaco di Acquaviva delle Fonti ed esponente di Italia in Comune. Al movimento dell’ex grillino Pizzarotti appartengono anche altri due amministratori dell’Arcipelago delle Sardine: Grazia Desario e Michele Abbaticchio, sindaco di Bitonto, vice-coordinatore nazionale del partito con cui si è candidato alle europee. È stato lo stesso Carlucci, dopo le polemiche sugli insulti alla Meloni, a chiedere scusa con un breve post e a promettere di cancellare le offese. L’Arcipelago delle Sardine si proponeva di cambiare l’Italia per lasciarsi alle spalle "la stagione del fasciopopulismo sovranista". Qualcosa però dev'essere andato storto.

In realtà non siamo stupiti. Intendiamoci. Giorgia Meloni non è nuova ad attacchi del genere e non ne è esente neppure Salvini. L’accaduto dimostra, se ve ne fosse bisogno, che focalizzare l’attenzione solo "sull’odio populista" è miope. Oltre che sbagliato. A Repubblica, allora, aggiungiamo allora quest’altro suggerimento: nella rubrica contro la violenza verbale (ovviamente xenofoba e sovranista), si parli pure di questo. Che è odio sardinesco.