Maltempo, allerta in tutta Italia 6 morti sotto alberi e cornicioni

Piogge torrenziali, allagamenti e venti forti hanno bloccato moltissime città e già da ieri i meteorologi avevano previsto l'intensità del maltempo che avrebbe investito la penisola

La morsa del maltempo non sembra lasciare il Paese e in tutta Italia è allerta meteo.

Piogge torrenziali, allagamenti e venti forti hanno bloccato moltissime città e già da ieri i meteorologi avevano previsto l'intensità del maltempo che avrebbe investito la penisola.

Dopo la richiesta di ieri del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato la dichiarazione dello stato di mobilitazione del Servizio nazionale della protezione civile.

Nel frattempo, le varie regioni si sono organizzate. A Roma le scuole di ogni grado sono rimaste chiuse. In Liguria i torrenti, a partire dal Bisagno e dal Polcevera, sono monitorati con estrema attenzione così come in costante monitoraggio è il Ponte Morandi.

Il forte vento ha già causato i primi danni a Milano: un albero è caduto su un'auto in transito. La vettura è stata colpita in pieno e il guidatore 25enne è stato portato in codice giallo in ospedale. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco e polizia.

In Piemonte è allerta arancione nel Nord e Sud della regione, gialla nel resto del territorio.

Grave la situazione in Friuli Venezia Giulia dove è allerta rossa. Strade interrotte, famiglie evacuate ed esondazioni dei fiumi di Carnia e Valcellina e ancora si attende l'arrivo dello scirocco a 150 km/h.

Non va meglio in Trentino Alto Adige: forti precipitazioni piovose e neve oltre i 2200 metri. Anche in questa regione il maltempo ha causato l'esondazione dei fiumi. I canali straripati hanno allagato le colture e le frane hanno bloccato alcune delle strade principali.

Scuole chiuse anche a Firenze e Livorno e blocco dei traghetti per l'isola d'Elba, Giglio e Giannutri. Collegamenti bloccati anche in Campania, mentre in Calabria è ancora critica la situazione nel Crotonese a causa della forte ondata di maltempo che ha investito il versante ionico.

Raffiche di vento in Sardegna e Palermo dove navi e aerei sono stati bloccati. Voli cancellati dall'aeroporto "Falcone-Borsellino" e aerei dirottati a Catania e Trapani.

A causa del maltempo, un'auto è stata colpita dal crollo di un albero nel frusinate. Le due persone a bordo sono deceduti. Sul posto sono intervenuti carabinieri e vigili del fuoco. E tra le vittime per il maltempo bisogna aggiungere un 21enne deceduto dopo essere stato investito da un albero sdradicato dal forte vento di scirocco a Napoli. Tragedia anche a Terracina dove un'auto, dopo una tromba d'aria, sarebbe stata schiacciata da un albero. Il bilancio è di un morto e di un ferito grave. Una donna è invece morta nel svaonese dopo essere stata colpita da un cornicione che è caduto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

emilio ceriani

Lun, 29/10/2018 - 18:33

Questi eventi meteorologici che avvengono sempre più spesso e che provocano sempre danni maggiori dovrebbero suggerire come spendere meglio le risorse pubbliche, magari anche in deficit. Certo in tempi brevi il ritorno in termine di consenso non è immediato ma col tempo i cittadini saranno grati.

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Lun, 29/10/2018 - 22:11

Il cambiamento climatico è la più grande minaccia per la vita, la sicurezza e la prosperità sulla Terra”. Sono le parole di Patricia Espinosa, segretario esecutivo dell’Un climate change, alla presentazione del Rapporto 2017 dedicato ai cambiamenti climatici ad aprile. Rapporto a cui per la prima volta le Nazioni unite dedicano un sito internet che racchiude in maniera chiara, semplice ed intuitiva tutto ciò che è contenuto nel documento. Un sito supportato da infografiche, video e foto che dimostrano quanto lavoro le Nazioni unite stiano compiendo per sostenere, incoraggiare e sviluppare la risposta globale ai cambiamenti climatici. ..aiuterebbe il rimboschimento ma qui (Salvini ecc) applaudono a Bolsonaro che vuole devastare la Foresta Amazzonica.

yulbrynner

Lun, 29/10/2018 - 22:52

Si continua a parlare di migranti e sicurezza come mai non si fa nulla x il dissesto idrogeologico?