Covid, altri 36.176 casi: 653 morti in un giorno. Scende tasso di positivi

Sembrano migliorare i dati del contagio in Italia, dove in 24 si sono registrati 36.176 casi su oltre 250mila tamponi. 653 i decessi

I dati diffusi dalla Protezione civile sembrano segnalare un miglioramento della diffusione del contagio da coronavirus nel Paese. Sono 36.176 i nuovi casi di oggi, rilevati su 250.186 tamponi processati durante l'ultima giornata. Sono guarite 17.020 persone e ne sono decedute 653. Il saldo dei ricoverati vede un incremento di 148 nuovi letti occupati, di cui 42 in terapia intensiva. Il rapporto tra casi e tamponi è del 14.46%.

La curva epidemica sembra aver subito un forte rallentamento, come dimostra la crescita meno rapida delle terapie intensive e dei ricoveri del Paese. Oggi, infatti, sono numerose le regioni con il segno negativo davanti al saldo tra i nuovi ingressi e i dimessi dai reparti Covid degli ospedali. Il Piemonte è la regione con il miglior saldo, avendo comunicato oggi un alleggerimento di 61 posti letto nei reparti Covid. In Liguria, invece, il decremento è di 52 casi mentre in Lombardia è di 32 posti letto disponibili in più rispetto a ieri. Si svuotano anche in reparti a Bolzano (-12), in Valle d'Aosta (-2) e nelle Marche. Crescono ancora, invece, i letti occupati nelle altre regioni. Il maggiore incremento rispetto a ieri si è registrato nel Lazio, dove c'è stato un aumento di 47 nuovi ricoveri, poi 42 in Veneto, 40 in Emilia Romagna, 37 in Abruzzo e 28 in Campania.

A fronte di un netto saldo negativo per quanto concerne i ricoveri, la Lombardia è la regione che oggi ha registrato il maggiore incremento nelle terapie intensive, con 12 nuovi ricoveri, seguono il Lazio con 11 e l'Abruzzo con 9, che per la regione rappresenta il maggiore incremento dallo scorso 18 marzo. Saldo negativo, invece, per la Campania (-6), la Valle d'Aosta (-5) e il Friuli Venezia Giulia e le Marche (entrambe -1).

Sul fronte dei contagi, invece, a livello provinciale è Milano l'area che ha registrato il maggiore incremento di positivi al coronavirus rispetto al giorno precedente (2.928 nuovi casi). Seguono Torino (2.543 casi) e Roma (2.510 casi). Milano e Torino hanno comunicato più casi rispetto alla rilevazione relativa a lunedì.

La curva dei decessi è quella che impiega più tempo a rallentare e lo dimostrano i numeri, ancora elevati, registrati oggi. Sono 165 i decessi comunicati dalle Asl lombarde per la giornata di oggi, 78 quelli del Piemonte e 61 quelli del Lazio. In Toscana rispetto a ieri c'è stato un incremento di 51 nuovi decessi, uno in più rispetto all'Emilia Romagna, 40, invece, sono i deceduti in Sicilia, 38 in Veneto, 32 in Campania e 28 in Puglia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Jon

Gio, 19/11/2020 - 17:41

Certamente frutto del lockdown di pochi giorni fa, del blocco della movida e dei banchi a rotelle!! Quanti invece i DECESSI PER MALATTIE MOLTO PIU' IMPORTANTI?? Mancano 1.100 morti all'appello..DOve sono finiti?? Statistiche dannose per i cittafini, ma utili per le casse dei giornali..

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 19/11/2020 - 17:51

...ma chi sono questi 653 deceduti?...In quale fascia di età si trovano?....Sapete che l'aspettativa media di vita degli Italiani(82 anni),coincide con l'età media dei deceduti "con" covid?!!!

Junger

Gio, 19/11/2020 - 18:11

La stagione invernale non è nemmeno iniziata e la "potente" macchina organizzativa della sanità è già al collasso. Però improvvisamente da oggi emergono "segnali di ottimismo": anzi ci si deve premunire per la remota e inevitabile e remotissima "terza" ondata. Il feroce cabaret dei media italiani!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Gio, 19/11/2020 - 19:04

Oggi 653 deceduti. Va bene per quali patologie,tutte covid o dobbiamo sottrarre anche i decessi di altre patologie invalidanti?

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 19/11/2020 - 19:10

La sanità è collassata, adesso è finita davvero. Si muore di covid e molto di più di altre malattie, manca tutto, dall'ossigeno ai vaccini contro l'influenza.