Modena, medico aggredito con l'acido

Il direttore del reparto di Cardiologia di Baggiovara (Modena), Stefano Tondi, è stato aggredito da un uomo che gli ha gettato in faccia dell’acido. Ferito anche il figlio del dottore

Gravissima aggressione contro un medico, il direttore del reparto di cardiologia dell'ospedale di Baggiovara (in provincia di Modena) Stefano Tondi, sessanta anni. Ieri sera, mentre rientrava a casa, a Vignola, assieme al figlio, il dottore è stato avvicinato da un uomo che, armato con un fucile giocattolo, gli ha spruzzato dell'acido, colpendolo soprattutto al viso. Soccorso da alcuni passanti, il medico si trova ricoverato nel reparto di oculistica del policlinico di Modena, in condizioni serie. La prognosi è riservata. In ospedale anche il figlio, ricoverato nel reparto di dermatologia.

"È un fatto gravissimo - ha detto il procuratore capo di Modena, Lucia Musti - procediamo al momento contro ignoti, per il delitto di lesioni gravi, che potrebbero essere, speriamo di no, anche gravissime. Stiamo svolgendo ogni tipo di indagine a partire da questa notte, in qualunque settore. Il primo dato che abbiamo accertato è che è stato un testimone importante nel processo di Cardiologia ora in corso. Questo non vuol dire assolutamente nulla, però capite che quando si fanno le indagini si parte sempre da un dato, e lui è stato sentito il 25 giugno in tribunale a Modena".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 11/11/2016 - 13:25

Il primo dato che abbiamo accertato è che è stato un testimone importante nel processo di Cardiologia ora in corso. Questo non vuol dire assolutamente nulla. Certo, che vuoi che dica.

Ritratto di Svevus

Svevus

Ven, 11/11/2016 - 13:41

Ricorda molto purtroppo la vicenda del prof. Giorgio Montanari, direttore della Clinica Ostetrico-Ginecologica dell' Università di Modena ucciso barbaramente l' 8 gennaio 1981 senza che poi fosse trovato alcun colpevole.

Gioa

Ven, 11/11/2016 - 13:55

"Un testimone in un processo non vuol dire nulla?. Che tipo di processi fanno?. Meglio di un testimone...diciamo che laddove un processo potrebbe avere un percorso breve e ben delineato con prove e testimoni, manca sempre la volontà per poterlo realizzare...I motivi? quelli descritti non sono mai quelli veri".Allora passa il tempo da qui subentra lo scoraggiamento con tutto ciò che ne consegue pure....".

cgf

Ven, 11/11/2016 - 17:37

@gzorzi si documenti sulla querelle delle due cardiologie di Modena (Baggiovara e policlinico), ci sono dietro milioni di euro. La cosa più buffa che le quando c'è da operare seriamente, i pazienti li portano tutti all'Hesperia perché...