Modica, donna in coma dopo un'iniezione per la cervicale

Una madre 53enne è finita in coma profondo a Modica dopo una puntura per alleviare i dolori alla cervicale

Una mamma 53enne di due figli è finita in coma dopo un'infiltrazione per dolori alla cervicale. La puntura è stata effettuata il 3 settembre scorso, a Modica, da un anziano ortopedico in pensione. La signora, affetta da artrosi cervicale, si è rivolta al professionista per un'infiltrazione che potesse lenire il forte dolore. Il medico, G.B., le ha praticato nel suo studio un'infiltrazione di carbocaina paravertebrale, ma qualcosa è andato storto: la signora ha perso i sensi e dopo qualche istante è rimasta paralizzata dal collo in giù.

D'urgenza è stata trasportata all’ospedale Maggiore di Modica dallo stesso medico e dai familiari, arrivando in arresto cardiocircolatorio. Dopo essere stata rianimata dai medici del pronto soccorso, è entrata in uno stato di coma profondo.

Poi, a causa della mancanza di posti letto a Modica, è stata trasferita al vicino ospedale di Vittoria, dove è tuttora ricoverata nel reparto di Rianimazione. I familiari hanno presentato un esposto in procura e sul caso ora indaga la polizia di Modica e di Vittoria.