Monza, ragazza tenta il suicidio ma la polizia la salva

La giovane era in procinto di buttarsi dal ponte sulla ferrovia: quattro agenti della Polfer che pattugliavano la stazione sono intervenuti in tempo.

Deve ringraziare quattro agenti della Polfer, la Polizia ferroviaria, la ragazza che nel tardo pomeriggio di ieri era ad un passo dal togliersi la vita.

Sono stati loro infatti, nel corso di un pattugliamento della stazione di Monza, ad accorgersi della giovane che con chiari intenti suicidi si sporgeva dal cornicione che affaccia sul sedime ferroviario urlando di voler farla finita.

Di fronte alla scena, i poliziotti si sono divisi: due di loro hanno cercato di colloquiare con la donna dal basso nel tentativo di distrarla, mentre gli altri due colleghi l’hanno raggiunta dalla parte superiore del ponte.
Sorpresa alle spalle da questi ultimi, la ragazza è stata afferrata e portata in salvo all'interno del cornicione per essere poi condotta in un’area sicura.

La giovane, una volta entrata in sintonia con gli operatori, ha confessato di avere problemi familiari e di aver ingerito alte dosi di un ansiolitico: lo scopo era solo uno, quello di suicidarsi. A fronte però della mancanza di effetti immediati della sostanza, la giovane si è data da fare per raggiungere comunque il suo obiettivo decidendo di buttarsi dal ponte sui binari.

Ricoverata presso il locale nosocomio, sta ricevendo le cure del caso.