Morta Rosa Anna Garavoglia, la "signora" del Campari

A lei, ex presidente, faceva capo il gruppo, il cui controllo passa ora al figlio Luca

Morta Rosa Anna Garavoglia, la "signora" del Campari

Aveva 82 anni Rosa Anna Magno Garavoglia, a cui faceva capo il controllo della Campari, che dopo la sua morte passerà ora al figlio Luca.

L'annuncio del decesso della Garavoglia arriva dal gruppo, che esprime "profondo cordoglio" per la scomparsa della donna che era azionista di Campari ed era già stata presidente della società, ricoprendo l'incarico fino al 1994, dopo la scomparsa del marito Domenico.

Dal 1992 fino al 2014 la Garavoglia, ritenuta tra le persone più ricche d'Italia, era poi stato consigliere della Fondazione. Il figlio Luca, già presidente del gruppo già a partire dal 1994 e attualmente in carica, prenderà il suo posto.

"La famiglia Garavoglia continuerà in modo immutato a sostenere il ruolo di azionista di lunghissimo termine di Campari", si legge nella nota pubblicata dalla società, che ricorda anche come dopo la morte di Domenico Garavoglia, la moglie abbia sostenuto il gruppo, e poi, "abbandonate le cariche operative, ha sempre continuato a seguire con attenzione e affetto le vicende del gruppo e delle persone che ne fanno parte, occupandosi in particolare di quelle bisognose di assistenza e aiuto".

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento