Per la morte di Castro Mentana pubblica le figurine della Rivoluzione

Il direttore del TgLa7 tira fuori dall'armadio un vecchissimo album cubano di figurine con le immagini della Rivoluzione del 1959

Per la morte di Castro Mentana pubblica le figurine della Rivoluzione

Enrico Mentana - chi lo segue lo sa - è un vero e proprio mattatore dei social network. Se compare su Facebook anche solo per salutare, scatena una ridda di commenti e reazioni contrastanti. E la morte di Fidel Castro non fa eccezione.

Solo che questa volta il popolarissimo direttore del Tg La7 commenta la notizia della scomparsa del Lìder Maximo in modo inusuale. Rinunciando cioè al consueto commento geopolitico, ma pubblicando, sia su Facebook che su Instagram una serie di curiose figurine vintage dedicate proprio alla Rivoluzione cubana.

Il commento che le accompagna è assai striminzito: "Il mito ingiallito di Fidel, morto stanotte, in un album di figurine cubano". Ma a quei fan che chiedono "una riflessione più impegnata", Mentana risponde lesto: "aspettavo la sua per impegnarmi, saputone".

Un rimbrotto che non è nulla rispetto al diluvio di improperi che il giornalista rovescia su chi ricorda che "l'ora si avvicina anche per Napolitano": "No, è lei che deve sparire. Di qui e subito. Il web è infinito, troverà altri parameci come lei con cui confrontarsi", scrive furibondo il direttore.

Commenti