Epstein, l'autopsia: "Suicidio per impiccagione"

Fugato ogni dubbio sulla morte del broker miliardario Jeffrey Epstein. L'autopsia ha confermato l'ipotesi di suicidio per impiccagione

Jeffrey Epstein si è suicidato impiccandosi. È questo il responso ufficiale dell'autopsia eseguita sul corpo dell'ex miliardario accusato di traffico sessuale di minori.

Sembra dunque fugato ogni dubbio concernente le cause del macabro decesso. Lo scorso 10 agosto, il magnate americano, di 66 anni, era stato trovato senza vita nella sua cella presso la prigione di Lower Manhattan.

Da un'indagine preliminare condotta dagli agenti del Fbi, era emerso che il finanziere, accusato di abusi, sfruttamento e traffico di minori, si fosse suicidato con una corda fissata alle sbarre del vano carcerario. Tuttavia, questa ipotesi non aveva mai convinto fino in fondo i medici legali incaricati delle investigazioni cliniche sulla salma.

Il dettaglio che aveva insospettito i sanitari era stata la frattura di alcune ossa del collo, nello specifico dell'osso ioide, che negli uomini si trova vicino al pomo d'Adamo. Secondo un primo referto stilato dagli esperti, riportato successivamente in anonimato sulle colonne del Washington Post, questo tipo di lacerazione sarebbe molto comune nei casi di omicidio per strangolamento ma meno frequente in quelli di morte per impiccagione. Ad avvalorare questa tesi, vi era stata un'ulteriore anomalia: le guardie che avrebbero dovuto vigilare in stato di massima allerta la cella di Epstein, si sarebbero addormentate circa 30 minuti prima del misfatto. Alla luce di tali ambiguità, le autorità avevano decretato di passare al vaglio ogni singola registrazione delle telecamere di sorveglianza. In buona sostanza, il dubbio era che qualcuno si fosse introdotto nella camera di sicurezza e avesse ammazzato miseramente il broker.

Quest'oggi, invece, il referto dell'autopsia ha confermato che il Jeffrey Epstein si è suicidato con il lenzuolo della sua brandina legato alla parte alta del letto a castello che c'era nella sua cella.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Divoll

Sab, 17/08/2019 - 16:09

E e noi ci crediamo.....