È morto Franco Mandelli, luminare nel campo della leucemia

Nato nel 1932, aveva dedicato la sua vita a comprendere le malattie del sangue

È morto Franco Mandelli, luminare nel campo della leucemia

Si è spento a 87 anni a Roma il professor Franco Mandelli, ematologo che ha dedicato tutta la sua vita professionale allo studio delle malattie del sangue. È l'Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma Onlus (Ail) a dare la notizia del decesso.

"Addio al nostro Presidente Professor Franco Mandelli, una vita dedicata alle malattie del sangue e alla solidarietà. Anima della nostra organizzazione di cui era Presidente Onorario e fondatore del Gimema. Ha pubblicato più di 700 studi scientifici. L'Ail tutta su stringe con riconoscenza e grande affetto alla sua famiglia".

Nato a Bergamo il 12 maggio 1931, Mandelli si era dedicato in particolare al linfoma di Hodgkin e alle leucemie acute, promuovendo campagna per raccogliere fondi e finanziare la ricerca scientifica sulle leucemie.

L'ematologo ha ricevuto nel 1987 dall'Accademia Nazionale dei Lincei il 'Premio Nazionale per l'Oncologia'; nel 2001 ha ricevuto il premio 'Adriano De Zan'. Mandelli è stato insignito (1987) della Medaglia d'oro ai benemeriti della scuola, della cultura e dell'arte; è stato fatto (1993) Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito della Repubblica
Italiana e ha ricevuito (2003) la Medaglia d'oro al merito della sanità pubblica.

Commenti