La morte il giorno dopo il vaccino: autopsia per chiarire le cause

Valentina Bencini è deceduta il giorno dopo aver ricevuto la prima dose di Moderna. Domani ci sarà l'esame autoptico: chiarirà se c'è un nesso o no

La morte il giorno dopo il vaccino: autopsia per chiarire le cause

Lo scorso giovedì si era sottoposta alla prima dose del vaccino anti-Covid. Aveva mandato un messaggio vocale a una cara amica al mattino per avvisarla che si stava recando a Montevarchi (Arezzo) proprio per sottoporsi alla vaccinazione, poi un altro audio nel pomeriggio dove sosteneva di aver ricevuto il siero statunitense Moderna. Il giorno dopo Valentina Bencini, 49 anni compiuti da poco, è stata trovata priva di vita dall'ex compagno all'interno della sua abitazione di San Gusmè.

Secondo quanto riportato dal quotidiano toscano La Nazione, è stata la madre della donna a insospettirsi quando venerdì mattina, nonostante ripetuti tentativi di entrare in contatto telefonico con la figlia, quest'ultima non rispondeva mai al telefono. Si era così rivolta all'ex compagno della Bencini - ancora in possesso di una copia delle chiavi dell'appartamento dove i due convivevano - chiedendo all'uomo di andare a verificare di persona le condizioni della 49enne. Qui la scoperta del corpo oramai esanime della donna, col disperato quanto inutile tentativo degli uomini del 118 di rianimarla.

Visto il nesso temporale così ravvicinato fra la somministrazione del siero e il decesso e considerate le buone condizioni di salute della vittima, il pm Valentina Magnini ha deciso di aprire un fascicolo. Fascicolo che, è bene ricordarlo, al momento non prevede nessuno nel registro degli indagati poiché, fino a prova contraria, la donna sarebbe morta per cause naturali. Domani pomeriggio intorno alle 14 verrà svolta l'autopsia al policlinico delle Scotte, che servirà a chiarire meglio le cause della morte. La famiglia della 49enne, tramite l'avvocato Fabio Cappelletti, ha deciso di nominare un medico legale di fiducia, che seguirà con attenzione lo svolgimento dell'esame autoptico sulla salma. Dal canto suo l'Asl Toscana sud-est almeno per il momento non ha ritenuto opportuno rilasciare nessuna dichiarazione.

La notizia della morte di Valentina ha comprensibilmente scosso gli abitanti di San Gusmè, piccola frazione di 200 anime o poco più del comune di Castelnuovo Berardenga (Siena) dove la donna, nativa di Montevarchi, risiedeva da tempo. Tantissimi i messaggi di incredulità e di cordoglio apparsi sui socials, tutti a ricordare la solarità e la voglia di vivere della Bencini.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti