Napoli, bimba caduta da un balcone. Era vittima di abusi sessuali

La Procura ora indaga per omicidio volontario e stupro aggravato. La madre: "Giustizia o me la faccio da me"

Napoli, bimba caduta da un balcone. Era vittima di abusi sessuali

Non è stato un incidente. La morte di Fortuna Loffredo, la piccola napoletana di sei anni morta lo scorso 24 giugno. Era stata rinvenuta agonizzante sul selciato dell'isolato 3 delle palazzina popolare Iacp del Parco Verde di Caivano. Gli investigatori della Procura nord di Napoli inizialmente ipotizzavano una caduta accidentale. Oggi la svolta: si indaga per omicidio volontario e violenza sessuale aggravata.

Secondo il Mattino "l'ipotesi già seguita dagli inquirenti diventa formalmente possibile perché nel fine settimana il perito anatomo-patologo incaricato dalla Procura di eseguire l'autopsia ha consegnato al pm Federico Bisceglia titolare dell'inchiesta, i risultati dell'esame. L'esame del perito ha evidenziato le violenze sessuali subite dalla piccola, collocandole in un arco temporale che va da due settimane e fino a due mesi prima del giorno della sua morte".

"Voglio giustizia, e se non me la danno me la faccio da me". Parlando con l'Ansa, Domenica Giordano non nasconde il proprio dolore. Mimma, come la chiamano i familiari, ha 27 anni ed è la madre di Fortuna. "Preferisco andare in galera ma sapere che il mostro non può nuocere più".

Commenti