Nave di destra aiuta la Libia: "Abbiamo cacciato una Ong"

Defend Europe rivendica la collaborazione con la marina libica che ieri ha obbligato la Ong spagnola Proactiva Open Arms ad allontanarsi dall'area Sar di Tripoli

Nave di destra aiuta la Libia: "Abbiamo cacciato una Ong"

La nave anti-Ong canta vittoria. E lo fa dopo aver "partecipato" all'allontanamento di un'imbarcazione umanitaria dalle acque libiche ad opera della Guardia Costiera di Tripoli. Una sorta di collaborazione, anche se non è ancora chiaro a quale livello. Il risultato, però, è sufficiente per proclamarsi vincitori: "Defend Europe e una pattuglia libica - scrivono gli attivisti su Facebook - mettono fine alla presenza di Golfo Azzurro al largo delle coste d'Africa".

Cosa è successo in quello spicchio di mare? Ieri la nave della Ong spagnola "Proactiva Open Arms" aveva denunciato di essere stata "sequestrata" dai soldati libici e costretta a seguirli in acque territoriali. "Minacciano di spararci contro se non li seguiremo nelle loro acque territoriali, è un sequestro in piena regola", aveva scritto Oscar Camps, rappresentante di Proactiva, su Twitter. L'appello era poi stato ridimensionato, spiegando che i militari avrebbero solo invitato l'Ong ad uscire dall'area di ricerca e soccorso (Sar) che pochi giorni fa il comandante della base navale di Tripoli, il generale Abdelhakim Bouhaliya, ha comunicato di aver istituito. "Al suo interno - era stato il messaggio dei soldati fedeli al premier Serraj - nessuna nave straniera avrà diritto di accedere salvo richiesta espressa delle autorità libiche". E così è stato, scatenando le ire delle associazioni umanitarie.

Ma a rendere ancor più movimentato il Ferragosto marino nel Mediterraneo ci ha pensato la C Star di Defend Europe, il mercantile da 40 metri affittato da Generazione Identitaria per ostacolare e controllare il lavoro delle Ong al largo della Libia. Sempre ieri la "nave nera" aveva seguito per 24 ore la Acquarius di Sos Mediterranée, poi era arrivata in contatto con la Golfo Azzurro. Qui, non lontano dal limite delle acque libiche di fronte a Tripoli e Zuwarah, è avvenuto lo scontro con la Marina africana. "Mentre sorvegliavamo la nave della Open Arms - spiegano gli attivisti di Gi - siamo entrati in contatto con una pattuglia della guardia costiera libica. Il suo capitano conosceva la nostra azione e l'ha stimata positiva. Abbiamo quindi collaborato". Forte del "riconoscimento" dell'autorità africana, quindi, C Star ha seguito e partecipato alla "cacciata" della Ong dalla zona in cui stava operando. "La stessa pattuglia - continuano dalla C Star - ha intimato l'ordine alla Golfo Azzurro di abbandonare il settore quanto prima possibile. L'ultimo messaggio della pattuglia è stato: "Partite e non fate più ritorno". Attualmente stiamo seguendo la Golfo Azzurro per assicurarci che obbedisca all'ordine che le è stato impartito".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti