Bari, vandali bruciano il presepe a Noicattaro

Vandali in azione, rotta una statua. Il sindaco: “Atto contro una comunità che vuole il cambiamento”

Tra i bilanci dei danni riportati durante la notte di San Silvestro c'è anche l'incendio di un presepe in piazza. È accaduto a Noicattaro, un Comune in provincia di Bari. Alcuni vandali, ancora sconosciuti, hanno deciso di dar fuoco alla natività in legno costruita in piazza Umberto, in pieno centro storico.

È stato quindi triste il risveglio per i cittadini del centro barese. I vandali hanno colpito il presepe, distruggendo una statua e bruciando - come detto - parte della struttura in legno. A darne notizia è il sindaco di Noicattaro, Raimondo Innamorato. Il primo cittadino ha pubblicato un post su Facebook con le foto del rogo della capanna annerita dalle fiamme, oltre ad una statua rotta.

"Il 2019 nojano comincia con rammarico, tristezza e rabbia" ha esordito il primo cittadino sui social. Innamorato parla di "simbolo deturpato". E così è. Dar fuoco al presepe non è solo una bravata da punire. Mina i sentimenti di chi crede. "Assieme - continua il sindaco - dobbiamo ricostruire ciò che si è provato a devastare. Assieme dobbiamo reagire con fermezza e determinazione. Il nostro orgoglio è più forte della stupidità di chi prova ad intimorirci, di chi tenta di allontanare la buona gente dai luoghi che da sempre prova a controllare. Qualcuno non gradisce il cambiamento di un paese che sta progredendo sempre più. Il cambiamento di una Comunità, pronta ad accogliere ed attrarre visitatori e curiosi. La nostra Noicàttaro sta crescendo e ciò, fa reagire in malo modo chi ancora non riesce a farsene una ragione”.

Quel gesto vandalico diventa, così, agli occhi del sindaco, un atto addirittura politico contro gli sforzi dell’Amministrazione. L'episodio ha provocato l'indignazione dell'intera comunità.