Ecco le mie notti feroci dentro i campi rom: "Reddito di cittadinanza? Ce l’hanno quasi tutti"

Più della metà delle famiglie rom ha già ottenuto il reddito minimo anche se guadagna migliaia di euro: "Non dichiaro"

È stato quando siamo usciti dal campo per andare in delegazione al summit sull'Ostiense che ho visto gli occhi della gente. Avrebbero potuto essere i miei occhi, ma io su quel bus - mentre si procedeva su via di Monte Cucco, via Monte delle Capre e attraverso il quartiere Trullo fino alla Magliana - stavo insieme a Ion, Fata, Edmund e Sori, si parlava tra di noi condividendo due tranci di pizza, e gli altri passeggeri ci squadravano, noi zingari, con quello sguardo che non avevo mai incrociato prima: non proprio ostile, ma schifato e diffidente. D'altronde anch'io, nei giorni e soprattutto nelle notti trascorsi nel campo, più che con le pantegane ho convissuto col pregiudizio. Non solo il mio, ma anche quello, feroce, che regna tra tutti loro; proprio come accadeva nel popolo dell'abisso dell'East End nell'Ottocento, negli slums e le baraccopoli della periferia romana c'è sempre qualche miserabile di cui sentirsi migliore.

Già nelle prime ore, durante la lunga trattativa per essere accettato, il «zingar grande», il capo romeno, mi dice di fare attenzione a «quelli là, i bosniaci». Li chiama «nomadi», con disprezzo, anche se stanno nel campo da dieci anni. «Sono sporchi, hanno le infezioni. Di notte sniffano per fare le rapine, vanno nel bosco a nascondere roba. Questo era un giardino prima che Alemanno ce li portasse qui dal Casilino, sono falsi, gente diversa. Avremmo dovuto fare come gli italiani con noi, ribellarci».

Una spianata a «elle» fa da confine, divide le baracche e i container dei rom romeni, provenienti in gran parte da Craiova, dalle roulotte degli ex jugoslavi, soprattutto di Zenica e la Bosnia centrale. Io abito con Ghika e T., una coppia sulla sessantina, in un container che sta nella terra di mezzo. Infatti sono «mezzosangue», come si definiscono, ma originari anche loro da Craiova. Ghika suona la chitarra elettrica nella metro e per strada, mostra il permesso. «Sono in Italia da 15 anni e non ho mai visto un commissariato da dentro», ci tiene a dire. Fino a due anni fa guadagnava anche 50 euro al giorno, oggi mai più di 25: «C'era rispetto, la gente era più gentile. Quel poco arriva dai turisti, gli italiani sono sempre più poveri». M. ai primi tempi ha provato a chiedere la carità, «ma la vergogna era troppo grande», qualche volta segue Ghika e fa la «chetta» col bicchiere di carta.

La sera si parla fino a tardi, l'odore della plastica che brucia nei bidoni dei falò entra anche se è tutto chiuso con i nastri adesivi, le parole sono interrotte dal continuo tossire. «Siamo diventati zingari perché non c'era più niente», dice la signora. Racconta che in Romania gestiva una pasticceria, aveva cinque dipendenti. Poi il primo marito ha ucciso un ragazzo e lei per fargli ridurre la pena ha impegnato quel che aveva, poi tutto è precipitato, «le lacrime salavano la minestra, ma ho trovato Ghika». «Mia figlia - dice - abita a Bologna, non sa che siamo diventati zingari, quando vado a trovarla mi faccio bella». Spiega che loro sono gli emarginati del campo, perché non appartengono a nessun gruppo. Vivono della chitarra di Ghika, non hanno nemmeno il fornelletto da campo e per cucinare, possono contare solo sull'aiuto di T., la vicina «slava» che fa campare cinque figli e il marito con il suo stipendio di un grande punto vendita alimentare. Anche T. abita in un container nella terra di nessuno, si è emancipata da «quelli delle roulotte», ma non vuole stare tra i romeni perché «parlano male dei bosniaci e fanno la spia alla polizia, ma i loro figli per difendersi a scuola devono chiedere aiuto ai nostri». «Al lavoro non sanno che sono zingara sennò non mi assumevano, e li capisco», mi dice una mattina presto mentre prende il caffè con le testimoni di Geova, due ragazze sui vent'anni che passano ogni giorno, conoscono tutti ed entrano con il sorriso anche nelle roulotte dove non si avventura nessuno, nemmeno i poliziotti quando fanno il giro per l'appello dei 25 assegnati ai domiciliari (nell'ultimo blitz nei 120 nuclei abitativi l'anno scorso sono state sequestrate dieci pistole, 50 armi da taglio, attrezzi da scasso, 30mila euro in banconote e divise del personale Aeroporti di Roma). «Non possiamo vivere tra di noi nel campo, come puoi pensare di mettere una famiglia rom in un condominio d'italiani? Vuole dire cercare la guerra», dice T.

Per squarciare la coltre d'ipocrisia ideologica e di demagogia sovranista creatasi intorno al «fattore rom», bisogna entrare nella pancia del campo, condividerne l'intimità fetida delle notti, quando anche la luna sembra diversa dalla nostra. Con il buio tra le baracche si sciolgono le reticenze e la realtà appare ancor più spietata. Raccontano di come tutto è cambiato con il presidio h24 della polizia municipale che ha posto un checkpoint all'ingresso e controlla i documenti e fa aprire i cofani. «La situazione sta esplodendo, non ci fanno più entrare le cose che raccogliamo nella gunnaie, la spazzatura, non sappiamo più dove portare il ferro. Ovvio che poi aumentano le rapine e i furti, qui il 90 per cento di noi è fuorilegge. Non possiamo vivere in questo lager, ma nemmeno vicino agli italiani, e non possiamo tornare in Romania o in Bosnia», dice Narad, che ogni tanto fa l'interprete nelle questure del Lazio.

Spiega che oltre la metà dei nuclei del campo ha già ottenuto o otterrà il reddito di cittadinanza (il Caf me l'ha confermato) e che alcuni ne hanno diritto anche se guadagnano migliaia di euro al mese. Nicola ha 30 anni e 15 figli, è partita Iva, possiede due furgoni e confessa di ricavare circa ottomila euro al mese dalla raccolta e commercio del ferro, ma non fattura e non dichiara per mantenere l'Isee a zero e non perdere i vantaggi sociali, infatti tra bonus bebè, le maternità della moglie, il reddito di cittadinanza (e prima quello d'inclusione) incassa quasi 15mila euro l'anno, oltre l'esenzione ticket per i nullatenenti e il trasporto scolastico gratuito.

Una sera il «zingar grande» convoca tutti al centro della spianata, annuncia che il giorno dopo ci sarà un vertice tra i rappresentanti dei campi per «scrivere un documento unitario da spedire alla sindaca Raggi». «Dobbiamo essere tre romeni e tre jugoslavi», dice. Ma sull'autobus «gli altri» non ci sono e i romeni vanno all'attacco: «Per causa loro i campi sono diventati la maledizione di Roma, siamo diventati merce politica per i razzisti e per gli antirazzisti».

Il vertice presso la Comunità cristiana di base San Paolo sull'Ostiense è la prova perfetta di ciò che si muove intorno al «fattore Rom», infatti ai dodici rappresentanti riuniti in cerchio nella grande stanza viene letto un documento politico già preparato dallo staff del deputato e consigliere comunale Stefano Fassina - «noi Rom di Roma riuniti in assemblea vogliamo presentare il nostro punto di vista sulla situazione complessiva da noi vissuta...» e solo da firmare. I rom fanno la fila, si chinano sul tavolino ed eseguono.

«Torniamo a casa», ci ha detto a un certo punto il «zingar grande».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Cheyenne

Sab, 25/05/2019 - 16:10

BRAVI I GRULLONI. ITALIA PAESE GOVERNATO DALLA MxxxA

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 25/05/2019 - 16:12

sara' contento il campano del 5s.....ci informera' anche quando questi troveranno un lavoro??

Seawolf1

Sab, 25/05/2019 - 16:14

porcate a cinque stelle....

maurizio-macold

Sab, 25/05/2019 - 16:14

Il vero problema che abbiamo in Italia non sono quei 4 poveracci che tentano di sbarcare sulle nostre coste ma la gente che viene dai paesi dell'est, e cioe' romeni, albanesi, slavi e soprattutto rom e zingari di etnia varia. Se Salvini, invece di bearsi di aver bloccato qualche nave si mettesse a lavorare sul serio ed estradasse rom e zingari vari saremmo gia' a buon punto. Attenzione, ho detto ESTRADARE e non ESPELLERE, perche' con l'espulsione di fatto non va via nessuno.

VittorioMar

Sab, 25/05/2019 - 16:18

..SONO RICCHI A CASA LORO ma vivono da PARASSITI...CHI SONO I FESSI??

florio

Sab, 25/05/2019 - 16:20

La grande trovata dei 5stalle, altro che aiuto agli Italiani, e io pago!

Ritratto di ichhatteinenKam.

ichhatteinenKam.

Sab, 25/05/2019 - 16:22

tUTTI BRAVI RIFORMA DEGLI UFFICI PROVINCIALI DEL LAVORO,DELL' INPS NON SE NE PARLA NEMMENO !E PIU' FACILE FARE ELEMOSINE,E CONTENTINI (BASTONE E CAROTA), PROMETTERE.. E FARSI MANTENERE. CHI SEMINA PRIMA O POI RACCOGLIE!

Ritratto di C.L.N.

C.L.N.

Sab, 25/05/2019 - 16:24

A seguito di questa inchiesta, se confermata dai fatti, la Magistratura o la Procura competente dovrebbe subito aprire un fascicolo per accertare i fatti e i redditi effettivi: poi denuncia e processo. Chi ha dichiarato il falso e percepito il reddito indebitamente, oltre alla restituzione, subito in carcere per un bel po'. E a quegli idioti dei 5 stelle un bel calcio nel deretano.

florio

Sab, 25/05/2019 - 16:35

Mi scusi m-m 16:14, ma quelli che hanno governato prima cosa hanno fatto per ESTRADARE i Rom, non mi risulta abbiano fatto qualcosa che assomigli ad lavoro serio come lei auspica a Salvini. Per quello che abbiamo visto fin'ora Salvini i "4 poveracci" che lei menziona, li ha bloccati con gli sbarchi (taxi) delle Ong varie. Se, altre cose tipo espulsioni non sono ancora state fatte nei numeri annunciati, forse bisognerebbe chiedere a certa magistratura politicicizzata, che altro non fa se non contrastare l'operato del Mnistro dell'Interno. Capisco che è un concetto non facile da capire, ma se ci sforziamo un attimo magari capiamo e i conti tornano. Provare per credere!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 25/05/2019 - 16:39

Si può dire parassiti? No. Arrivano la bachelete la belillo. Quanto dobbiamo sopportare?

Ritratto di giangol

giangol

Sab, 25/05/2019 - 16:41

fanno bene! se gli italiani sono c0gli0ni....non a caso vengono tutti qui

scorpione2

Sab, 25/05/2019 - 16:55

questo reddito di cittadinanza ai rom,zingari e sfaticati vari, gianni e pinotti della politica non lo avrebbe mai dovuto dare, ma dai tempi di carlo cutega le votazioni sono assistenzialismo questa ne e' la conferma, come ha fatto il fu' quel tal di firenze cosi stanno facendo gianni e pinotti comprare i voti. VERGOGNA

VittorioMar

Sab, 25/05/2019 - 17:01

..e tutti i loro MEZZI DI TRASPORTO sono senza ..ASSICURAZIONE...BOLLO...REVISIONE ...cioè come BOMBE INNESCATE che circolano sulle nostre strade...non basta andare nei campi si DEVONO CONTROLLARE E SEQUESTRARE...IMMEDIATAMENTE !!!...c'è un Responsabile al Ministero dei Trasporti ??...ASSENTE...!!

GeoGio

Sab, 25/05/2019 - 17:02

Ad un Italiano che ritorna da estero dove era a lavorare e ha perso lavoro, non danno reddito di cittadinanza. Ok Rom si sa che rubano e sono furbi non dichiarano niente, ma ai non cittadini danno reddito di "cittadinanza'??? Chiamiamolo reddito di paraculanza allora

giovanni951

Sab, 25/05/2019 - 17:23

e tutto ció grazie ai 5 stalle

nopolcorrect

Sab, 25/05/2019 - 17:31

Ma si, avanti così, porte aperte e portafogli aperti per rom e "migranti" per far felici i sinistri, i grillini e el papampero.

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Sab, 25/05/2019 - 17:32

IL PIATTO E' SERVITO, LO SCIEMPIO VOLUTO DAI GRILLINI LO STANNO PAGANDO I GRULLONI, VIA IL CAMPANO E I GRILLINI DAL GOVERNO E POSSIBILMENTE CON LA PROSSIMA ELEZIONE DAL PARLAMENTO

Reip

Sab, 25/05/2019 - 17:36

...LADRI CRIMINALI PROTETTI DAL SISTEMA DI SINISTRA! UN MOTIVO IN PIU’ DOMANI PER NON ASTENERSI E ANDARE A VOTARE UN PARTITO DI DESTRA ESTREMA DESTRA CHE SI INTERESSI INNANZITUTTO DEL BENESSERE E DELLA SICUREZZA DEGLI ITALIANI!

Teobaldo

Sab, 25/05/2019 - 17:37

..da questo articolo ho capito solo che baffino aveva ragione...noooo....baffino è D'Alenna ...che avete capito?

Ritratto di faman

faman

Sab, 25/05/2019 - 17:38

colpa dei 5 Stelle? certamente. Ma Salvini è corresponsabile...o no???

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 25/05/2019 - 17:40

Una VERGOGNA tutta della sinistra italiana. Questa gentaglia non ha bisogno,non muore di fame,ha liberamente scelto di vivere così,e gli italiani,a testa bassa,senza potersi rifiutare,devono MANTENERE queste mexde. Domani votiamo LEGA tutti in coro.

19gig50

Sab, 25/05/2019 - 17:41

Vergognoso!! Questo è uno schiaffo agli italiani che, quegli infami dei 5 stalle e tutti i simpatizzanti dei rom, domani pagheranno.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 25/05/2019 - 17:42

Ieri a causa di una tormenta tropicale non avevo INTERNET qui dove vivo e quindi non ho potuto farti la domanda scopone carissimo 16e55. Che è!!! Tuo figlio in Australia ci e arrivato col BARCONE e senza DOCUMENTI e l'hanno MANTENUTO per 3 anni in Hotel!!!!jajajajajajaja.

Boxster65

Sab, 25/05/2019 - 17:44

Di Maio sparirà presto, ma sempre troppo tardi.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 25/05/2019 - 17:45

Tale quale il bergoglione soldi agli stranieri e nessun aiuto agli italiani.

Italianocattolico2

Sab, 25/05/2019 - 17:45

Poiché se ne conoscono le origini ed i paesi di provenienza basta rispedirli a casa loro. Il problema è che i loro concittadini romeni, bosniaci e jugoslavi non li vogliono nemmeno in fotografia. Li conoscono troppo bene, sanno tutti che sono capaci solo di rubare e di non fare null'altro. Noi invece dobbiamo tenerceli sulla groppa e mantenerli. Gli italiani che non hanno mezzi se la devono cavare da soli, questi parassiti capaci solo di sfornare figli per farsi mantenere hanno tutto a disposizione e truffano apertamente quei beoti che li proteggono a soli fini politici.

maurizio-macold

Sab, 25/05/2019 - 17:53

Signor FLORIO (16:35), quelli che hanno preceduto il governo Salvini-DiMaio hanno pagato caro per la loro incapacita'. Le ricordo che riguardo alle persone che vivono in Italia senza diritto di permesso il Salvini aveva promesso centinaia di migliaia di estradizioni nei primi 6 mesi di governo: una promessa palesemente mancata. Ed allora io mi auguro che anche questo governo paghi per aver preso in giro gli italiani.

Pigi

Sab, 25/05/2019 - 18:20

Il reddito di cittadinanza è stato applicato alla grillina, cioè senza criterio. Sarebbe bastato un requisito minimo di contributi o imposte versate dal richiedente o dai suoi parenti prossimi per escludere Rom, barboni e africani arrivati sui barchini.

ilbelga

Sab, 25/05/2019 - 18:30

scusate se non sono molto informato per domani, c'è forse qualche politico che ha promesso 80 euro ai pensionati???altrimenti lo voto, ditemelo. oh no???

pushlooop

Sab, 25/05/2019 - 18:32

A me i rom sono costati diverse migliaia di euro fra effrazioni, macchina sfondata, furto portafogli e carte di credito, sistemi di allarme e cancelletti alle finestre...e ora gli diamo anche il reddito di cittadinanza, complimenti

Una-mattina-mi-...

Sab, 25/05/2019 - 18:32

DECISAMENTE IRRECUPERABILI, A COMINCIARE DALLA RIPRODUZIONE FUORI CONTROLLO: EPPOI, IL PIU' ONESTO E' EVASORE TOTALE E TRUFFA LO STATO. MA DOVE VOGLIAMO ANDARE?

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Sab, 25/05/2019 - 18:33

Persino una coltura batterica in vitro ha più dignità come popolo e comunità di un campo nomadi Rom.

mozzafiato

Sab, 25/05/2019 - 18:37

MAURIZIO MACOlD ancora con la stron.... dei 4 poveracci che sbarcano in Ialia ma che contribuiscono a vuotare le nostre tasche e a riempire le nostre piazze di delinquenti e spacciatori ? Ma come si fa a trattarti in maniera civile ? SONO PROPRIO I DISGRAZIATI COME TE CHE DANNO DEL RAZZISTA A CHI VORREBBE RISTABILIRE LA LEGALITA' relativamente agli zingari! Salvini non ha mai parlato di forni crematori ne di campi di concentramento HA SEMPRE AUSPICATO LA ESPULSIONI DEI PREDETTI DELINQUESTI ! Vai a zappare kompagno ! Chissa' che non ritrovi il senno smarrito !

caren

Sab, 25/05/2019 - 18:47

Maurizio-macold, diciamo che, chiunque non ha diritto a rimanere sul suolo italiano, deve essere rimpatriato, neri, bianchi, rossi e gialli. E comunque non è compito di Salvini. A parte questo, ecco la dimostrazione lampante di come vengano stanati i "furbetti" del RDC, mentre chi ne avrebbe bisogno davvero, toppa.

Boxster65

Sab, 25/05/2019 - 20:04

Se lasciavano finire il lavoro a qualcuno, diversi decenni fa, questi non esisterebbero da mo' e il mondo sarebbe un posto migliore!

rino34

Sab, 25/05/2019 - 20:07

Grazie Salvini

Ritratto di faman

faman

Sab, 25/05/2019 - 22:03

vedo con piacere che nessuno ha commentato il mio post sulla corresponsabilità di Salvini. Complimenti per la vostra imparzialità.

Ritratto di faman

faman

Sab, 25/05/2019 - 22:07

Boxster65-Sab, 25/05/2019 - 20:04: commento intelligente da caprone fascistoide

rino34

Sab, 25/05/2019 - 22:16

a un italiano che ha la prima casa e non lavora non danno il reddito di cittadinanza, e nemmeno a un giovane che abita con i suoi (perchè, dove dovrebbe abitare, sotto un ponte?) e' una vergogna , e ne sono resposabili in egual misura I 5stelle e Salvini. VERGOGNA

Ritratto di mailaico

mailaico

Sab, 25/05/2019 - 22:20

Vi faccio tornare io a casa: una grande stanza con tante docce. E vi fate un bagno che non dimenticherete come ce ve lo ha insegnato tanto tempo fa, il caro leader, lo zio Adolf!

Ritratto di cicopico

cicopico

Dom, 26/05/2019 - 07:01

fuori tutti i rom da italia,fuori tutti gli stranieri,basta invasione.

Ritratto di venanziolupo

venanziolupo

Dom, 26/05/2019 - 09:50

Teobaldo certo che abbiamo capito baffino quello giusto ... che sia d'alemma ? .....

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 26/05/2019 - 10:23

Non voglio più sentire di crescita quando abbiamo legato ai piedi il piombo. Si potrebbe andare in pensione a 50 anni se non ci fosse tutto questo parassitismo e con il welfare ribaltato sul fondo pensioni.

maik57

Dom, 26/05/2019 - 10:39

Quanto odio, tutti contro tutti, sistema non funzionale affinché l'essere umano possa vivere in pace con se stesso e gli altri.

Boxster65

Dom, 26/05/2019 - 19:26

@faman.. sicuramente anche tu non saresti nato se il lavoro fosse stato completato. Ed il mondo sarebbe stato ancora migliore!