Nella Pa ci si ammala il doppio rispetto al settore privato e soprattutto il lunedì

Secondo l'Osservatorio dell'Inps gli impiegati pubblici si ammalano il doppio rispetto a quelli privati. Nella Pa sono più donne che uomini a restare a casa per malattia

Nella Pa ci si ammala il doppio rispetto al settore privato e soprattutto il lunedì

Lo scorso anno in Italia, tra settore pubblico e privato, si sono persi quasi 109 milioni di giorni di lavoro. È quanto emerge dall'Osservatorio Inps, secondo il quale nella Pubblica amministrazione ci si ammala il doppio che nel privato: in media 10 giorni e mezzo lo scorso anno, contro gli oltre 5 giorni e mezzo delle aziende private.

Nel settore privato lo scorso anno sono stati fatti in totale 77.195.793 giorni di malattia, mentre nel pubblico il monte malattie è arrivato a quota 31.525.329. Se si considera però il numero dei dipendenti sia pubblici (3 milioni) che privati (13,6 milioni), ne consegue che i giorni di malattia nel pubblico sono stati in media 10,5 mentre nel privato 5,67.

Il numero dei certificati di malattia trasmessi rispetto al 2013, presenta un lieve aumento dell`0,8% per la pubblica amministrazione e una diminuzione del -3,2% per il settore privato.

Nel settore privato la classe di età dei lavoratori con almeno un evento di malattia nel 2014 a maggior frequenza è quella tra i 40 e 44 anni (16,1%) a differenza della pubblica amministrazione in cui, invece, la classe di età a maggior frequenza è quella tra i 55 e 59 anni (20,8%). A livello di genere invece, nel 2014, i lavoratori con almeno un evento di malattia sono in maggioranza maschi (56,1%) nel comparto privato e in maggioranza femmine (69,0%) nella Pubblica amministrazione.

C'è un dato invece che accomuna i due settori. Indipendentemente dal fatto che si lavori nel pubblico o nel privato, casualità vuole che il giorno in cui ci si ammala più di frequente è il lunedì, subito dopo il weekend.

Commenti