Neonato trovato morto in una aiuola, fermati i genitori

Marito e moglie sono stati bloccati dai carabinieri. Il bimbo aveva una ferita alla testa e il cordone ombelicale ancora attaccato

Il padre e la madre del neonato ritrovato morto nella serata di ieri nel Salernitano, sono stati fermati dai carabinieri della Compagnia di Mercato San Severino e del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Salerno per l’omicidio del figlio.

La piccola vittima era stata ritrovata nel tardo pomeriggio di mercoledì 2 settembre nel Salernitano, a Roccapiemonte. Un condomino che si stava recando in garage aveva notato il corpicino in una aiuola di un parco residenziale in via Roma e aveva subito dato l’allarme. Il neonato aveva ancora il cordone ombelicale attaccato e probabilmente era nato da poche ore. Sul posto sono intervenuti, oltre al sindaco Carmine Pagano, i vigili urbani e i carabinieri della compagnia di Mercato San Severino che, agli ordini del maggiore Alessandro Cisternino e coordinati dal pubblico ministero della procura di Nocera Inferiore Roberto Lenza, hanno subito avviato le indagini. Sul luogo del ritrovamento anche la Scientifica che ha effettuato i primi rilevamenti.

Sotto choc l'intera comunità

Sconvolta l’intera comunità di Roccapiemonte per quanto avvenuto. Il primo cittadino, nel commentare la notizia ha parlato di tragedia immane, simile a un incubo, e ha poi aggiunto: “Spero che questa storia possa risolversi presto, chiunque sia il colpevole resta una tragedia infinita”. Si era detto certo che le forze dell’ordine intervenute avrebbero potuto accertare la verità in tempi brevi e scovare i colpevoli. In segno di lutto, oggi, giovedì 3 settembre, alle 18.00, Pagano ha invitato tutta la popolazione, esercizi commerciali compresi, a osservare un minuto di raccoglimento e di riflessione. Anche il parroco, padre Giuseppe Ferraioli, ha detto: "Siamo addolorati e senza parole. Un fatto terribile che lascia sconvolti tutti noi".

Fermati i genitori del neonato

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, il neonato è stato ritrovato con il cordone ombelicale ancora attaccato e una ferita alla testa. Le indagini sono andate avanti per tutta la notte. Dopo aver ascoltato il condomino che aveva ritrovato il corpicino ormai senza vita del bambino, i militari hanno sentito anche gli altri residenti della zona. L’autopsia verrà eseguita presso l’obitorio dell'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore e potrà chiarire la causa esatta del decesso. Nel corso della scorsa notte i Carabinieri della Compagnia di Mercato San Severino e del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Salerno hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto per omicidio i genitori del neonato, il padre di 47 anni e la madre di 42 anni. Il marito adesso si trova in carcere, mentre la moglie è piantonata dalle forze dell’ordine in ospedale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

adal46

Gio, 03/09/2020 - 13:06

Tragedia immane, si; povero piccolo. Riposa in pace. Ma RIFLETTIAMO: ci sono dei pazzi anche qui, come è successo in Francia, che vogliono legalizzare l'aborto al nono mese. E allora che differenza c'è fra 9 mesi e un'ora e nove mesi meno un'ora? Il primo è un delitto e il secondo è un fatto umanitario legale? MEDITIAMO, GENTE, MEDITIAMO...!

Italia_libera

Gio, 03/09/2020 - 13:25

Povera creaturina! Quante persone potevano essergli padre e madre...Divulgate sempre in tutte le trasmissione televisive e radio che c'è' sempre una madre e un padre che cercano un figlio! Istituzioniiii,lasciate perdere questi clandestini a 35euro al giorno e preoccupatevi di coppie che compiono queste disgrazie.

necken

Gio, 03/09/2020 - 15:13

e pensare che il bambino poteva nascere in ospedale con tutte le care sia per il nascituro che per la mamma il tutto a cura e spese della comunita nazionale e poi essere lasciato in buone mani in attesa di adozione.. forse non tutti lo sanno ma è proprio cosi!

ulanbator10

Ven, 04/09/2020 - 10:27

Non c'è commento che possa cambiare qualcosa di fronte ad un fatto del genere, ma una cosa mi sembra strana. Ho purtroppo saputo e letto di questo fatto sia da 4 TV e da almeno 5 giornali, ma nessuno ci informa della nazionalita' dell'arrestato.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 04/09/2020 - 11:13

Devono aiutare le famiglie italiane a mantenere i figli, non piangere e pretendere l'arrivo dei clandestini.