Vaccino, niente più fasce d'età: c'è la data per le prenotazioni libere

Con l'arrivo entro il prossimo mese di 28 milioni di dosi, accelera la campagna vaccinale. C'è la data per la prenotazione senza limiti d'età

Vaccino, niente più fasce d'età: c'è la data per le prenotazioni libere

Entro il 10 giugno verrà decisa la data per la quale non ci saranno più restrizioni e limiti d'età per le prenotazioni del vaccino. Poco più di dieci giorni e gli italiani sapranno quando potranno fissarla, anche se hanno meno di 40 anni.

La campagna vaccinale procede spedita e le dosi consegnate, più quelle che in breve tempo arriveranno, permettono al Generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per il contrasto dell'emergenza Covid, e alla sua struttura di pianificare, nelle prossime due settimane, un'ulteriore accelerazione. È previsto nei prossimi giorni l'arrivo di 8,5 milioni di dosi che andranno a completare la fornitura prevista per maggio. Sono 20 milioni, invece, le dosi che arriveranno secondo programma e accordi nel mese di giugno. Per un totale di 28 milioni di dosi. Numeri che non solo permettono di coprire le fasce d'età previste in questo momento ma di fare anche un ulteriore passo in avanti. Come scrive il Corriere.it, è stato proprio il Generale Figliuolo in persona a fare un quadro della situazione: "Sugli over 80, che è la categoria più a rischio, abbiamo vaccinato oltre il 90%, ne mancano all’appello 460 mila. Per gli over 70 siamo all’80% e ne mancano 1,2 milioni, sugli over 60 siamo a oltre il 65% e ne mancano all’appello 2,6 milioni, considerando la platea calcolata su tessera sanitaria. Adesso dobbiamo terminare queste classi andando a intercettarle in una maniera più proattiva rispetto a quello che è stato fatto finora".

L'obiettivo principale è quello di allineare i numeri delle regioni evitando di fatto che ci siano alcune che restino indietro, soprattutto rispetto ai soggetti fragili. La data non viene annunciata in questi giorni, ma verrà fatto tra due settimane, proprio per dare la precedenza a tutti gli over 60 che non hanno ancora ricevuto il vaccino.

La circolare riguardo le prenotazioni libere per tutti è ideata proprio con il fine di evitare che ci sia un lavoro eterogeneo. Le regioni che sono più avanti con le vaccinazioni, infatti, hanno già cominciato a vaccinare i più giovani. Il Lazio tra il primo e il tre giugno conta di vaccinare tutti i maturandi.

La Lombardia ha aperto la vaccinazione agli over 30, l'Alto Adige, da oggi, prenoterà tutti coloro che hanno più di 18 anni. L'Emilia-Romagna ha aperto tre hub interaziendali per i lavoratori.

Il vaccino in ferie

"Prenderemo una decisione insieme ma la situazione deve essere armonica e uguale ovunque", ha dichiarato Figliuolo riguardo il nodo da sciogliere sulla somministrazione della seconda dose per chi è in vacanza e, dunque, lontano dalla propria residenza.

La Lombardia, attraverso il presidente della regione Attilio Fontana, ha dichiarato che si adeguerà alle scelte del generale. Altri governatori però hanno dichiarato che per invogliare il turismo faranno in modo di assicurare una dose a chi è lontano da casa. Un'altra circolare, già diramata, prevede che tutti coloro che hanno in programma un soggiorno di almeno tre settimane non hanno di che preoccuparsi dal momento che possono ottenere la seconda dose. Il problema sorge per chi ha previsto delle vacanze brevi ma, durante un incontro con le Regioni, Figliuolo ha assicurato che "si arriverà a un compromesso".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti