Nigeriano gli offre della droga, lui lo fa arrestare

Un 26enne viene avvicinato da un pusher che gli offre dell'hashish, lui chiama la polizia e lo fa arrestare; è successo nei pressi della stazione di Bergamo, zona nota per lo spaccio

Gli si avvicina per offrirgli della droga, lui chiama la polizia e lo fa arrestare. E' successo mercoledì sera a Bergamo, precisamente in via Bonomelli, nei pressi della stazione, zona ben nota per lo spaccio di stupefacenti.

Il ragazzo, un bergamasco di 26 anni, stava rientrando a casa quando è stato avvicinato da un nigeriano di 33 anni a bordo di una bicicletta che gli ha proposto di acquistare dell'hashish. Il giovane non solo ha rifiutato ma, dopo essersi allontanato, ha provveduto a chiamare le Forze dell'Ordine riportando il fatto e fornendo una descrizione accurata dello spacciatore, incluso il colore della bicicletta sulla quale si spostava.

Sul posto sono immediatamente accorse due pattuglie che hanno immediatamente individuato lo spacciatore, grazie anche all'accurata descrizione del giovane bergamasco e hanno fermato e perquisito il pusher, trovandogli la droga da rivendere nascosta negli slip. Il nigeriano è poi stato portato in questura, dove è emerso che il soggetto aveva già precedenti per spaccio ed era in attesa di rinnovo del permesso di soggiorno.

A inizio gennaio la Guardia di Finanza e la Polizia Locale di Bergamo avevano condotto una serie di operazioni contro lo spaccio in zona centro-città e in quella della stazione dei treni, particolarmente soggetta al fenomeno, sequestrando una cospiscua quantità di hashish e marijuana.

Fonti del Comune di Bergamo riferivano che dal primo gennaio ad oggi sono arrivati al comando della polizia locale cinque esposti relativi alle problematiche di sicurezza urbana, degrado, spaccio e viabilità. Agli atti risultano, anche, otto denunce a piede libero e cinque arresti per spaccio di sostanze stupefacenti.

Commenti

Una-mattina-mi-...

Ven, 24/01/2020 - 13:35

PERFETTO! AVANTI COSI', SMASCHERIAMOLI TUTTI

momomomo

Ven, 24/01/2020 - 14:04

..."...il soggetto aveva già precedenti per spaccio ed era in attesa di rinnovo del permesso di soggiorno..."... Ma come mai un tale soggetto, con tali precedenti, era in attesa di permesso di soggiorno? Permesso di soggiorno per far cosa, spacciare...!?

Malacappa

Ven, 24/01/2020 - 14:05

Come si permette sto ragazzo di interrompere la giornata lavorativa dei nostri futuri paganti di pensione per fortuna un solerte magistrato lo liberera' e tornera'al lavoro o no???

occhiotv

Ven, 24/01/2020 - 17:19

Questa è l'Italia sta preparando per i futuri giovani italiani, una parte della politica che ben conosciamo!!

Korgek

Ven, 24/01/2020 - 18:21

Ora arriverà quel premio Nobel dell'intelligenza di Fabio Volo e dirà al giovane di 26 anni "perchè anzichè far arrestare un nigeriano, non fai arrestare un camorrista se ne hai le pxxxe?"

Robdx

Ven, 24/01/2020 - 19:12

Ma come Lorenzovan dice che è il felpini a creare il clima di odio verso gli stranieri

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Ven, 24/01/2020 - 20:12

Spero abbia gradito la cena halal in Questura. Domattina appena arriva il giudice firma e timbro e libero, poi l'assistente sociale controllerà che riceva tutti i Diritti e i sussidi che il suo status di Risorsa merita.

Calmapiatta

Ven, 24/01/2020 - 21:03

Il pusher sarà già libero e sarà tornato ai suoi affari.

Robdx

Ven, 24/01/2020 - 21:23

Immagino la Boldrini griderà al razzismo, un povero nigeriano che stava li per pagarci le pensioni

Ritratto di Acquachiara

Acquachiara

Ven, 24/01/2020 - 21:48

Mah. Io ero rimasto che quello di spaccio di stupefacenti era un delitto perseguibile d'ufficio, ma pare che l'orientamento sia di aspettare una denuncia perchè le forze dell'ordine si attivino; forse anche in attesa della legalizzazione a cominciare dalle droghe leggere - poi seguiranno le altre. Cosa vuoi che sia una canna? si comincia a dire. Ma se si comincia a dire, diciamolo fino in fondo: se non è vietato suicidarsi ciascuno è libero di farlo come meglio gli pare, basta che lo faccia senza rompere le tasche agli altri che vogliono vivere una vita e farlo in modo normale. Perchè drogarsi normale non lo è affatto.

Ritratto di Sniper

Sniper

Ven, 24/01/2020 - 21:55

Chissa` come mai ho il sospetto che invece di solito gli italiani diano al nigeriano soldi in cambio della droga, che il nigeriano ottiene peraltro dalla mafia italiana. In altre parole il problema-droga inizia e finisce con gli italiani, non con gli africani.