La Nike lascia a piedi il pugile Pacquiao. "Noi siamo con i gay"

Solo qualche giorno fa è balzato agli onori di cronaca per le sue dichiarazioni omofobe. Ora gli sponsor non vogliono più il campione: la Nike gli ha cancellato il contratto di collaborazione

La Nike lascia a piedi il pugile Pacquiao. "Noi siamo con i gay"

"I gay sono peggio degli animali". Le dichiarazioni omofobe di Manny Pacquiao gli si sono ritorte contro: la Nike ha annullato il contratto con il pugile.

Le sue affermazioni contro i gay lo avevano portato al centro di numerosi dibattiti, per questo aveva deciso di scusarsi. Ma quando il pugile Pacquaio pensava che il peggio fosse passato, gli è arrivata l'ultima bastonata: la Nike ha deciso di sciogliere il contratto con il campione. La nota marca di articoli sportivi è suo sponsor ufficiale dal 2006, ma i rapporti di vecchia data non hanno impedito all'azienda di prendere decisioni ferme. "Chiudiamo tutti i rapporti con Manny Pacquiao - hanno dichiarato alla stampa- .Troviamo i suoi commenti ripugnanti" .

In un'intervista, la Nike ha detto chiaramente che "si oppone con forza ad ogni tipo di discriminazione". In passato infatti, l'azienda aveva portato avanti una lunga lotta a favore dei diritti della comunità Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender). Le scuse pubbliche del campione, quindi, non sono bastate e l'azienda ha preferito lasciarlo a piedi.

Commenti