Nuova Zelanda, pinguini "arrestati" dalla polizia: si erano introdotti in un sushi-bar

Un arresto stravagante in Nuova Zelanda: una coppia di pinguini è stata fermata dopo essersi introdotta in un ristorante

Scena da film in Nuova Zelanda: una coppia di pinguini blu, con i suoi 30-40 centrimenti di lunghezza è la specia più piccola al mondo, è stata fermata dalla polizia. L'accusa? Essersi intrufolati in un sushi-bar.

Arresto non convenzionale

Ad allertare gli agenti è stato il proprietario del chioso che vende sushi, il quale ha trovato gli animaletti nascosti vicino a un grata del locale: "Un commesso ha sentito il loro verso vicino a una delle griglie sotto il negozio di sushi", ha raccontato a Guardian. Tempestivo l'intervento dell'agente John Zhu che ha immediatamente fermato la coppia di pinguini.

La polizia di Wellington ha raccontato l'accaduto su Facebook: "Già sabato sera l'agente era stato chiamato per occuparsi dei pinguini e portarli in salvo dai predatori presso il Dipartimento della conservazione, dato che si tratta di una specie a rischio". E ironicamente hanno aggiunto: "Non saremmo sorpresi di sentire il proprietario del sushi bar chiamare nuovamente per chiedere aiuto", come riporta il Corriere della Sera.

Anche il direttore del Dipartimento, Jack Mace, è intervenuto sullo stravagante arresto: "La mia squadra è intervenuta una seconda volta perché gli animali sono ritornati in quel luogo dove si sentivano sicuri, come fanno anche quando cercano un'area dove nidificare lontano dai pericoli. Via radio abbiamo anche chiesto alla popolazione di stare attenta, anche perché questi animali possono mordere". Mace ha inoltre aggiunto: "I pinguini si accoppiano e cercano i siti dove deporre le uova, il che potrebbe aver spinto questa coppia ad avventurarsi più lontano a caccia di un luogo tranquillo".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.