"Rapita da bimba": Olesya Rostov è Denise Pipitone?

Olesya Rostov, una giovane ragazza russa, potrebbe essere Denise Pipitone. "Domani sapremo qualcosa in più" ha fatto sapere il legale di Piera Maggio

In foto, Olesya Rostov (screen video пусть говорят)
In foto, Olesya Rostov (screen video пусть говорят)

Olesya Rostov è Denise Pipitone? È questo l'interrogativo che tiene banco nelle ultime 24 ore, da quando il volto della 17enne russa ha fatto capolino tra tivvù e quotidiani di tutto il mondo. Una domanda che potrebbe trovare risposta già stasera, nel programma di Rai 3 condotto dalla giornalista Federica Sciarelli. "Domani (stasera ndr) ne sapremo di più perché è una cosa di ‘Chi l’ha visto?", spiega al quotidiano online Il Riformista l'avvocato Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio.

La segnalazione dalla Russia: si tratta di Denise?

Dopo anni di ricerche e attese disilluse, Piera Maggio potrebbe essere ad un passo sua figlia, scomparsa l'1settembre del 2004 da Mazzara del Vallo, nel Trapanese, in circostanze mai chiarite. Una ragazza russa, Olesya Rostov, ha riacceso le speranze per la risoluzione del missing case italiano più intricato e tribolato dell'ultimo ventennio. È sul serio lei Denise? "Siamo speranzosi ma sempre cauti perché abbiamo avuto tante delusioni", spiega l'avvocato Giacomo Frazzitta. Poi, continua: "Vogliamo fare l’esame del Dna e pare che ci sia anche la disponibilità della ragazza, che ha una storia molto particolare da quello che abbiamo appreso. Vedremo. E’ una notizia su cui lavoriamo da 5-6 giorni. Domani ne sapremo di più perché è una cosa di ‘Chi l’ha visto?".

Mostra un cauto entusiasmo anche Federica Sciarelli che, nel corso degli anni, ha seguito la vicenda con grande accoramento rilanciando sovente le segnalazioni pervenute alla redazione del programma di cui è al timone proprio dal 2004. "Sarebbe troppo bello, un regalo enorme. - spiega all'Ansa la conduttrice di Chi l'ha Visto? - Vi racconto com’è andata. La segnalazione è nata quasi per caso, da una nostra telespettatrice che ha riferito che a Mosca c’è una giovane donna che ha la stessa età di Denise e che somiglia moltissimo a Piera Maggio, la mamma della piccola scomparsa 17 anni fa. Forse è una suggestione dovuta alla somiglianza, ma la giovane donna ha la stessa età che avrebbe oggi Denise".

Chi è Olesya Rostov

Come ricostruito da Il Riformista, Olesya Rostov ha inviato una lettera alla redazione di пусть говорят (in italiano "Lasciali parlare"), trasmissione russa in onda sull'emittente Primo Canale, nel tentativo di ritrovare la sua famiglia d'origine. Nel 2005, all'età di 5 anni (compatibile con quelli di Denise al tempo della scomparsa) è stata rapita da una rom e portata in un campo nomadein Russia. Dopo aver trascorso un periodo nella baraccopoli, durante il quale chiedeva l’elemosina per conto della comunità, è stata arrestata. Sprovvista di documenti - motivo per cui non è possibile stabilere con certezza il giorno di nascita - venne trasferita in un orfanotrofio. Qui le avrebbero tagliato tutti i capelli (rendendola irriconoscibile) e le dato il nome di Rostov Olesya.

"Cara mamma non ti ho mai dimenticato, ti sto cercando e ho la possibilità di trovarti. Eccomi qui, sono viva, voglio conoscerti e trovarti", ha detto la giovane nel corso dell'appello rilanciato dall'emittente russa пусть говорят.

Cosa non torna

Se nel racconto di Olesya l'età del rapimento sembrerebbe coincidere con di Denise Pipitone, al tempo della scomparsa, ci sono però degli aspetti che gettano ombre sull'identità della ragazza. Se è vero infatti che Olesya, specie in alcuni tratti del volto, somiglia moltissimo a Piera Maggio, nelle foto da bambina la somiglianza con la piccola Denise è più dissipata. Inoltre, la giovane russa ha spiegato "di non parlare né avere ricordi in italiano". Piera Maggio aveva raccontato, invece, che la figlioletta, a quattro anni, parlasse in italiano e anche in dialetto siciliano. Fatto sta che Olesya Rostov è il nome della speranza: quella di riabbracciare Denise.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti